Fabrizio Frizzi chiude i battenti: Gli italiani hanno sempre ragione termina oggi

By on luglio 24, 2015
foto Gli italiani hanno sempre ragione

Fabrizio Frizzi presenterà questa sera alle 21:10 la quarta e ultima puntata de “Gli italiani hanno sempre ragione”, in diretta dal Teatro delle Vittorie di Roma. Al programma partecipano sei famiglie in collegamento dai loro salotti e tre coppie di VIP formate questa sera da: Giancarlo Magalli e Claudio Lippi, i mattatori della tv; Simona Izzo e Ricky Tognazzi, coppia nella vita e nel lavoro; Gigi e Ross, i nuovi comici “mediterranei”.

Il programma condotto da Fabrizio Frizzi si basa sulle opinioni, attraverso domande multiple di diversa natura capaci di creare dibattito sia tra le 6 famiglie in collegamento che tra le 3 coppie di Vip in gara, tutto questo per capire cosa pensano gli italiani circa quel determinato quesito. La particolarità del programma prevede che anche il pubblico da casa possa divertirsi a rispondere in diretta seguendo il gioco delle domande, rispondendo attraverso una semplice applicazione (che prende il nome dal titolo del programma) creata appositamente per la trasmissione, che è possibile scaricare gratuitamente sui principali store Apple e Android.

Ospiti musicali di quest’ultima puntata saranno il cantante Mika che in questi giorni è impegnato nelle registrazioni della nuova edizione di X-factor e Raf. Gli ascolti del programma hanno permesso alla trasmissione di vincere tutti i venerdì in cui è andata in onda, infatti partito nella prima puntata con 2.752.000 telespettatori e il 15,45% di share è sceso leggermente nella seconda puntata ottenendo 2.457.000 telespettatori e il 14,56% di share. La media delle 3 puntate è di 2.449.000 di tele-affezionati e il 14,73% di share.

Anche in quest’ultima puntata verranno assegnati 200 buoni sconti per libri fra tutti coloro che scaricheranno l’applicazione e 3 tablet fra quelli che risponderanno a tutte le domande. Gli italiani hanno sempre ragione e a detta degli ascolti anche Frizzi che si è prestato a condurre un format fresco e interattivo nell’estate, troppo spesso spenta, della tv italiana.

About Giuliano Castagna

Nato in Sicilia 25 anni fa in una delle province siciliane meno note, decide all’età di 19 anni di trasferirsi nella capitale. La passione, a tratti spasmodica, per la televisione, mezzo di comunicazione seguito da sempre, lo porta a laurearsi in Comunicazione prima e far un master in scrittura televisiva poi. Sogni nel cassetto? Fare l'autore televisivo.

One Comment

  1. Rossella

    luglio 24, 2015 at 12:38

    L’ho interpretato come un processo pubblico agli italiani. I processi pubblici spaccano l’opinione pubblica nazionale ed internazionale ehm… come dire? Una volta approdati ad una verità, questa verità, si rivelerà parziale. Ergo: vincerà il ragionevole dubbio! Se domani mattina Tizio mettesse in giro la voce che mi ha visto entrare in macchina di Sempronio una parte dell’opinione pubblica continuerebbe a sentirsi in diritto di pensare che la sottoscritta ha avuto vissuto una giovinezza abbastanza disinvolta. Potrei querelare Tizio ma andrei in contro alla più classica delle vittorie di Pirro dal momento che né un milione di euro né un miliardo di euro mi restituirebbero immacolato il mio onore. Infatti capisco quelle star che fanno spallucce davanti alle allusioni. Perché domandare giustizia quando sai di non poterla ottenere? Una persona comune la vive doppiamente male perché immediatamente si pensa ad un vizio, ad un rapporto quasi compulsivo con la sessualità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *