Francesco Monte a Verissimo: “Sono vittima di un’ingiustizia”

By on febbraio 9, 2018
foto francesco monte

Verissimo: la confessione di Francesco Monte a Silvia Toffanin

Come molti sapranno bene, poco più di 10 giorni fa, Eva Henger, prima di venire eliminata dalla tredicesima edizione dell’Isola dei Famosi, ha fatto una clamorosa rivelazione, che ha creato un incredibile polverone mediatico. Cosa ha detto? La ex attrice di film per adulti ha accusato Francesco Monte di essersi fumato della marijuana nel periodo passato nella famosa villa prima che iniziasse il reality show condotto da Alessia Marcuzzi. Un’accusa incredibile. Per questo motivo, Francesco ha deciso di ritirarsi dal reality e tornare in Italia per difendersi. E, dopo molti giorni di silenzio, ecco che Francesco Monte a Verissimo da Silvia Toffanin è tornato a parlare di questa intricatissima vicenda, asserendo senza tanti peli sulla lingua quanto segue:

“È stato un attacco personale nei miei confronti. Io ho la coscienza a posto. Nego tutto e confermo quello che ho scritto nel comunicato che ho pubblicato sui miei social…La giustizia farà il suo corso…”

Ma non è finita qua perchè l’ex tronista del popolare dating show prodotto e condotto da Maria De Filippi ha anche voluto parlare dell’immagine mandata in onda da Striscia La Notizia in cui è stato accusato di fumarsi uno spinello. Per questo Francesco Monte a Verissimo ha voluto mettere a tacere queste insinuazioni, dichiarando:

“Io fumo il tabacco per cui “rollo” le sigarette ed è quello, niente di più e niente di meno. Poi è normale che una persona che vede questa foto può scambiarla per un’altra cosa…”

Insomma, l’uomo ha negato di aver mai fumato della marijuana, asserendo anche nella trasmissione condotta dalla Toffanin di essere stato semplicemente vittima di un’immensa ingiustizia. La Henger risponderà per le rime?

Francesco Monte a Verissimo: le sue dichiarazioni

Francesco Monte a Verissimo si è difeso dalle accuse mosse da Eva Henger in questi ultimi giorni. Difatti l’ex naufrago della tredicesima edizione de L’Isola dei Famosi, ospite nel salotto di Silvia Toffanin, ha negato di aver mai fumato della marijuana, asserendo di fumare solo ed esclusivamente il tabacco. Tuttavia, proprio la Henger giorni fa a Striscia La Notizia ha fornito molti dettagli su questa vicenda, criticando anche gli atteggiamenti della produzione del reality show condotto da Alessia Marcuzzi. Il motivo? Secondo la ex attrice di film per adulti gli autori avrebbero cercato di favorire in tutto e per tutto Francesco Monte, mancando di rispetto agli altri naufraghi. Inoltre la donna ha aggiunto che gli autori avrebbero cercato di insabbiare la vicenda “canna gate” in tutti i modi perchè per scoprire se Monte avesse o meno fumato della marijuana sarebbe bastato andare a perquisire la sua valigia. Invece, sempre secondo la versione della donna a Striscia, non l’avrebbero voluto fare, dichiarando di non essere la polizia. Insomma, questa faccenda ogni giorno che passa pare tingersi sempre più di giallo. Verrà mai fatta chiarezza?

About Alessio Cimino

Esuberante toscano, è nato a Pietrasanta (Lucca) in un lunedì di qualche anno fa. Dopo il diploma come Tecnico Sociale si è laureato in Lettere e Filosofia indirizzo Arte, Musica e Spettacolo nella città dove Manzoni sciacquava i panni nell'Arno. Mosso dalla voglia di seguire il mondo dello spettacolo e della Tv ha deciso di trasferirsi a Milano.

One Comment

  1. emme

    febbraio 9, 2018 at 18:27

    Riguardo alla questione è ormai stato detto tanto, forse troppo, e si tratta soprattutto di opinioni. Forse sarebbe opportuno farsi delle domande riguardo a quanto affermato da Eva Henger: ella afferma che la produzione del reality avrebbe dovuto rovistare tra i bagagli di uno dei partecipanti. Credo che, se ciò fosse stato fatto, si configurerebbe come reato: violazione della proprietà altrui, della privacy e immagino qualche altro capo di imputazione. Una perquisizione sarebbe stata possibile solo ad un organo di polizia locale su mandato di un’autorità giudiziaria. Immagino che a nessuno dei partecipanti del reality, compresa la signora Henger, avrebbe fatto piacere che qualcuno privo di autorità legale rovistasse tra le sue cose. Credo che per fare spettacolo e darsi un alone di credibilità si sia dimenticato, da più parti, intervistatori compresi, che la legalità non può essere questione di opinioni e di racconti esibiti in televisione. Esistono sedi precise in cui fare denunce, ci si deve fare appello a leggi precise, a norme che devono essere rispettate da chi denuncia come da chi viene denunciato. Chi mormora perde di credibilità, se non segue con fermezza procedure legali, fin dal momento in cui constata un fatto. Non mi pare che spargere voci in giro sia una procedura legale, quanto piuttosto desiderio di distruggere l’immagine altrui.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *