Uomini e Donne, Amici, C’è posta per te: qual è il loro futuro?

By on gennaio 6, 2017
foto uominiedonne logo

Uomini e Donne, C’è posta per te, Amici pronti a cambiare padrona di casa?

Cosa hanno in comune Uomini e Donne, Amici e C’è posta per te? Maria De Filippi, ovviamente. Unica donna che li produce e li conduce con un occhio sempre acuto alla contemporaneità e sensibile ai cambiamenti della società. Si può dire senza peccare nell’esagerazione che sia lei la televisione italiana. Nessuna conduttrice, nessun conduttore può vantare di avere all’attivo così tanti programmai di successo che da anni entrano nelle case degli italiani regalando una vastissima gamma di emozioni. Non solo i suoi tre gioielli televisivi (UeD, Amici e C’è posta te), ma anche Temptation Island, Coca Cola Summer Festival, Tu sì que vales, Maurizio Costanzo Show, L’intervista, Pequenos gigantes, Selfie – Le cose cambiano, House party e Ultima fermata (il quale vedrà Stefano De Martino alla conduzione da gennaio 2017 su Italia 1) fanno parte, tutti quanti, della grande famiglia targata Fascino, la casa di produzione che Maria De Filippi controlla al 50%.

C’è posta per te, Uomini e Donne, Amici rimarranno orfani?

La notizia che ha fatto impazzire il web e scatenato le orde di adoratori di Maria De Filippi riguarda proprio la sua probabile co-conduzione del Festival di Sanremo assieme a Carlo Conti. Se la trattativa, che si presume essere alle battute finali, dovesse infine andare in porto, ciò che gli spettatori assisteranno dal 7 febbraio è un evento senza precedenti che va a confermare la piena autonomia mariana. Ma se la conduttrice di Uomini e Donne dovesse trovarsi così bene in Rai allora quale futuro si aprirebbe per il talk show sentimentale, per Amici e per il leader del sabato sera C’è posta per te? Dovrebbero cambiare padrona di casa dopo anni e anni di conduzione targata Maria oppure quest’ultima non baratterà mai le sue creature (e l’azienda che la ospita) per qualsivoglia tappeto rosso steso da Mamma Rai?

About Denis Bocca

Critico cinefilo (non tutti lo sono) molto radical e poco chic. Non crede in Dio, ma in Al Pacino. Le sue passioni formano un trittico indissolubile: cinema, letteratura, televisione. Vicecaporedattore de LaNostraTv dal 3 Ottobre 2016, scrive anche per tre siti di cinema tra cui il suo (Scrivenny 2.0). Con LaNostraTv ha trovato lo spazio ideale per scrivere di televisione, finalmente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *