L’Arena: Massimo Giletti torna in tv dopo le minacce di morte

By on marzo 12, 2017
Foto L'Arena leader

Massimo Giletti tra minacce e ascolti record de L’Arena

Tiene compagnia ai telespettatori ogni settimana per 3 ore, è uno dei personaggi più amati della televisione e colleziona ascolti record di oltre 4 milioni. Stiamo parlando di Massimo Giletti, il conduttore de L’Arena, il fortunato programma della domenica pomeriggio di Rai 1. Giletti non ha avversari. Mentre Barbara d’Urso riesce tranquillamente a battere la concorrenza di Pippo Baudo e della sua Domenica In, la stessa cosa non riesce a farla nelle prime tre ore condotte da Massimo Giletti. Il conduttore da sempre, ed in particolare in questa stagione, è dalla parte del cittadino. Spesso nella sua trasmissione, tende a portare alla ribalta casi che la politica e i diretti interessati tendono a nascondere. Di cronaca sono i fatti avvenuti in studio le scorse settimane, dove il conduttore, in compagnia dei suoi ospiti, ha denunciato alcune collusioni di poteri forti in Sicilia.

Massimo Giletti: L’Arena verso l’ennesima riconferma?

Domenica scorsa, nella puntata settimanale de L’Arena, alle 14:00 su Rai 1, ha svelato al suo fedele pubblico che lui in prima persona, ed i suoi ospiti, sono stati minacciati. Oltre al conduttore anche il capo della riscossione in Sicilia, l’avvocato Fiumefreddo, e il Capo della protezione civile in Calabria, Carlo Tansi, hanno subito minacce di morte. Entrambi sono stati ospiti a L’Arena, e queste minacce di morte sono arrivate proprio per le accuse che hanno mosso. Il conduttore non si è mostrato intimidito, tutt’altro. Rivolgendosi agli autori delle minacce, ha dichiarato di aspettarli in studio, dimostrandosi una persona civile e disposta a parlare. Per Massimo Giletti, le minacce subite sono solo uno stimolo ad andare avanti e proseguire la sua battaglia. Il pubblico apprezza il conduttore. La scorsa settimana, L’Arena ha intrattenuto 4.512.000 telespettatori con il 24.6% nella prima parte. 3.437.000 con il 20% nella seconda. L’appuntamento per le nuove vicende del caso è per questo pomeriggio, alle 14:00 su Rai 1.

About Jonathan Zacconi

Nato il 15 Ottobre 1996. Nel 2015 si è diplomato come Perito Informatico ed ha iniziato la Facoltà di Scienze della Comunicazione per inseguire i suoi sogni. Segue con molta attenzione la televisione, in particolare il dietro le quinte. Da dicembre 2014 partecipa saltuariamente nel pubblico di Forum su Canale 5 e Lo Sportello di Forum su Rete 4. Gestisce una pagina Facebook dedicata al programma intitolata Lo Sportello di Forum. Da Settembre 2016 scrive per LaNostraTv. Da marzo 2017 fa parte di Univision, un programma in collaborazione con l'Università di Macerata, in onda mensilmente su EmmeTv.

4 Comments

  1. Giuseppe

    marzo 12, 2017 at 15:13

    Chi subisce un furto viene rubato due volte. Prima dal ladro e poi dallo stato che deve affrontare le spese del processo. Lo stato deve difendere i cittadini indifesi

  2. Giuseppe

    marzo 12, 2017 at 15:14

    Chi subisce un furto viene rubato due volte

  3. Giuseppe

    marzo 12, 2017 at 15:23

    Anziché di pensare di andare a rubare vedere relax ed alimentazione naturale in valle d’Itria che aiuta a coltivare in casa meravigliosi prodotti naturali che si guadagna molto di più e senza fare processi.

  4. Giuseppe

    marzo 12, 2017 at 15:32

    Le carceri non servono.sono più utili le catene ai piedi dei detenuti che lavorano per pagare il danno che hanno fatto. No le carceri a spese dei cittadini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *