Dolci dopo il Tiggì, ricetta 2 marzo 2015: la Brooklyn Blackout di Ambra Romani

By on marzo 2, 2015
foto dolci dopo il tiggi 2 marzo 2015

Archiviata la settimana di stop, Dolci dopo il Tiggì riparte direttamente dalla semifinale della prima edizione del talent. I primi due finalisti sono Augusto Palazzi e Vincenzo Monaco, entrambi in lizza per aggiudicarsi un posto nella finalissima del 20 marzo. Si inizia con la pasticceria moderna di Ambra Romani, che oggi ha raccontato la storia della Brooklyn Blackout. Vediamo come si prepara questo dolce molto particolare e chi si aggiudicherà il primo cupcuke di questa semifinale di Dolci dopo il Tiggì.

Ricette Ambra Romani, Brooklyn Blackout. Ingredienti per l’impasto: 340 g di farina, 200 g di burro, 520 g di zucchero, 4 uova, 90 g di cacao amaro in polvere, 10 g di bicarbonato, 10 g di lievito istantaneo per dolci, 320 g di latte, 2 bustine di vanillina, sale q.b., burro e farina per lo stampo. Per la glassa: 1,2 L d’acqua, 750 g di zucchero, 1 e 1/2 di miele d’acacia, 190 g di cacao amaro in polvere, 300 g di amido di mais, 120 g di burro. Per la decorazione: 1 vaschetta di more, menta q.b.

Iniziamo con la preparazione. Ammorbidiamo il burro e montiamo a spuma, dopodiché aggiungiamo lo zucchero, poco alla volta. Facciamo lavorare bene e aggiungiamo le uova. Setacciamo tutte le polveri e uniamo al composto di burro, alternando il latte di volta in volta. Impastiamo fino a ottenere un composto liscio. Imburriamo due teglie da 22 cm, versiamoci il composto e inforniamo per 35′ a 170°C.

foto_brooklyn_blackout

Stemperiamo l’amido di mais nell’acqua a temperatura ambiente. In un pentolino, portiamo a circa 50°C l’acqua e aggiungiamo il miele e lo zucchero. Uniamo poi il cacao e portiamo a bollore. A questo punto, versiamo l’amido. Mescoliamo fino a raggiungere la densità desiderata e aggiungere il burro fuori dal fuoco. Facciamo intiepidire. Sformiamo le torte e tagliamo a metà. Livelliamo la torta, privandola della “calotta”. Teniamo da parte per la decorazione. Ora, versiamo la crema in una sacca da pasticcere e farciamo la torta. Montiamo il dolce con tutti i suoi strati quindi glassiamo con la crema. Spatoliamo bene e teniamo presente che la crema deve essere tiepida, per evitare cedimenti. Completiamo la decorazione con la torta sbriciolata (ricavata dalla calotta), dei ciuffetti di crema, le more e alcune foglie di menta.

Se volete replicare i dessert della puntata di venerdì, non perdete le ricette di Dolci dopo il Tiggì del 28 febbraio 2015.

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *