Massimo Giletti si scontra con Italo Bocchino a Non è l’Arena

By on aprile 8, 2018
Foto Massimo Giletti

Non è l’Arena: Italo Bocchino interviene al telefono e si scontra con Giletti

Gli scontri sono all’ordine del giorno in Tv. Da quelli nei reality show a quelli nei talk passando dai talent e dai cooking show. Questa sera è toccato a Massimo Giletti. In una puntata di Non è l’Arena incentrata sui vitalizi e i privilegi della politica italiana (soprattutto in questo periodo di incognite e salite al Colle che valgono come un niente di fatto) è intervenuto al telefono Italo Bocchino per parlare di vitalizi e stipendi milionari. All’epoca del governo di Mario Monti il sistema contributivo per le pensioni dei parlamentari era stato votato con ampia maggioranza. L’ex onorevole aveva dichiarato (come gli ha ricordato lo stesso conduttore) che era indignato all’idea di poter andare in pensione a cinquat’anni e che era sereno per il fatto che non l’avrebbe avuta per i prossimi quindici anni. Peccato che a quanto pare l’ex onorevole abbia cambiato idea vincendo addirittura un ricorso contro quel passaggio al sistema contributivo. Non dovrà aspettare sessant’anni, quindi, e dovrebbe ricevere il vitalizio all’età di cinquantun’anni. Massimo Giletti, furioso per essersi sentito dire che prendeva fior di milioni quando era in Rai (“soldi dei contribuenti”, ha asserito il politico), ha dichiarato, prima di chiudere il collegamento telefonico:

“Se pensi questo allora vuol dire che ci siamo meritati questa classe politica […] Io non ho paura, difendo i miei ospiti, la dietrologia mafiosa non mi piace, per questo ho chiuso”.

Perché non contento di inveire contro il conduttore di La7, l’ex onorevole ha accusato anche Daniela Santanché di avere debiti per sei milioni di euro sentendosi rispondere però a tono: “Bocchino, stasera ti è caduto un vaso di gerani sulla testa? Ripigliati”.

Massimo Giletti a Non è l’Arena lancia una frecciata a Fabio Fazio?

A Non è l’Arena su La7 si è consumato pochi minuti fa un acceso scontro tra Massimo Giletti e Italo Bocchino. Quest’ultimo, collegando in maniera azzardata l’argomento della serata (i vitalizi) con il lavoro di Giletti come conduttore, non ha fatto altro che accendere una miccia pericolosa. Infatti Giletti, sentitosi chiamato in causa, ha lanciato una frecciata ai suoi ex colleghi della Rai (e soprattutto a Fabio Fazio):

“Io ho dato molto di più alla Rai, ho fatto guadagnare fior fior di milioni all’azienda, non come miei certi colleghi che si sono fatti le società di produzione senza dichiarare pubblicamente quanto prendono”.

Neanche troppo velata la frecciatina lanciata contro quel Fabio Fazio che è passato da Rai3 a Rai1 con un contratto milionario. E Massimo Giletti, che con la sua Arena faceva guadagnare milioni di euro alla Rai e incassava share a non finire contro la Domenica Live di Barbara d’Urso, si è visto ‘derubato’ e senza più un’azienda in cui credere. Il dente fa male ed è ancora avvelenato. Così come quello dei telespettatori che chiedono a gran voce il suo ritorno alla televisione di Stato.

About Denis Bocca

Critico cinefilo (non tutti lo sono) molto radical e poco chic. Non crede in Dio, ma in Al Pacino. Le sue passioni formano un trittico indissolubile: cinema, letteratura, televisione. Caporedattore de LaNostraTv dal 2017 (già Vicecaporedattore nel 2016) e Supervisore, scrive anche per tre siti di cinema tra cui il suo (Scrivenny 2.0). Con LaNostraTv ha trovato lo spazio ideale per scrivere di televisione, finalmente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *