Scoop Amici: tweet di fuoco per Virginia Raffaele dalla criminologa Roberta Bruzzone

By on maggio 10, 2015
foto roberta bruzzone

Dopo una settimana di pausa in cui tutti si chiedevano dove fosse andato a finire l’ospite comico fisso annunciato già dall’inizio del serale, Virginia Raffaele, amatissima dal pubblico di Canale5 e non solo, la mattatrice è tornata ad esibirsi tra le due manche del serale di Amici e l’ha fatto nei panni della celebre criminologa Roberta Bruzzone.

Bersaglio dell’ilare indagine è stata Maria De Filippi che, come spesso accade, si è prestata volentieri a farle da spalla per la sua imitazione con la quale la Raffaele ha intrattenuto il pubblico e sciolto le tensioni dopo la sconfitta dei bianchi e la consequenziale uscita provvisoria di Cristian dallo studio per poi tornare a sfidarsi con Giorgio al termine della puntata che vedrà fuori dai giochi proprio il ballerina di bianco vestito della squadra di Emma.

Lo sketch comico che, come ogni imitazione che si rispetti, puntava a pompare ed esaltare all’ennesima potenza gli aspetti peculiari del profilo professionale e caratteriale della criminologa e che è stato molto apprezzato già all’epoca dal pubblico di Rai2 a “Quelli che il calcio“, come anche ieri da quello di casa Mediaset, però, non è stato per niente apprezzato da qualcuno che ha deciso, così, di far sentire per mezzo Twitter il proprio disappunto in merito alla questione.

foto_screen_roberta_bruzzone.png

Si tratta proprio della protagonista di questa imitazione, Roberta Bruzzone, che con un tweet di fuoco ha ammonito l’imitatrice rispondendo così, senza lasciare troppi dubbi, ad un tweet che celebrava la simpatia della Raffaele: “chissà se ciò che le stanno preparando i miei legali lei lo troverà “divertente”.

Prima di lei mai nessuno aveva osato tanto seppur anche la Vanoni, in toni pacati, aveva chiesto di smetterla di farla passare per una “vecchia con l’alzheimer” mentre, in opposizione, la Pellegrini si è detta onorata di essere stata imitata da lei come anche la Ferilli che nella scorsa puntata ritornata in studio ha sottolineato il tormentone dell’imitazione ferilliana “Renga ma me stai a guardà il c**o?

Allo stesso modo la Pascale ci ha riso su e Belen ne ha cavalcato l’onda mediatica sorridendoci, proprio nessuno era mai arrivato a minacciarla per vie legali. Esagerata o meno la reazione, questo è quanto tracciabile dal profilo twitter della criminologa e attendiamo le prossime ore per scoprire l’eventuale reazione della celebre imitatrice.

About Vittorio Nathan Camillo

Nato a Napoli, il 26 Giugno 1993, diplomato in lingue e laureato in "Scienze della comunicazione", appassionato di musica, tv, spettacolo ed affascinato da qualsiasi forma d'arte. Un posto particolare nella sua vita lo riserva al canto, infatti, ha preso parte a diversi concorsi canori riscuotendo spesso ottimi consensi; ancora nel 2012 produce il suo primo singolo dal titolo "Intorno a me" col quale si aggiudica la vittoria al Festival di Baiano 2014. Tra le sue ambizioni oltre quella di affermarsi come cantante, anche quella di diventare un giornalista e scrivere per le più importanti testate giornalistiche.

2 Comments

  1. Roberta

    maggio 10, 2015 at 13:09

    Comunque non C’è stata nessuna pausa, c’era anche la settimana scorsa, anche se stavolta solo in video e non in studio.
    Comunque la bruzzone si desse una calmata. Non può querelarla.

  2. Rossella

    maggio 10, 2015 at 15:06

    Condivido la posizione della dott.ssa Roberta Bruzzone perché non è né un politico né un operatore della comunicazione. Non è neanche un artista!
    Il politico guadagna o perde consensi, in genere li guadagna perché raramente ci troviamo davanti al Berlusconi della situazione. Il rapporto di Berlusconi con la satira è sempre stato zero a zero palla al centro con rischio di clamorosi autogol, quella che comunemente chiamiamo democrazia.
    Immagino che la dott.ssa Roberta Bruzzone si sia risentita perché il suo è un lavoro di consulenza e il suo successo professionale non dipende solo dalla visibilità che ha guadagnato attraverso il piccolo schermo. Per lei è prioritario non perdere la sua autorevolezza perché ha una clientela molto esigente.
    La sua intransigenza è presto spiegata.
    I potenti convivono con la satira, talvolta esagerando… ma la loro priorità è quella di comunicare il carattere democratico del loro potere (sia esso politico o mediatico). Non possono apparire autoritari, in un modo o nell’altro i consensi li guadagnano.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *