Mattino 5, Ripa Di Meana choc: “Eleonora Brigliadori va arrestata”

By on ottobre 7, 2016
foto Marina Ripa Di Meana

Eleonora Brigliadori: il caso a Mattino Cinque. Lo sfogo di Marina Ripa Di Meana

Sta facendo molto scalpore la vicenda di Eleonora Brigliadori, scagliatasi contro le chemioterapie, proponendo delle ‘cure alternative’ per combattere il cancro. Un caso che sta creando grande scompiglio, specie in seguito all’enorme polverone sollevato da Le Iene: l’inviata Nadia Toffa ha infatti incontrato proprio la Brigliadori, dalla quale ha anche ricevuto un ‘ceffone’. “Mia madre è morta di chemioterapia! Mia nonna è morta di chemioterapia!” ha urlato a gran voce Eleonora davanti alle telecamere de Le Iene. Il video del fattaccio, già mandato in onda durante il suddetto programma, è stato riproposto oggi a Mattino 5 nel corso di un acceso dibattito al quale hanno preso parte, tra gli altri, Alessandro Cecchi Paone e Marina Ripa Di Meana. E proprio quest’ultima si è accanita contro Eleonora Brigliadori gridando a squarcia gola ai microfoni del programma di Federica Panicucci:

“Eleonora Brigliadori va arrestata! Rappresenta un pericolo. Non capisco perchè solo Wanna Marchi si è fatta tanta galera…”

Marina Ripa Di Meana a Mattino 5: l’attacco a Eleonora Brigliadori

“La scienza ha fatto grandi progressi! Io sono stata in chemio per sette mesi fino a tre giorni fa e in tutto questo periodo ho fatto cose normali, è anche uscito il mio libro”

ha asserito la Ripa Di Meana durante il vivace dibattito avvenuto oggi a Mattino Cinque. Come documentato dai filmati mandati in onda, la Brigliadori pare chieda 100 euro a coloro che si rivolgono a lei, cifra “non fatturata” perchè “considerata una donazione”. Nonostante la telefonata registrata, Eleonora ha negato a Nadia Toffa che le cose stanno così, accusandola di essere “male informata”, perchè quello che lei fa “non è pagabile con nessun denaro”. Momenti di tensione a Mattino 5 durante lo spazio dedicato al caso Brigliadori, con un arrabbiatissimo Alessandro Cecchi Paone che si è scagliato contro un dottore presente in studio, anch’egli favorevole a cure alternative, affermando inoltre “Se vi volete suicidare rivolgetevi ad Eleonora Brigliadori”. Persino una donna attualmente affetta da tumore è intervenuta in collegamento annunciando di aver creato una pagina facebook contro Eleonora Brigliadori, la quale a suo parere sta facendo passare messaggi pericolosi invitando la gente colpita dal cancro a rinunciare alle cure.

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dall'11 Agosto 2014 e Responsabile Editoriale di "Lavorare Nello Spettacolo", le sue più grandi passioni sono la natura, il giornalismo e ovviamente la Tv!

4 Comments

  1. paolo

    ottobre 8, 2016 at 01:17

    Tutta la mia solidarietà’ a Eleonora Brigliadori . Vergognoso quello che Mediaset sta’ facendo .

    • Beatrice

      ottobre 8, 2016 at 22:35

      Anch io appoggio eleonora e poi si sa che la ripa di meana e amica di veronesi

  2. Diletta

    ottobre 9, 2016 at 16:37

    Vergognoso? Vergognoso è dichiarare che la chemioterapia uccide: è il cancro che uccide, a volte la chemio non è sufficiente ma spesso salva la vita, altro che pomate e karma. La brigliadori costituisce un pericolo per chi, per ignoranza o disperazione, potrebbe essere tentato dall’abbandonare percorsi terapeutici scientificamente convalidati per acqua fresca e pomatine. Spero che la magistratura faccia luce su questa triste vicenda e prenda gli opportuni provvedimenti acchè simili vicende non abbaino a ripetersi, intervennedo con le dovute sanzioni.

  3. Vinicio Santelia

    ottobre 12, 2016 at 14:33

    Non pensavo di poter provare stima nei confronti di Marina Ripa di Meana … mi è girato il Karma!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *