Cotto e Mangiato, 23 marzo 2015: ricetta della frittata con trota, brie e pisellini

By on marzo 23, 2015
foto Tessa Gelisio

La cucina di Cotto e Mangiato si è chiusa per il weekend con il meraviglioso scorfano con curry e latte di cocco presentato nella puntata di venerdì (clicca qui per conoscere la ricetta e vedere le foto della preparazione del piatto), un secondo sfizioso seguito al primo altrettanto delizioso proposto nella puntata precedente: il raffinato risotto con pere, menta e brie (scopri cliccando qui come prepararlo e visualizza la fotogallery).

E a proposito di brie, anche oggi Tessa Gelisio ha deciso di portare a tavola una ricetta preparata con questo buonissimo formaggio, utilizzandolo per una gustosissima frittata a base di trota e pisellini. Non a caso sulla sua pagina facebook ufficiale si legge: “Qualcuno di voi avrebbe mai potuto immaginare che mettere la trota con i pisellini e il brie avrebbe creato una meraviglia? La frittata più strana che avete mai preparato qual è? Scambiamoci qualche idea oggi a Cotto e Mangiato su Italia 1“.

Preparare questa irresistibile frittata è semplicissimo, richiede poco tempo (15 minuti circa) e una spesa di pochi spiccioli (7-8 euro). Ecco come realizzarla: preparare un classico soffritto con mezza cipolla bianca media tritata finemente e olio extravergine d’oliva e aggiungere 100 grammi di pisellini surgelati (sfoglia la gallery fotografica sottostante).

foto_frittata_brie_trota_piselli_01

Salare, unire un goccio d’acqua, abbassare il fuoco e scaldare per qualche minuto completando la cottura. Nel frattempo tagliare a dadini piccolissimi 60 grammi di trota salmonata affumicata (in alternativa è possibile utilizzare del salmone). Rompere 4 uova in una bacinella, salarle e sbatterle. Aggiungervi poi la trota, 100 grammi di brie tagliato a cubetti molto piccoli, i pisellini, amalgamare e versare nella padella usata per la cottura dei piselli.

Cuocere bene la frittata
da entrambe le parti, girandola con molta delicatezza (facendo ovviamente attenzione a non romperla). Finita la cottura, impiattarla, tagliarla a spicchi e servirla: cotta… e mangiata! Buon appetito.

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come Uno Mattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In, affiancando la passione per il piccolo schermo a quella per la scienza, che ha sempre caratterizzato il suo percorso di studi. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale del sito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *