Uomini e Donne, trono over: Tina Cipollari proclama Giorgio “principe azzurro”

By on aprile 22, 2015
foto tina cipollari uomini e donne

Uomini e Donne è tornato anche oggi in televisione su Canale 5 al consueto orario dedicando una puntata al trono over che tanto sta appassionano il pubblico a casa con le vicende amorose di dame e cavalieri, nello specifico c’è una coppia che sta letteralmente spopolando e dividendo in merito alle opinioni sui due. Stiamo parlando di Giorgio e Gemma, o meglio “George e Gem”.

I due si frequentano da circa tre mesi ma li vediamo ancora all’interno dello studio di Uomini e Donne in quanto Giorgio non si sente ancora fidanzato e continua imperterrito a conoscere anche altre dame, li avevamo lasciati proprio in studio tra insicurezze di Gemma e ali spiegate (verso nuovi lidi) di Giorgio. Per l’occasione oggi sono arrivate in trasmissione alcune dame proprio per tentare di corteggiarlo.

E’ arrivata per prima la signora Sonia da Roma, 50 anni che deve aver colpito Giorgio che ha deciso di approfondire la conoscenza. La seconda signora, Barbara anch’essa di Roma però non ha colpito il bel George che quindi l’ha gentilmente congedata. E’ arrivato poi il momento di Sabrina dalla provincia di Verona ma anche per lei Uomini e Donne è durato solo il tempo della presentazione perché Giorgio ha deciso di salutarla. E’ entrata in studio successivamente Morena di Salerno, 34 anni e molto sicura di sé, forse quel troppo che non deve aver colpito in maniera positiva Giorgio che l’ha mandata a casa dopo pochissimi minuti. Solo la signora Sonia dunque l’ha veramente colpito.

A sorpresa però è stata aggiunta un’altra seduta, questa volta per… Gemma! Il pubblico ha apprezzato questo arrivo in studio che è stato interpretato come una sorta di rivincita nei confronti del gabbiano libero Giorgio: è arrivato infatti in studio il signor Luigi, pronto a conoscere e conquistare la dama. “Quello di Giorgio è un comportamento da playboy” ha sentenziato senza tanti giri di parole il nuovo cavaliere parlando ancora una volta dell’atteggiamento innamorato di Gemma che ha accettato fin dal primo giorno il comportamento “libertino” del bel George.

Giorgio si è subito difeso: “Non sto prendendo in giro Gemma”, ma le sue parole non sono bastate per portare il pubblico dalla sua parte. Alla domanda di Maria De Filippi: “Ti interessa Luigi?” Gemma ha spiegato: “Mi sto guardando intorno e osservo quello che sta succedendo, Luigi è stato molto carino e coraggioso nel venire qui ma sarebbe disonesto da parte mia tenerlo qui”, è ha così congedato il signore di Messina, evidentemente il momento era quello sbagliato.

L’impressione è che Gemma stia aprendo lentamente gli occhi sull’attuale e reale situazione. “Mi trovo in un momento di notevole confusione, quello che sta succedendo per me è troppo, Giorgio mi ha sempre chiesto di essere forte chiedendomi molto per potergli andare incontro. Le prove stanno diventando sempre più difficili, tu Giorgio vedi soltanto quello che vuoi, so tutto: so delle telefonate che fai, io capisco tutto”, la dama è sembrata abbastanza stanca e affaticata dalla situazione: “io faccio finta di non vedere e di non capire, ma ho visto che hai ballato con Cristiana avendo un sorriso e una gioia che con me non hai”. Gemma ha lamentato di non avere mai delle risposte da Giorgio che svia continuamente dalle domande senza effettivamente rispondere. “Voglio sapere qualche cosa di più tra di noi, dopo tre mesi penso sia arrivato il momento di sapere qualcosa di più”, il pubblico è stato decisamente dalla sua parte dopo queste forti affermazioni, Giorgio però ha fatto fatica a rispondere, aiutato da Maria De Filippi ha poi affermato: “io sono contentissimo di frequentarla, quando sarò veramente innamorato prendo, esco e vado via”.

Gianni Sperti e pochi altri sono sembrati invece dalla parte di Giorgio, l’opinionista ha accusato Gemma: “Hai scelto tu di fare la vittima, non sei capace di capire da sola se stare ancora a frequentare George?”. Gianni ha continuato ad avere delle perplessità su questa coppia, sopratutto sull’atteggiamento “da vittima” di Gemma che ha accettato le regole di questo gioco fin dal primo minuto.

La discussione è terminata con un bacio di George schioccato sulle labbra di Gemma: “Smettila di fare la vittima che non ti si addice”. Tina ha ironizzato sull’uomo e sulla storia tra i due piccioncini: “Tu hai ridato la speranza a migliaia di donne con il complesso dell’età, c’è speranza per tutte! Volete dimagrire? C’è George? Vi sentite brutte? C’è George! Vi sentite finite c’è George!”, il cavaliere ha vinto la proclamazione ufficiale di “principe azzurro”, con la speranza che sia di buon auspicio per Gemma.

About Stefania Cicirello

La sua tana attualmente è a Milano, la chiamano Ahnia ed è speaker radiofonica su Radio Danza dove conduce un programma in diretta tutti i venerdì dalle 17.00 alle 19.00. Indirizzo di studi prettamente artistico, Stefania parla tanto, viaggia e sogna di girare il mondo, disegna e respira l'aria delle sale di danza da quando aveva 5 anni. A 17 anni la sua prima esperienza all'interno di uno studio televisivo nei panni di una timida e impacciata valletta al fianco di Maurizio Mosca: di calcio non capiva nulla allora e poco è cambiato ma se le date la Moto Gp saprà intavolare la migliore delle discussioni da bar. Con la sua personalità creativa si interessa di grafica, fotografia, musica, danza e...tv!

One Comment

  1. Rossella

    aprile 22, 2015 at 17:46

    Giorgio ha tutte le carte in regola per poter essere il principe azzurro di una donna che ne condivide il pensiero. Le altre non possono che prendere atto del fatto che è giusto pretendere altrettanto dall’uomo che avranno, o che hanno, al loro fianco. E’: umano, gentile, premuroso e a suo modo estremamente elegante. Dico a suo modo perché molte delle sue puntualizzazioni mi metterebbero in imbarazzo ma fanno parte di una visione molto libera del rapporto di coppia. Mi piacerebbe averlo in Parlamento perché ne condivido il senso di smarrimento pur trovandomi in una posizione diametralmente opposta alla sua… infatti non mi sento rappresentata.
    Non so fino a che punto sia legittimo puntare il dito contro chi ha una visione abbastanza cartesiana della vita. Infondo il populismo non produce integrazione perché punta a forme di pensiero ibride che soffocano la crescita di un progetto o di una relazione. Il realismo da una parte conferisce qualcosa di cinico al nostro sguardo e dall’altra ci preserva dall’istaurare rapporti in cui ci sembra lecito guardare dall’alto in basso il nostro interlocutore. Trovare un punto d’incontro alle volte è abbastanza deleterio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *