Alessandro Cattelan stuzzica la Rai? “All’estero sanno cos’è Sky, Rai 1 invece…”

By on luglio 21, 2015
Foto Alessandro Cattelan

Alessandro Cattelan forse è l’unico conduttore italiano giovane, intraprendente, capace e con la passione per la televisione ben delineata e palpabile, che ha già da tempo tutte e due i piedi sulla soglia del futuro catodico contraddistinto da un linguaggio innovativo o almeno privo di ragnatele e ruggine, come capita d’intravedere in alcuni programmi odierni, perché in onda ora, non perché possano fregiarsi di respirare la contemporaneità. Quando Carlo Conti, Gerry Scotti e Paolo Bonolis abbracceranno infine la pensione chi ci sarà a sostituirli? Cattelan è un’ottima risposta. Ma uno non basta, e poi: abbandonerebbe mai Sky per andare a risiedere in Rai o Mediaset? Secondo quanto ha sottilmente fatto intendere la risposta tenderebbe verso il no.

“X Factor è un bellissimo programma” ha dichiarato Alessandro Cattelan a La Stampa “talmente ben fatto che non mi costa nulla, lo confesso: è abbastanza semplice da condurre. Poi è popolare, pur essendo sulla pay tv il giorno dopo tutti ne parlano”. E ammette: “essendo popolare posso permettermi di rifiutare i progetti che non mi interessano. Insomma, posso scegliere”. Una bella differenza dall’essere un conduttore di una tv generalista che, in parole povere, prende quel che viene oppure lavora per ben sedici anni e tutto ciò che ha indietro è l’amaro precariato com’è l’esempio di una nota e professionale conduttrice.

A proposito del talent show in questione: ieri Morgan ha attaccato pesantemente l’X Factor targato Sky, oltre a definire la Tv un “baraccone”, e alla domanda se gli mancherà o meno, Alessandro Cattelan ha così risposto: “ci mancherà così come ci sono mancati Simona Ventura, Arisa ed Elio. Morgan era una colonna, ma la forza di X Factor sta nel programma. A sostituirlo c’è Skin che è bravissima e ha una tale personalità che basta che accenni una canzone per far esplodere il pubblico”.

Alessandro Cattelan inoltre conduce un programma – E poi c’è Cattelan – che, seguendo la scia dei late show americani, coinvolge massicciamente gli ospiti in studio: “i miei ospiti si fidano e in questi anni ho acquistato credibilità. Sanno bene che non li metterò mai in imbarazzo. Sono io il primo a prendersi in giro. C’è chi ha contribuito con idee sue e chi veniva giorni prima a provare”. Tra i tanti ospiti ci sono stati Luca Argentero e Carmen Consoli, ma anche Claudio Marchisio con cui è andato direttamente a Vinovo. “Ho avuto un sacco di grandi ospiti” dice e poi lancia un invito “non è ancora venuto Jovanotti. Lorenzo, vieni?”.

La manifestazione canora per eccellenza è senza dubbio quella del Festival di Sanremo e il presentatore si dice pronto a condurla, in fondo “potrebbe essere un’esperienza in più, ma non è né una mia ossessione né un traguardo” ed è qui che ha aggiunto: “quando da ragazzo dicevo all’estero di lavorare per MTV, sapevano di cosa stavo parlando. Sanno cos’è Sky, Rai 1 invece…”. Che Alessandro Cattelan abbia lanciato una frecciatina a Mamma Rai sconosciuta al di là delle Alpi? Che l’abbia fatto o no, c’è da dire che l’ironia non è mancata.

About Denis Bocca

Critico cinefilo (non tutti lo sono) molto radical e poco chic. Non crede in Dio, ma in Al Pacino. Le sue passioni formano un trittico indissolubile: cinema, letteratura, televisione. Caporedattore de LaNostraTv dal 2017 (già Vicecaporedattore nel 2016) e Supervisore, scrive anche per tre siti di cinema tra cui il suo (Scrivenny 2.0). Con LaNostraTv ha trovato lo spazio ideale per scrivere di televisione, finalmente.

One Comment

  1. Rossella

    luglio 21, 2015 at 21:37

    Non amo la conduzione di Alessandro Cattelan perché non la trovo spontanea. Il mio maschio di riferimento resta l’on Antonio Razzi… da questa porta ci passano generazioni di maschi a partire dai nostri progenitori. Neanche a cinquant’anni un uomo ha queste caratteristiche… non lo metto in discussione come Alessandro Cattelan ma come conduttore. So che è molto amato dalla critica ma questo non significa niente. Un personaggio deve essere aderente all’uomo… una bambina che guarda un programma di Alessandro Cattelan penserà che suo padre non è un buon padre! Infatti alle ragazze giovani direi: – figlie mie… preoccupatevi se i vostri fidanzati non fanno gli scemi!- Le coppie che hanno partecipato a Temptation Island non hanno figli e una coppia senza figli non dovrebbe partecipare a questi programmi. Parteciperà chi ha un figlio che li tira per la giacca e gli ricorda che sono vecchi! Gli altri faranno un’altra vita… meno sociale possibile!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *