Ricetta Detto Fatto, dolce 19 ottobre: macarons di Michel Paquier

By on ottobre 19, 2015
foto macarons

Detto Fatto con Caterina Balivo: segreti dei macarons

Dopo essere stata premiata come miglior trasmissione dedicata al “fai da te” durante la fiera della creatività femminile svoltasi questo fine settimana a Vicenza, torna su Rai 2 Detto Fatto con Caterina Balivo e i suoi amati tutor. In questa puntata la conduttrice ha percorso lo studio e accolto i suoi ospiti in sella ad una bicicletta pieghevole per continuare la campagna di sensibilizzazione contro l’inquinamento atmosferico. Ad aprire la puntata odierna, il pasticciere francese Michel Paquier; quest’ultimo ha realizzato il dolce del giorno: i coloratissimi macarons. Prima di descrivere la ricetta, ecco tre segreti utili forniti dallo stesso pasticciere per realizzare queste delizie: 1) far riposare l’impasto per 20 minuti prima di infornarlo; 2) usare una doppia teglia da forno in modo tale che il calore dal basso non sia troppo forte (questo fa si che il cuore della meringa rimanga morbido); 3) una volta farciti, i macarons devono refrigerare per 24 ore (ossia vanno messi in frigorifero) per far ben solidificare e unire la farcitura. Detto ciò, dopo aver controllato la disponibilità di tutti quanti gli ingredienti occorrenti per realizzare questi coloratissimi dolcetti (è possibile leggerli sfogliando la gallery presente a fine articolo), non resta che mettere il grembiule e accendere i fornelli.

Detto Fatto, dolce 19 ottobre: macarons di Michel Paquier

La prima cosa da fare per realizzare in casa propria il dolce proposto oggi da Michel Paquier è dedicarsi alla meringa: in una casseruola, cuocere lo zucchero con l’acqua e aspettare che inizi a bollire; nel frattempo, montare gli albumi con la planetaria. Quando l’acqua e lo zucchero avranno raggiunto la temperatura di 115°-118°, versare all’interno della planetaria contenente gli albumi; fare raffreddare la meringa (fino a 50°) e unire qualche goccia di colorante. Il passaggio successivo consiste nel preparare la pasta di mandorle: con l’aiuto di un mixer, miscelare la farina di mandorle con lo zucchero a velo e unire gli albumi amalgamando il tutto fino a ottenere una pasta omogenea. L’ultima fase del procedimento è dedicato alla realizzazione della ganache al lampone e cioccolato: sciogliere quest’ultimo e portarlo ad una temperatura di 30°; nel frattempo, far bollire la polpa di lampone con lo zucchero. Unire quest’ultima al cioccolato fuso e mescolare delicatamente con l’aiuto di una frusta, aggiungendo poco alla volta il burro ammorbidito. Mescolare 1/3 della meringa con la pasta di mandorle; unire, in seguito, la meringa restante continuando a mescolare fino a ottenere un impasto omogeneo. Inserire quest’ultimo in un sac a poche e realizzare dei dischetti come mostra la foto in gallery su una placca ricoperta con carta forno. Fare riposare per 20 minuti e, successivamente, cuocere a 150° per 12-14 minuti. Ultimata la cottura, farcire un guscio di macaron e sigillare con un altro guscio realizzando una sorta di piccolo panino … Detto Fatto: macarons di Michel Paquier. Nel dare appuntamento a domani con Caterina Balivo e i suoi tutorial, cliccando qui è possibile leggere i dolci della scorsa settimana.

foto_macarons_01.jpg

About Alessandro Petroni

Nato a Roma il 19 Febbraio 1988, è laureato in Psicologia Clinica e laureando in Sessuologia e Psicologia della Devianza. E' un appassionato di televisione, musica, cinema e tutto ciò che gira attorno a queste forme d'arte, compreso il gossip. Amante dei reality e talent show, si diverte a criticare e scrivere sul mondo dello spettacolo sempre con professionalità.

3 Comments

  1. Pingback: Mattino Cinque, le ricette di Samya: i panini dei supereroi, 20 ottobre | LaNostraTv

  2. Pingback: Detto Fatto, ricetta 20 ottobre: dolce dell’amore al cioccolato e banana | LaNostraTv

  3. Pingback: Detto Fatto, ricetta dolce: meraviglie di crema pasticcera, cioccolato e ricotta | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *