Si può fare! Biagio Izzo vince la seconda puntata. Roberto Ciufoli infortunato

By on aprile 20, 2015
foto si può fare!

Si è aperta con un minuto di silenzio e riflessione per l’ultima strage di immigrati sulle nostre coste italiane la puntata di Si può fare! di lunedì 20 aprile, condotta da Carlo Conti su Rai 1: alle 21.30 la sfida è entrata subito nel vivo con i volti noti in gara pronti a mettersi alla prova ogni settimana senza alcuna esclusione di colpi.

Davanti alla giuria composta da Amanda Lear, Yuri Chechi e Pippo Baudo, si era chiusa con la vittoria di Tommaso Rinaldi (al primo posto della classifica parziale con 6 punti) la prima puntata di Si può fare! di settimana scorsa, che purtroppo non aveva registrato ottimi ascolti. Questa nuova puntata è cominciata con la prima sfida sfida di “Flag Poi” (arte della giocoleria) tra Amaurys Perez e Mario Cipollini, coordinamento e concentrazione sono stati fondamentali in una prova di questo tipo, ne è uscito vincente Mario Cipollini.

Nella seconda sfida dell'”altalena aerea” si sono scontrate la showgirl Matilde Brandi e l’atleta Fiona May, le prove si fanno sempre più dure e a spuntarla in questa grande sfida nonostante un errore nell’esecuzione è stata per la giuria Fiona May. La terza sfida ha visto rivali Juliana Moreira e Pamela Prati che tutta la settimana si sono preparate per poi esibirsi in studio nel “Can-can”, la giuria ha premiato la tenacia di essersi esibita con una fasciatura al ginocchio di Pamela Prati.

E’ arrivato poi il momento dell’attore Roberto Ciufoli contro l’atletico Tommaso Rinaldi nella spettacolare “Ruota di Rhon”, non è stata una settimana facile per loro sopratutto per Roberto che ha subito un infortunio per cui dovrà operarsi (il distaccamento del muscolo bicipite) e che quindi non ha potuto esibirsi uscendo così dalla competizione (da chi verrà sostituito?), mentre Tommaso che ha comunque vinto a tavolino dato il forfait di Roberto, ha dato il meglio di sé in questa difficile e spettacolare prova, per solidarietà da grande atleta e sportivo quale è Tommaso ha regalato uno dei tre punti della giuria a colui che prenderà il posto di Ciufoli nella competizione che dunque erediterà i punti accumulati fino a questo punto dall’attore comico.

Costanza Caracciolo e Mariana Rodriguez si sono invece preparate e scontrate in una prova di “Pole Dance”, disciplina tanto sensuale quanto difficile. La giuria Lear-Chechi-Baudo ha premiato Costanza Caracciolo che ha vinto due a uno. La sesta e l’ultima sfida è stata tra Biagio Izzo e Simon Grechi in una sfida per niente facile su biciclette speciali senza sellino per il “Bike trial”, per i giudici a vincere è stato Simon Grechi che è riuscito a superare le sue paure iniziali.

E’ stato poi dato un assaggio di quelle che saranno le prove della prossima puntata, dove è stato anticipato che Costanza Caracciolo e Biagio Izzo saranno alle prese con degli spettacolari trucchi di magia, Amaurys Perez invece si cimenterà nei salti sul trampolino elastico, Matilde Brandi e Pamela Prati saranno invece alle prove con il “Wushu” la danza delle spade, mentre le difficilissime “cinghie aeree” sono toccate a Tommaso Rinaldi e Simon Grechi. Mario Cipollini e Fiona May affronteranno invece il “basket freestyle”. Infine il “Burlesque” è toccato a Juliana Moreira e Mariana Rodriguez.

Nell’ultima parte di gara della puntata di Si può fare! la giuria sovrana ha scelto nei sei vincitori i primi tre classificati di questa puntata: un punto da terzo classificato è stato assegnato a Tommaso Rinaldi, due punti per il secondo piazzamento sono andati a Fiona May e infine tre punti per essere il vincitore di questa seconda puntata di Si può fare! sono stati dati a Biagio Izzo, bravo!

Si può fare! torna lunedì prossimo su Rai 1, sempre alle 21.30.

About Stefania Cicirello

La sua tana attualmente è a Milano, la chiamano Ahnia ed è speaker radiofonica su Radio Danza dove conduce un programma in diretta tutti i venerdì dalle 17.00 alle 19.00. Indirizzo di studi prettamente artistico, Stefania parla tanto, viaggia e sogna di girare il mondo, disegna e respira l'aria delle sale di danza da quando aveva 5 anni. A 17 anni la sua prima esperienza all'interno di uno studio televisivo nei panni di una timida e impacciata valletta al fianco di Maurizio Mosca: di calcio non capiva nulla allora e poco è cambiato ma se le date la Moto Gp saprà intavolare la migliore delle discussioni da bar. Con la sua personalità creativa si interessa di grafica, fotografia, musica, danza e...tv!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *