La prova del cuoco, 19 marzo 2015: tutti i piatti di San Giuseppe in diretta su Rai1

By on marzo 19, 2015
foto la prova del cuoco 28 febbraio 2015

Riparte da Il Campanile, l’appuntamento con le follie culinarie de La prova del cuoco. La padrona di casa, Antonella Clerici, accompagna Bigazzi alla scoperta delle migliori ricette della Sicilia e della Lombardia. Zeppole salate, riso al salto con peperoni e mozzarella, sformatino di carote: non manca davvero nulla sulla tavola del cooking show di Rai1! Siete pronti per scoprire ingredienti, dosi e procedimento di tutti i piatti di oggi? Rimanete con noi per le ricette de La prova del cuoco del 19 marzo 2015.

La Cucina Innovativa, Riso al salto con peperoni e mozzarella stappata di Sergio Barzetti. Ingredienti: 320 g di riso Vialone Nano, 2 peperoni gialli, 2 peperoni rossi, 1 cipolla bionda, 1 bicchiere di vino bianco, 200 g di mozzarella fiordilatte, 40 g di grana grattugiato, basilico, olio extravergine d’oliva, brodo vegetale, alloro, sale.

Mondiamo i peperoni, laviamoli e massaggiamoli con l’olio extravergine d’oliva. Adagiamoli su una teglia foderata con della carta da forno e inforniamo a 200°C per 15-20′. Facciamo intiepidire all’interno di una busta di carta. Una volta terminato il riposo, eliminiamo la pelle, il picciolo e la parte dei semi; sfaldiamo la polpa, trasferiamo in una ciotola e condiamo con un filo d’olio, il sale e una foglia d’alloro. Tostiamo il riso con la cipolla tagliata a julienne e una foglia d’alloro.

foto_riso_al_salto

Sfumiamo con il vino bianco, bagniamo con il brodo, aggiustiamo di sale e uniamo la polpa del peperone giallo frullata. Portiamo a cottura, facciamo riposare e mantechiamo con il parmigiano, due foglie di basilico e un filo d’olio. Dividiamo il risotto in quattro piatti piani e lasciamolo raffreddare. Ungiamo delle padelle antiaderenti e facciamo saltare i dischi di riso fino a renderli croccanti. Trasferiamo nei piatti da portata e condiamo con i peperoni rossi e la mozzarella sfilacciata.

Il Carrello della Spesa, Sformatino di carote di Anna Moroni. Ingredienti: 400 g di carote grattugiate, 300 g di spinaci lessati e strizzati, 300 g di patate lessate, 200 g di fontina, 2 cipolle, 100 g di pancetta tesa, basilico, pan grattato q.b., una noce di burro, olio extravergine d’oliva, sale.

Imburriamo delle cocotte d’alluminio con il burro e spolveriamo con il pan grattato. Tritiamo gli spinaci e le carote, schiacciamo le patate e tagliamo le carote a julienne. Tagliamo la fontina a dadini e la pancetta a listarelle. Facciamo rosolare la pancetta in modo da renderla croccante, uniamo la cipolla e facciamo appassire. Insaporiamo con il basilico tagliato a pezzetti e il sale. Uniamo il composto alle carote e agli spinaci. Suddividiamo le carote nelle cocotte, uniamo un cucchiaio d’impasto e un dadino di fontina. Premiamo bene in modo che risulti compatto. Inforniamo a 200°C per 20′ e sformiamo quando sono freddi.

Pizza, pane e panini, Zeppole salate di Gabriele Bonci. Ingredienti: 1 kg di farina, 250 g di patate lesse, 3 g di lievito di birra secco, 550 mL d’acqua, 100 g di burro, 20 g di zucchero, 15 g di sale.

In una ciotola, versiamo la farina con le patate lesse schiacciate, il lievito e l’acqua. Impastiamo bene e uniamo il burro, il sale e lo zucchero. Continuiamo a impastare fino a ottenere un panetto liscio, che mettiamo a riposare in frigorifero per 24 ore. A questo punto, stendiamo leggermente l’impasto con le mani, senza usare farina e tagliamo delle strisce che chiudiamo a ciambella. Adagiamo su una teglia da forno, facciamo lievitare ancora per un’ora e mezza e friggiamo in olio bollente. Serviamo con una spolverata di parmigiano grattugiato o farciamo con la ricotta setacciata e salsa di pomodoro.

Frivolezze, piatti unici e straordinari secondi: provate a copiare le ricette de La prova del cuoco del 18 marzo 2015.

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *