Fiction Rai, Grand Hotel: seconda stagione in cantiere?

By on settembre 22, 2015
Foto Grand Hotel seguito

Grand Hotel, la fiction Rai è una scommessa vinta

La scommessa di Grand Hotel, la fiction di Rai 1 ispirata all’omonima serie spagnola, è stata vinta, perchè i risultati ottenuti sono stati più che soddisfacenti. “Il giocattolone pieno di ritmo“, come lo ha definito su Tv Sorrisi e Canzoni Claudia Aloisi, il produttore esecutivo per Cattleya, la società che ha realizzato Grand Hotel, ha conquistato più di tre milioni e mezzo di telespettatori. Numeri sorprendenti considerato che si tratta di una vera novità per la televisione e che il cast di Grand Hotel è composto in prevalenza da attori giovani e poco conosciuti, affiancati anche da nomi più popolari tra il pubblico. Visti questi risultati sicuramente incoraggianti, i telespettatori possono sperare in una seconda stagione di Grand Hotel? Stando alle parole della Aloisi, sembrerebbe di sì, visto anche il finale aperto che andrà in onda questa sera su Rai 1. Sempre sulle pagine del settimanale il produttore esecutivo ha spiegato che la decisione finale dipende dalla Rai ma ha aggiunto: “nei prossimi giorni sapremo se si farà noi, intanto, abbiamo opzionato tutto il cast e stiamo scrivendo i soggetti di un eventuale seguito“, dando così una speranza ai tanti appassionati di Grand Hotel, che hanno apprezzato gli intrighi, le passioni e i colpi di scena della fiction Rai.

Grand Hotel, la fiction Rai ha eguagliato il successo spagnolo

Se il destino di Grand Hotel in Italia sarà uguale a quello che la serie diretta da Ramòn Campos, Gema R. Neira e Carlos Sedes ha avuto in Spagna, dove dal 2011 al 2013 si sono susseguite ben tre stagioni con trentanove episodi, ancora non è dato saperlo. Quello che, però, è certo è che il successo di Grand Hotel nel nostro Paese ha eguagliato quello che questo melodramma in costume ha ottenuto nella patria d’origine, dove ha raggiunto i tre milioni e settecentomila spettatori con uno share del 20 %. Tanti gli ingredienti che hanno favorito la fiction Rai diretta da Luca Ribuoli: dalla location mozzafiato in cui si svolge l’intera vicenda, le Alpi altoatesine, alla cura dei dettagli e delle ricostruzioni del periodo in cui è ambientata, la suggestiva Belle Epoque, passando per il cast composto da attori giovani e semisconosciuti ma di grande interesse, come il figlio d’arte Eugenio Franceschini, Andrea Bosca, noto al pubblico per il suo ruolo ne La Dama Velata, e Valentina Bellè, che per fare questa fiction ha lasciato la scuola di recitazione cogliendo, così, una grande occasione da cui ha imparato tantissimo. Nell’attesa, quindi, di sapere se ci sarà o no il sequel di Grand Hotel, i protagonisti della fiction Rai non dicono addio ma solo arrivederci al pubblico, che li ha seguiti con grande passione in queste settimane di fine estate, e si preparano per altri impegni.

Grand Hotel, il futuro dei protagonisti della fiction Rai

Eugenio Franceschini, che interpreta il giovane e coraggioso Pietro Neri, che è arrivato al Grand Hotel per cercare la sorella, dal 22 ottobre sarà al cinema con il film Io che amo solo te, in cui è il fratello di Riccardo Scamarcio, e dopo ancora sul grande schermo con la pellicola di Ivan Cotroneo Un bacio. Il cattivissimo Marco Testa, il direttore del Grand Hotel a cui presta il volto Andrea Bosca, invece, dal 29 settembre sarà in teatro al nuovo Eliseo di Roma. Qui interpreterà una commedia molto curiosa diretta da Luca Barbareschi intitolata Una tigre del Bengala allo zoo di Baghdad, che inaugurerà il teatro; mentre l’anno prossimo farà un’altra fiction e, stavolta, dovrebbe vestire i panni di un personaggio positivo. E, infine, c’è la bella e dolce Adele Alibrandi (Valentina Bellè), contesa tra Pietro e Marco, che tra due settimane inizierà le riprese de I Medici, una produzione internazionale in cui sarà una giovane Lucrezia Tornabuoni, madre di Lorenzo il Magnifico.

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

One Comment

  1. Pingback: Sarah Felberbaum: Il giovane Montalbano, Hoffman e Argentero, un tris vincente | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *