Tutto può succedere, anticipazioni 27 dicembre: torna una grande famiglia su Rai1

By on dicembre 23, 2015

Tutto può succedere: il remake di “Parenthood” su Rai 1

Chi ha amato la serie americana Parenthood, nata da un’idea di Ron Howard e andata in onda dal 2010 al 2015 sul canale NBC e in Italia sui canali Mediaset, non potrà non amare Tutto può succedere, la nuova fiction di Rai 1 in tredici puntate diretta da Lucio Pellegrini. Come Parenthood, a cui si ispira grazie all’egregio lavoro degli sceneggiatori che hanno dovuto adattarla al contesto italiano, la serie Tutto può succedere parla di una famiglia: la famiglia Ferraro, che abita vicino Fiumicino, in una grande casa in cui si muovono genitori, quattro figli e diversi nipoti. Tutto questo crea intrecci e storie fortemente attuali e in cui ognuno può riconoscersi, come rivelano già le anticipazioni della prima puntata, che andrà in onda domenica 27 dicembre. Nella puntata di domenica di Tutto può succedere i telespettatori conoscono i componenti di questa nuova famiglia televisiva. Così c’è Sara (Maya Sansa), che è stata lasciata dal marito ed è costretta a tornare a casa da mamma Emma (Licia Maglietta) e papà Ettore (Giorgio Colangeli), portando con sè i due figli Ambra (Matilda De Angelis) e Denis (Tobia De Angelis).

Tutto può succedere: la famiglia Ferraro

Nella prima puntata di Tutto può succedere, poi, il pubblico conosce Giulia, interpretata da Ana Caterina Morariu, impegnata in questi giorni nelle riprese della fiction di Cinzia TH Torrini con Anna Valle come protagonista. In Tutto può succedere l’attrice veste i panni di un avvocato di successo con un marito in cassa integrazione e una figlia che non vede mai. Nella famiglia Ferraro, infine, ci sono anche due figli maschi: Alessandro (Pietro Sermonti), il primogenito, con due figli Federica (Benedetta Porcaroli) e Max (Roberto Nocchi). Una famiglia serena finchè lui e la moglie Cristina (Camilla Filippi) non cominciano a sospettare che Max possa avere una grave malattia, la sindrome di Asperger. E, poi, c’è il più piccolo dei figli della famiglia di Tutto può succedere: Carlo (Alessandro Tiberi), un eterno Peter Pan che viene sconvolto da una sua ex, Feven (Esther Elisha), che dopo cinque anni si è rifatta viva, dicendogli che hanno un bambino che si chiama Robel (Sean Ghedion Nolasco). Ma anche l’attuale fidanzata di Carlo vuole un figlio.

Tutto può succedere, anticipazioni della prima puntata

Intanto Sara, sempre più in crisi, fa sesso con una sua ex fiamma e fa una scoperta imbarazzante sul conto del padre. Le anticipazioni di Tutto può succedere rivelano che la donna cerca una casa e un lavoro e Alessandro, pregato dal padre, prova ad aiutarla ma il colloquio che riesce a farle avere non va bene. E Sara ci rimane male quando scopre che è stato Alessandro a farle avere il colloquio. Anche per il primogenito cominciano i problemi, perchè i sospetti sulla malattia di Max si trasformano in certezze dopo la conferma del medico, e, come se non bastasse, Federica gli confessa che l’erba che ha fumato con Ambra è sua e non della cugina. Quest’ultima, intanto, non si trova bene nella nuova classe, così, Sara la riporta nella vecchia. Nella nuova fiction di Rai 1 tutto può succedere, come dice il titolo, così Carlo mente alla fidanzata per passare un pomeriggio con Robel, mentre Giulia è gelosa della madre di un’amica di sua figlia. La seconda puntata di Tutto può succedere andrà in onda martedì 29 dicembre.

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

One Comment

  1. Pingback: Tutto può succedere, anticipazioni 29 dicembre: la confessione di Ettore | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *