La prova del cuoco, le ricette del 21 gennaio 2015 e i piatti della cucina casereccia

By on gennaio 21, 2015
foto la prova del cuoco 21 gennaio 2015

È mercoledì negli studi de La prova del cuoco e mercoledì significa Chi Batterà lo Chef. Paolo Massobrio è pronto ad assaggiare i piatti preparati da Gilberto Rossi e dai concorrenti di turno, pronti ad aggiudicarsi il montepremi finale. Dopo il ricco menu presentato ieri (tutte le ricette de La prova del cuoco di ieri sono presenti cliccando qui), Luisanna Messeri e Anna Moroni ci insegneranno una nuova ricetta tutta da gustare, con ingredienti semplici e tipici della tradizione italiana. Facciamo un passo indietro e vediamo ora quali sono state le ricette presentate nel palinsesto culinario della giornata di ieri.

Ultime battute per Dolci dopo il Tiggì, che come sapete a marzo chiuderà i battenti per lasciare spazio a Monica Leofreddi e al suo Torto o Ragione. In attesa dello stop definitivo, i concorrenti si sono cimentati nella preparazione di una deliziosa torta di carote. Ancora dalla Rai e in particolare da Detto Fatto, arrivano i consigli dello chef stellato Fabio Pisani, che ieri ci ha mostrato come si cucina la Cecina Croccante.

Voliamo rapidamente in casa Mediaset e intrufoliamoci nelle cucine di Studio Aperto, per scoprire il piatto di Tessa Gelisio della puntata di ieri. La dolce conduttrice di Cotto e Mangiato ci ha insegnato a preparare un succulento risotto zucca e burrata. Per concludere, diamo uno sguardo alle ricette di Samya e alle sue deliziose schiacciatine vegetariane. Vediamo ora insieme le ricette de La prova del cuoco di oggi, 21 gennaio 2015.

foto_chi_battera_lo_chef

Zuppa ceci, radicchio e rosticciana di Luisanna Messeri. Ingredienti: 500 g di ceci piccolini, 1 kg di costine di maiale, 1 barattolo di pomodorini di collina, conserva di pomodoro, 100 g di pancetta stesa, salvia e rosmarino, 1 spicchio d’aglio, 2 cespi di radicchio di Treviso, fette di pane tostato raffermo, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Lasciamo in ammollo i ceci per una giornata interna, quindi lessiamoli con due foglie di salvia e uno spicchio d’aglio vestito. Facciamo rosolare un battuto di pancetta, salvia, rosmarino e aglio. Rosoliamo la carne, aggiustiamo di sale e pepe e uniamo il radicchio tagliato a listarelle, con i 3/4 di ceci interi e il pomodoro per dare colore. Uniamo infine i ceci frullati e amalgamiamo bene con poca acqua di cottura. Cuociamo per 20′ per far ritirare il brodo. Saliamo e pepiamo. Tagliamo il pane a fette, disponiamo all’interno di una scodella e versiamo al centro la zuppa con la carne. Diamo una macinata di pepe fresco.

Bauletti di tacchino con funghi porcini di Anna Moroni. Ingredienti: 6 fettine spesse di tacchino, 10 g di funghi porcini secchi, 1 cucchiaio di burro, 250 g di latte intero, 25 g di burro, 30 g di farina, sale e pepe, 2 uova, farina q.b., 2 cucchiai di grana, pane grattugiato, olio di semi di arachide, radicchio stufato. Prepariamo la besciamella nella maniera classica e facciamo raffreddare. Rosoliamo i funghi con il burro e tagliamo a pezzetti. Uniamo i funghi alla besciamella, condiamo con il grana e saliamo. Riempire i bauletti con il ripieno, chiudere con uno stuzzicadenti e passare nella farina, nell’uovo e nel pan grattato. Friggiamo in olio bollente e abbondante. Serviamo con il radicchio stufato.

Fetta di risotto al cavolo cappuccio rosa di Sergio Barzetti. Ingredienti: 300 g di riso Baldo, 180 g di cavolo cappuccio viola, 50 g di grana padano, 100 g di speck tagliato a listarelle, 200 g di raspadura, 1 mazzetto di prezzemolo riccio, 1 bicchiere di vino Bonarda Oltrepò Pavese, brodo vegetale, burro, alloro, sale e pepe. Facciamo tostare il riso con il burro e il cavolo tagliato a pezzetti, sfumiamo al vino bianco. Completiamo la cottura con il burro e mantechiamo con il grana. Versiamo il riso in uno stampo da plumcake e battiamo bene in modo da eliminare l’aria. Lasciamo raffreddare e mettiamo in frigo per 3 ore. Sformiamo, tagliamo a fette di circa 3 cm e passiamo in padella con burro e speck. Aggiungiamo un po’ di grana, girando le fette e condendo su ogni lato. Serviamo con radicchio tagliato sottilissimo e raspadura sottile.

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *