Raffaella Carrà su Forte Forte Forte: le critiche? Non le ho lette. Ma poi si smentisce

By on gennaio 23, 2015
Foto Raffaella Carrà

A poche ore dalla messa in onda della seconda puntata di “Forte Forte Forte”, il talent ideato da Raffaella Carrà e Sergio Japino che ha esordito lo scorso venerdì in prima serata su Rai1, è già caos. La prima puntata, pur avendo registrato ottimi ascolti, non ha convinto molto e la seconda promette di risentire delle critiche che si sono scatenate.

Programma già visto, talent fotocopia dei vari “Italia’s got Talent”, “X Factor” e simili, esaltazione della figura e della carriera della Raffa nazionale e nulla più. Queste ed altre critiche hanno imperversato, per tutta la settimana, sui media tradizionali e non. Stamattina, ospite al programma radiofonico di Rai Radio2 “SuperMax”, Raffaella Carrà ha parlato proprio di “Forte Forte Forte”. Intervistata dai due conduttori curiosi di sapere cosa ne pensasse Raffaella delle critiche mosse al suo programma, la biondissima conduttrice ha risposto di non averle lette per non stare male.

Subito dopo questa ammissione, però, la Carrà non ha potuto nascondere il suo risentimento nei confronti di critiche e commenti provenienti da certi giornalisti non propriamente esperti di talent show, smentendo così di fatto la dichiarazione precedente. Non ha risparmiato neanche una frecciatina alla stampa italiana, sottolineando come voglia avere tutto e subito, senza capire che per certe cose ci vuole tempo. La Raffa si è poi anche schierata al fianco dei suoi ragazzi, chiamandoli “diamanti grezzi” che ancora vanno scoperti, certa che il tempo appunto, le darà ragione.

Ma allora queste critiche la Carrà le ha lette o no? Da quanto detto sembrerebbe proprio di sì. In ogni caso il tempo incalza e la seconda puntata è ormai alle porte. Questa sera poi si chiuderà anche la prima fase di selezione e si deciderà la rosa dei 14 concorrenti che accederanno alla fase finale. Come sempre in giuria, accanto a Raffaella Carrà, ci saranno Philipp Plein, Joaquìn Cortès e Asia Argento, mentre a preparare i ragazzi ci penseranno i maestri Chiara Noschese, Stefano Magnanensi, Daniele Vaona e Tiziano Vasselli.
Staremo a vedere cosa succederà!

About Claudia Giordano

Milanese di nascita e romana d’adozione. Giornalista, web editor e social media strategist, nel 2013 ha fondato il suo blog BlondyWitch.com che punta i riflettori sul mondo della moda a 360°. Laureata in Moda e Costume, con un Master in Marketing e Comunicazione e uno in Social Media, è appassionata di tv e gossip, ma anche di marketing, musica rock e astrofisica. Ama scrivere di ciò che la appassiona ed esprimere la sua creatività a tutto tondo attraverso parole ed immagini.

2 Comments

  1. maria

    gennaio 24, 2015 at 03:28

    non mi piace forte forte

  2. Rossella

    gennaio 24, 2015 at 12:11

    I colleghi di Raffaella Carrà mi danno l’idea di preferire un approccio diametralmente opposto al suo; questo accade anche nei casi in cui, di fatto, si dicono d’accordo con lei. Ieri sera ho seguito un’unica esibizione e la Carrà ha espresso un pensiero molto forte (dico solo che l’avrei presa malissimo!)… lo ha fatto alla sua maniera (non ha smontato il ragazzo!)… ha parlato di musical come alternativa, il punto è che alla fine del blocco ho avuto come la sensazione che il messaggio fosse un altro. Io la penso esattamente come “la Raffa” ma ho avuto la sensazione che il pubblico tende a preferire la cornice al quadro e a distinguere l’artista dal conduttore: lei sembra una sorta di animale raro. Capirai… è la Carrà! Il conduttore nell’immaginario collettivo deve essere colui che presenta… ma questo riduce tutto ad una sorta di circo e toglie dignità a chi si produce in quello che di fatto resta un numero. Dovrebbe essere più dissacrante. Io gli avrei chiesto: – ti piacerebbe diventare un’attrattiva?- Aveva questa responsabilità, penso di sì!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *