Fiorello contro Maurizio Costanzo: scoppia la guerra su Twitter

By on aprile 20, 2015
Foto Fiorello

Il Maurizio Costanzo Show continua a far parlare di se, soprattutto per gli ospiti di spicco che ogni domenica si trovano ad interagire con il conduttore, ieri la consueta puntata domenicale ha visto tra gli altri Carlo Conti, Platinette, Vittorio Sgarbi e in collegamento da Ferrara Fiorello.

Durante l’intervento dello show-man siciliano che si trovava a Ferrara per il suo tour teatrale dal titolo “L’ora del Rosario” uno degli ospiti del parterre in studio, Vittorio Sgarbi si è mostrato poco interessato al collegamento con Fiorello intrattenendosi, durante il suo collegamento, in una lunga telefonata. Tutto questo avveniva sotto gli occhi attenti del padrone di casa Costanzo che non ha però richiamato all’attenzione il critico d’arte. Inoltre ad aumentare il nervosismo di Fiorello, dei problemi audio legati al collegamento hanno impedito al marito della De Filippi di interagire normalmente con Fiorello che è stato così bloccato in maniera brusca durante la sua performance e salutato frettolosamente.

Fiorello però a pochi minuti dalla sua apparizione, deluso dal padrone di casa del programma ha twittato diversi messaggi diretti proprio a Costanzo, nei quali criticava il padre televisivo di non averlo tutelato durante il collegamento. Queste le sue parole in uno dei suoi tweet: “Se uno sta al telefono mentre l’ultimo dei pirla si esibisce è solo un granMaleducato!(Sgarbi)”.

Per fortuna però pare che poche ore fa Maurizio Costanzo abbia inviato un messaggio di scuse a Fiorello, nel quale il conduttore scrive di essere dispiaciuto per l’accaduto, perché pensava che Fiorello non avesse ritorno audio e che anche da Ferrara si percepissero i problemi tecnici. Costanzo ha ribadito, inoltre, la stima professionale nei confronti dello show-man e l’affetto sincero che lega i due dai tempi di Buona Domenica.

About Giuliano Castagna

Nato in Sicilia 25 anni fa in una delle province siciliane meno note, decide all’età di 19 anni di trasferirsi nella capitale. La passione, a tratti spasmodica, per la televisione, mezzo di comunicazione seguito da sempre, lo porta a laurearsi in Comunicazione prima e far un master in scrittura televisiva poi. Sogni nel cassetto? Fare l'autore televisivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *