Facchinetti al top: “La canzone del Capitano” è il singolo più venduto del secolo

By on gennaio 2, 2015
foto francesco facchinetti

Correva l’anno 2003 e un giovane “Dj Francesco” lanciava quella che divenne il brano tormentone all’interno dei villaggi turistici, il ritornello recitava: “Porta in alto la mano, segui il tuo capitano, muovi a tempo il bacino, sono il capitan Uncino”.

Francesco Facchinetti oggi è un personaggio amato-odiato, molto attivo sui social network e spesso al centro del gossip nostrano, sarà contento di sapere che la sua (unica) hit di successo è ad oggi ancora il singolo più venduto del XXI secolo.

Un milione e mezzo di dischi venduti, doppio disco di diamante (ovvero più di seicento mila copie vendute): quello de “La canzone del Capitano” è destinato ad essere un record senza eguali e sapete perchè?

Gli appassionati sapranno che la classifica dei singoli è stata soppressa in modo definitivo nel 2008 lasciando spazio alla classifica dei “top digital” a causa dei cambiamenti che il mercato musicale ha anch’esso subito con l’avvento delle nuove tecnologie.

Lo stesso Francesco Facchinetti – che in seguito ha poi deciso di abbandonare il nome d’arte a favore del suo nome di battesimo – ha ironizzato su Facebook per la curiosa vicenda dichiarando proprio oggi: “Si è concluso il 2014 e La canzone del Capitano è ancora al 1° posto dei singoli più venduti del XXI secolo. Chiedo scusa a tutti i cantanti e non solo”.

Lo stesso Facchinetti sembra essersi stupito del successo registrato da questa canzone, come da lui recentemente dichiarato l’uncino è stato appeso al chiodo e anche se Francesco ha deciso di dedicarsi ad altre attività mettendo da parte la carriera musicale il suo passato di cantante è riuscito in qualche modo a lasciare il segno. Congratulazioni!

About Stefania Cicirello

La sua tana attualmente è a Milano, la chiamano Ahnia ed è speaker radiofonica su Radio Danza dove conduce un programma in diretta tutti i venerdì dalle 17.00 alle 19.00. Indirizzo di studi prettamente artistico, Stefania parla tanto, viaggia e sogna di girare il mondo, disegna e respira l'aria delle sale di danza da quando aveva 5 anni. A 17 anni la sua prima esperienza all'interno di uno studio televisivo nei panni di una timida e impacciata valletta al fianco di Maurizio Mosca: di calcio non capiva nulla allora e poco è cambiato ma se le date la Moto Gp saprà intavolare la migliore delle discussioni da bar. Con la sua personalità creativa si interessa di grafica, fotografia, musica, danza e...tv!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *