Pino Daniele e il legame con Giuliana De Sio: l’attrice rompe il silenzio su DiPiù

By on gennaio 12, 2015
foto Giuliana De Sio

Solo una settimana fa è venuto a mancare uno dei più grandi artisti della musica italiana: Pino Daniele stroncato da un infarto a 60 anni non ancora compiuti. Non accenna a placarsi l’ondata di commozione e di affetto che ha investito il cantautore napoletano  né tantomeno le polemiche sui soccorsi e lo scambio d’accuse tra  Amanda Bonini, a cui era legato da un po’, e Fabiola Sciabbarasi, la sua ex moglie.

Pino Daniele aveva tantissimi amici, tra questi l’attrice Giuliana De Sio che, oggi, in un’intervista esclusiva sul settimanale DiPiù parla del suo legame con il cantante. Racconta l’attrice: “Ho conosciuto Pino nel 1987 grazie al film Se lo scopre Gargiulo, di cui ero la protagonista. Il regista voleva che scrivesse lui le canzoni per la colonna sonora. Pino voleva che cantassimo in coppia una canzone, ed è così che ebbi modo di conoscerlo meglio”.

Continua la De Sio: “Scoprii che aveva un animo gentile e sensibile. Appena ci eravamo conosciuti mi aveva fatto un sacco di complimenti…non era insensibile al fascino femminile e per diversi giorni, tutte le mattine, mi faceva recapitare un mazzo di fiori accompagnato da un biglietto molto carino”. Pino Daniele faceva la corte all’attrice campana?

Giuliana De Sio afferma perentoria: “No. Non era cosi e non mi azzarderei a dirlo proprio ora che lui non c’è più e non può né smentire né precisare. Non mi faceva la corte, mi aveva preso in simpatia e quei fiori erano una forma di gentilezza nei miei confronti. Tra di noi è nata una bellissima amicizia e, nel corso degli anni, ci siamo rivisti molte volte sia in occasioni pubbliche che per cene tra amici”.

Per quanto riguarda i problemi di salute di Pino Daniele, l’attrice racconta: “Pino viveva con la morte dentro, aveva la croce della malattia. C’incontrammo al funerale di Massimo Troisi, anche lui morto giovane per problemi cardiaci, e Pino era addolorato per la scomparsa del suo caro amico e preoccupato per sé ma non lo dava a vedere. Scherzava sui suoi problemi di salute e diceva che ogni anno doveva fare il tagliando”.

Conclude l’attrice: “Pino non era una persona che si piangeva addosso, aveva una gran voglia di vivere e di fare. Sapeva che quello che voleva fare doveva farlo al più presto perché non aveva molto tempo”. Pino Daniele, putroppo,  di tempo ne ha avuto poco ma è riuscito ugualmente ad entrare nella storia della musica italiana.

About Isabella Adduci

Nata a Cassano allo Ionio (Cosenza) nel 1978, si è laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Bari ed ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Catanzaro. Da sempre appassionata di televisione, cinema e spettacolo, ama scrivere e leggere libri di ogni genere, quotidiani, magazines. Il suo sogno è quello di diventare un apprezzato critico televisivo... sognare non costa nulla!

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 12, 2015 at 13:37

    Devo ammettere che ieri non ho apprezzato, o meglio non ho capito, il servizio sul flash mob che sembrava fare da corollario alla notizia della manifestazione di Parigi. Mi chiedo: quando e come andava data quella notizia? Durante il tg delle venti? Non credo. Insomma: stilisticamente non mi è sembrato il massimo! La considero una caduta di stile bella e buona.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *