Carlo Cracco critica Masterchef ma difende i colleghi giudici

By on febbraio 15, 2018
Foto Masterchef Carlo Cracco

Masterchef, Carlo Cracco: “Il mio funerale è stato di cattivo gusto”

Per gli ascolti si farebbe di tutto. E’ questo quello che ha criticato Carlo Cracco intervistato dal settimanale Spy diretto da Alfonso Signorini: si farebbe qualsiasi cosa pur di ottenere qualche punto di share in più. Durante la prima puntata della nuova edizione di Masterchef i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo hanno salutato il loro ex collega Carlo Cracco con un funerale; condito di ironia, si capisce, ma pur sempre un funerale. Questo episodio non è molto piaciuto al diretto interessato il quale ha ricevuto diverse chiamate da amici e non tutti preoccupati per le sue condizioni di salute. Carlo Cracco ha trovato la scelta di fargli un funerale televisivo kitsch e di cattivo gusto. Per fare audience la Tv si venderebbe la nonna, ha detto, e pure la pelle dell’orso prima ancora di cacciarlo. Ma non ha mai neanche per una volta criticato i suoi ex colleghi giudici come molte testate giornalistiche stanno travisando. Infatti si legge nell’intervista che lui non potrebbe mai criticarli visto che li considera “i miei fratelli, i miei figli”. D’altronde ha lavorato con loro a stretto contatto per sei fortunatissime edizioni di Masterchef, realizzando dei promo molto divertenti dove si è sempre visto tra loro un feeling invidiabile. L’affetto e la stima non si perdono per una semplice goliardata.

Carlo Cracco guarda ancora Masterchef e considera “fratelli” i suoi ex colleghi

Masterchef è giunto alla sua settima edizione. Ha perso, però, un elemento molto importante ovvero Carlo Cracco. Senza di lui la ricetta è cambiata, ha un altro sapore, si riconosce un tocco femminile. Infatti a sostituirlo ci ha pensato la chef stellata Antonia Klugman che ha ereditato, se così si può dire, il ruolo di giudice severo e autoritario. Al pubblico inizialmente non è andata giù la sua presenza tanto che Bruno Barbieri, ospite di Tv Talk, ha difeso la scelta della produzione dicendo che la sua collega è una professionista che non ha bisogno di presentazioni. Certo è che la mancanza di Carlo Cracco si sente, ma ora come ora i suoi impegni televisivi non potrebbero mai sposarsi alla perfezione con i suoi nuovi progetti. Mercoledì 21 febbraio s’inaugura il suo nuovo ristorante a Milano. Un debutto importantissimo atteso da tutti gli amanti della buona tavola che sperano di poter vivere un’esperienza culinaria più unica che rara.

About Denis Bocca

Critico cinefilo (non tutti lo sono) molto radical e poco chic. Non crede in Dio, ma in Al Pacino. Le sue passioni formano un trittico indissolubile: cinema, letteratura, televisione. Caporedattore de LaNostraTv dal 2017 (già Vicecaporedattore nel 2016) e Supervisore, scrive anche per tre siti di cinema tra cui il suo (Scrivenny 2.0). Con LaNostraTv ha trovato lo spazio ideale per scrivere di televisione, finalmente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *