Rita Dalla Chiesa placa le polemiche: critiche ingiuste e gratuite contro di lei

By on luglio 8, 2015
foto Rita Dalla Chiesa

Rita Dalla Chiesa si difende. In questi giorni la conduttrice de La posta del cuore è stata al centro dell’attenzione per una presunta gaffe in merito alla questione greca. Al centro della polemica un messaggio che la bella presentatrice di Casoria, avrebbe postato sui social per commentare l’esito del referendum greco sul piano economico europeo, che ha visto la vittoria dei “no”.

“Non sono greca. Ma amo la Grecia come se fosse casa mia. Ho vissuto le sue strade, il suo mare, il profumo dei fiori della notte, le sue contraddizioni, la generosità degli isolani, l’affetto che hanno verso noi italiani che, in qualche modo, li abbiamo aiutati in guerra contro i tedeschi. Sarebbe questo il post “incriminato”, scritto sulla pagina facebook ufficiale lo scorso 4 luglio, dalla conduttrice storica di Forum.

Il messaggio ha generato i commenti non proprio lusinghieri degli internauti, che hanno precisato che all’epoca della seconda guerra mondiale, l’Italia era alleata con la Germania, e quindi implicata nell’invasione greca. Le parole della conduttrice sono state travisate però. Rita Dalla Chiesa, infatti, ha voluto subito precisare la sua posizione e, con un tweet inviato a noi de LaNostraTv.it, ha commentato, in riferimento alla polemica che si è creata: “L’ignoranza è di chi non sa cosa sia successo davvero a Cefalonia“.

In un post sul suo profilo facebook, la conduttrice ha raccontato, infatti, che ad Argostoli, durante il suo soggiorno in Grecia, molti anziani le hanno svelato episodi di solidarietà tra greci e italiani, anche se all’epoca erano in guerra fra loro. “Mi hanno raccontato di italiani che portavano al largo, sulle barche, alcuni greci, per non farli prendere dai tedeschi. E di greci che dividevano le razioni con loro. Perchè avrebbero dovuto raccontare delle bugie?”.

Parole che di fatto danno ragione alla padrona di casa de La posta del cuore, criticata ingiustamente. Con poche righe la 67enne ha chiarito la sua posizione, chiudendo di fatto le polemiche, dando un taglio alle malelingue e a quanti, sui social, tendono ad attaccare e offendere un po’ troppo facilmente.

About Simona Tranquilli

Nata a Latina il 16 Maggio 1983, dopo il Liceo Scientifico ha capito che la sua strada è la scrittura. Ha conseguito la Laurea Specialistica in “Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo” presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma. Durante il periodo universitario ha lavorato prima presso un quotidiano e poi per un settimanale della provincia di Latina, trattando temi di attualità e spettacolo. Moglie e mamma tuttofare, ama viaggiare e praticare sport ma, soprattutto, è un'appassionata di televisione. Predilige i programmi di intrattenimento leggero e le serie televisive. Supervisore de LaNostraTv, scrive per il sito dal 2014.

One Comment

  1. Rossella

    luglio 8, 2015 at 13:48

    Ben detto! Stare con l’Europa significa stare contro i populismi. Alla luce dei miei trentun anni ho trovato profondamente ingiusto giocare la partita sul terreno della famiglia perché un politico può farsi promotore della famiglia anche coltivando quel senso della famiglia umana che è estraneo a chi si riconosce in altri valori. Si può avere una famiglia con Tutti i crismi e mancare di carità.
    La politica che sta nascendo è una politica che lega i capricci alle disuguaglianze… l’opinione pubblica non riuscirebbe mai a spiegarsi un’uscita dall’Euro della Grecia perché nell’immediato ha bisogno di qualche strega da bruciare. Questo è medioevo.
    Quello che vediamo non è tutta la verità. Una reazione non è tale solo quando è plateale… c’è gente che ha il senso della proprietà privata e che vive in senso pieno quel galateo che dice che in pubblico sarebbe meglio comportarsi in un modo piuttosto che in un altro. E’ anche vero che quando sfoglio una rivista mi potrei entusiasmare davanti ad una presa di posizione… ma non basta questo a farmi cambiare idea perché in pubblico mi comporterei con modo e forma.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *