Io ti troverò, su Canale5 il dramma dei neonati rubati. Anticipazioni del 28 aprile

By on aprile 23, 2015
Foto Io ti troverò prima parte

Si ispira al romanzo Entra nella mia vita della scrittrice spagnola Clara Sanchèz, Io ti troverò, l’ennesima fiction spagnola proposta da Canale 5 ai suoi telespettatori. Due puntate che andranno in onda martedì 28 e giovedì 30 aprile e che affrontano il doloroso tema delle adozioni illegali nel Paese.

Io ti troverò, titolo originale Ninos Robados, è ambientato nella Spagna franchista, periodo che ritroviamo, anche se con qualche anno di anticipo, pure nella nuova fiction di La7 Amare per sempre. Con la miniserie di Telecinco siamo nella Spagna degli anni ’70, gli ultimi anni del regime dittatoriale instaurato nel 1939 da Franco. Un periodo oscuro per il Paese, anni in cui a molte donne vennero rubati i loro bambini appena nati, per poi essere immessi nel mercato delle adozioni illegali.

Una storia ispirata a fatti realmente accaduti, quindi, che ripercorre vicende dolorose e vergognose che, come dice Clara Sanchèz[…]potevano succedere a chiunque[…]“. Molte donne, infatti, hanno rischiato di vedersi rubare i loro neonati a causa di cliniche ed ostetriche compiacenti. Grazie, però, al suo libro, uscito nel 2013, questa spaventosa tratta è venuta a galla e i responsabili hanno pagato.

Questo è quello che succede alle protagoniste di Io ti troverò, Violeta (Macarena Garcia) e Conchita (Nadia De Santiago), due donne che vivranno lo stesso terribile dramma. Le anticipazioni della prima parte, in onda martedì 28 aprile, ci portano nella Spagna del 1974, Violeta e Conchita vivono in due città diverse, Madrid la prima e Bilbao la seconda, due vite parallele ma accumunate dallo stesso destino.

Entrambe aspettano un bambino ed entrambe sono rimaste sole dopo essere state abbandonate dai rispettivi compagni. Il destino le porta a partorire insieme nella stessa clinica ma da qua comincia il dramma delle loro esistenze, che avrà un volto solo trent’anni più tardi. Nella prima parte di Io vi troverò vediamo Violeta trascorrere i suoi mesi di gravidanza in una congregazione religiosa, mentre Conchita è ospitata nella casa di una Signora molto ricca.

Ma arriva il giorno del parto, come ci rivelano le anticipazioni. È estate e le giovani donne vengono ricoverate nella stessa clinica, qui incontrano sulla loro strada personaggi crudeli e spietati: Suor Eulalia e la Dottoressa Mena, che sono coinvolte nel traffico illegale di neonati.

Così, con la complicità di un’infermiera e tra bugie, inganni e situazioni ambigue, a Violeta e Conchita vengono rubate le loro bambine appena partorite. Le due donne non avranno più loro notizie per quasi trent’anni quando…

Non perdete le anticipazioni della seconda ed ultima parte di Io ti troverò, che andrà in onda giovedì 30 aprile, per sapere quale sarà il destino di Violeta, Conchita e delle loro creature.

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *