Sanremo 2018: il Festival di Baglioni, con le star tv Hunziker e Fiorello

By on febbraio 7, 2018
Foto Michelle Hunziker Claudio Baglioni

Sanremo 2018: Claudio Baglioni debutta a latere

Il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni? E’ fatto con le star tv Michelle Hunziker e Rosario Fiorello. Non ci credete? Beh, a farsi notare già dai minuti iniziali della prima serata sono stati di sicuro anche la presentatrice Mediaset e lo showman siciliano. Sin dall’inizio della prima puntata, infatti, è sembrato che Baglioni volesse restare per così dire un po’ a latere, mandando avanti gli altri. Qualche esempio? La sigla d’apertura – c’è chi ha commentato ‘non proprio bellissima‘ – l’hanno cantata soltanto i 20 big in gara, ma non Baglioni, che però l’ha scritta. Ma Baglioni è sembrato non esserci tanto neppure durante la restante parte della diretta. All’inizio ha annunciato Fiorello soltanto con la voce, evitando di entrare in scena quando un intruso ha fatto irruzione sul palco e, per qualche attimo, ‘costringendo’ lo stesso Fiorello anche fare il padrone di casa e ad invocare, per forza di cose, il fantasma buono di Pippo Baudo…Effettivamente, sembra che Baglioni sia arrivato sul palco soltanto più tardi…Per prima cosa, ha sceso le scale – l’anno scorso Maria De Filippi non lo fece – e ha proposto il suo monologo d’apertura sulle canzoni. Un testo che, dalla sala stampa del Teatro Ariston, hanno sì apprezzato ma soltanto a metà. C’è chi, infatti, ha così commentato: ‘Troppa retorica‘. E pure lo stile, si è anche detto sui social, è almeno per qualcuno risultato un po’ troppo ‘papale‘. Tra l’altro, come se non bastasse, Baglioni ha fatto da ‘spalla’ pure al Fiorello-comico, anche quando il ‘Rosario nazionale’ ha ‘gestito’ la telefonata di Laura Pausini in diretta tv, non senza incassare anche le frecciatine riferite alle critiche di Antonio Ricci e qualche battuta non proprio ‘comodissima’…

Sanremo 2018: Michelle Hunziker il ‘centro’ della conduzione

E’ stata, invece, Michelle Hunziker, vera star tv italo-svizzera, a condurre ‘sul serio’ e allo stesso tempo con ritmo ed ironia la prima serata del Festival di Sanremo 2018. Anche quando ha saputo invogliare i telespettatori a seguire la gara o ha usato le super telecamere dell’Ariston per dire ‘Ti amo‘ al marito Tomaso Trussardi o per dargli un bacio. La stessa Hunziker che è stata al gioco quando Pierfrancesco Favino, attore ‘di parola’ e con inedito sprint comico, le ha detto che è più facile sopportare Paola Cortellesi che lei (o giù di lì). Quella Hunziker che ha anche ‘retto’ in versione cantante, con una esibizione sulle note di ‘E se domani’, eseguita tra il serio (un testo ancora oggi molto piacevole) ed il faceto (Baglioni e Favino che hanno cercato di evitarle ‘rogne’ sul palco, con effetto gag divertente).

Sanremo 2019: Fiorello fa ‘prove tecniche di trasmissione’

Dal canto suo, anche Fiorello c’è stato, in veste di star tv e questo si è visto. Prima ha fatto da ‘scalda-pubblico’, superando la difficoltà iniziale dell’intruso sul palco con la frase: ‘Non dovevo venire‘. Poi, ci ha anche preso gusto, parlando di politica senza parlarne, conducendo buona parte di metà serata e proponendo alla Rai di richiamarlo per la serata finale. ‘Sabato ci sarò‘, ha detto scherzando, salvo poi aggiungere: ‘Dipende se Orfeo mi raddoppia i Bitcoin‘. Per concludere, nella prima serata del Festival di Sanremo 2018 oltre a Claudio Baglioni in duetto, Michelle Hunziker ‘centro’ di conduzione e Pierfrancesco Favino piacevole ‘sorpresa’, ci sono anche stati bellissimi dettagli di regia (buona la trovata delle macchie nere intermittenti per ridurre la ‘pesantezza’ delle esibizioni in quattro minuti), ma anche di grafica (tanto ‘semplice’ quanto sintesi di una complessità concettuale più ampia) e di scenografia (davvero bella). Insomma, la sensazione è che, almeno per il momento, Claudio Baglioni scelga, sapientemente o meno, con molta probabilità lo si capirà soltanto in seguito, di fare un passo indietro nella conduzione, che suo mestiere non è, spendendosi di più con voce ed esibizioni sul palco insieme agli ospiti. Del resto, la struttura di Sanremo 2018 non sembra molto diversa da quella dell’era targata Carlo Conti, con la Hunziker che tiene le fila in qualità di ‘perno centrale’ alla conduzione, Favino che acchiappa il pubblico della Raffaele, aggiungendo quel quid attoriale in più, e Fiorello che, semplicemente, pare fare le ‘prove tecniche di trasmissione’ per il Festival di Sanremo 2019, o, quantomeno, per il suo eventuale ritorno in Rai. Sarà così?

About Raffaele Di Santo

Nato nel 1992 in provincia di Caserta, dopo il Liceo Scientifico mi laureo in Scienze e tecniche psicologiche all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Interessato da sempre a TV, web e nuovi media, scrivo prima per Corriere del Sannio e Davide Maggio, poi anche per Televisionando, NanoPress Spettacoli e SuperguidaTV. Ora un nuovo 'viaggio', insieme al team de Lanostratv. Per info, contatti e comunicati: rds.rds28@gmail.com.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *