Avanti un altro: buona la prima per Bonolis, testa a testa con L’ Eredità

Paolo Bonolis Avanti un Altro Canale5 FotoChi ben comincia è a metà dell’ opera. L’ esordio del nuovo quiz preserale di Canale 5 non delude le aspettative, almeno in termini di ascolti. Ben 2.991.000 telespettatori con il 20.61% di share hanno seguito la prima del nuovo game ideato e condotto da Paolo Bonolis, Avanti un altro. Un testa a testa con l’ Eredità di Carlo Conti che ha fatto registrare 2.648.000 telespettatori e il 20.79% di share nella prima parte, cresciuti a 3.702.000 e il 21.13% di share durante la Ghigliottina. Il nuovo preserale di Bonolis durante il proprio gioco finale è cresciuto a 3.558.000 telespettatori e il 21.21% di share. Un vero e proprio testa a testa tra i due quiz che renderà infiammata questa stagione televisiva. Certo siamo solo alla prima puntata e bisogna considerare che per il quiz di Canale 5 c’ era l’effetto novità che non bisogna trascurare. Anche Rai 1 ha cercato di rinnovare il proprio preserale con nuove vallette e nuovi giochi, mentre è rimasta al suo posto l’intoccabile Ghigliottina che ormai da anni da le sue soddisfazioni.

Il quiz di Paolo Bonolis, invece, potrebbe a lungo andare “pagare” il suo essere un po’ troppo ripetitivo nella prima parte. Non bastano infatti alcune prove speciali per scacciare l’effetto-noia che è sempre dietro l’angolo, anche se Bonolis è un mattatore. Da premiare, invece, il gioco finale che convince e appassiona. Il regolamento è molto semplice bisogna rispondere a 21 domande in 150 secondi, la particolarità sta nel fatto che bisogna dare la risposta sbagliata scegliendo tra 2 possibilità. Bonolis è un genio proprio in questo gioco a creare pathos.  Alla fine dei 150 secondi, ci sono altri 100 secondi per rispondere e vincere, ma il montepremi si abbassa di secondo in secondo. Insomma con una prima parte riveduta e corretta il quiz di Bonolis potrebbe essere il giusto competitor per l’inossidabile quiz di Rai 1.

Ricevi i nostri articoli direttamente nella tua email

 

Commenta quest'articolo

Post correlati:

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.