foto fiction baciamo le mani

Baciamo le mani Palermo – New York 1958, il riassunto della prima puntata

text-align: center;”>foto fiction baciamo le mani

BACIAMO LE MANI Palermo – New York 1958 – La prima puntata della fiction prodotta da Ares Film, diretta da Eros Puglielli e scritta da Teodosio Losito, è andata in onda ieri sera su Canale 5 in prima serata, raccogliendo 4.485.000 telespettatori e il 18,48% di share.

Nel cast della fiction Sabrina Ferilli (Ida Di Giulio), Virna Lisi (Agnese Vitaliano), Francesco Testi (Ruggero Vitaliano), Martina Pinto (Felicita Vitaliano), David Coco (commissario Bellomo), Massimo Bellinzoni (Pasquale Vitaliano), Valerio Morigi (Giuliano Draghi), Federico Galante (Nicolino Vitaliano), Nathalie Rapti Gomez (Louise), Luigi Maria Burruano (Don Cesare Romeo), Massimiliano Morra (Vito Calabrese), Sergio Arcuri (Chiarella), Burt Young (Don Gillo Draghi), Ninetto Davoli (Peppino Abarre), Salvatore Lazzaro (Antonio Di Giulio), Santo Pennisi (ispettore Cangemi), Antonio Merone (Padre Saro), Betti Pedrazzi (Teresa Puccinelli), Giorgio Caputo (avvocato Torrisi), Lucia Gravante (Rosalia), Domenico Balsamo (Raffaele Draghi), Daniela Marra (Mariarosa Draghi), Enzo Curcurù (autista Tano), Antonio Cantafora (Charles Lettieri), Daniela Piperno (Madam), Igor Mattei (Mario Imposimato), Francesco Barbero (linotipista) e Orazio Stracuzzi (Don Fabrizio).

Ecco quello che è successo nella prima puntata di Baciamo le mani Palermo – New York 1958:

foto-1-baciamo-le-mani

Siamo a Costanza, in Sicilia, nel 1958 e il giornalista Mario Imposimato viene ucciso dopo aver messo in luce un’inchiesta sui loschi traffici e appalti tra la mafia e alcuni politici locali. Ovviamente nessuno sa cosa è successo e non ci sono testimoni. A indagare sull’omicidio sono il commissario Bellomo e l’ispettore Cangemi, i quali scoprono che il cadavere del giornalista è stato trasportato dal contabile Antonio Di Giulio. Questi è sposato con Ida e ha un figlio, Salvatore, con i quali si reca al compleanno del boss Cesare Romeo, acclamato da tutta la città. Ida, romana d’origine, non approva le tradizioni locali come il famoso baciamano, ma per far contento il marito decide di omaggiare Romeo, il quale li ha aiutati a pagare la casa. Antonio viene accusato dell’omicidio di Imposimato e Don Romeo invia l’avvocato Torrisi con l’intento di non far uscire di galera il contabile ma di mettere a tacere eventuali voci di coinvolgimento della malavita.

Di notte Ida sorprende un uomo in casa sua: riesce a metterlo in fuga ma scopre una pistola e capisce che qualcuno vuole incastrare suo marito. A questo punto la donna pensa di poter scagionare il marito, ma quando va a parlare con lui egli le confessa di aver ucciso davvero il giornalista. Ida decide di consegnare comunque la pistola al commissario e ripudia suo marito, togliendosi persino la fede. Bellomo le consiglia di andar via dalla città, ma è tardi. Tornata a casa trova Don Romeo con Salvatore. Riesce a convincerlo di aver buttato la pistola nel fiume e sostiene di non aver neppure chiesto al marito il perché di quell’arma in casa. Il boss sembra convinto, ma non del tutto. Ida fa i bagagli e parte con suo figlio e la scorta verso Genova. Anche Gabriella, vedova con un figlio, è in viaggio con loro per l’America. La giovane infatti dovrebbe andare in sposa a Pasquale Vitaliano, figlio maggiore di una famiglia di macellai benestanti.

Gabriella è contenta ma teme sua suocera Agnese, donna di polso e fulcro della famiglia Vitaliano. Sul treno sale anche un uomo di Romeo, il quale mette una bomba nella cabina di Ida. A morire, però, sono Gabriella e il piccolo Duccio. Ida scopre l’omicida e decide di prendere l’identità della giovane sfortunata. Per la polizia non ci sono dubbi, Ida e Salvatore sono morti. L’unico a sapere che non erano nello scompartimento è l’agente di scorta, rimasto gravemente ferito. Ci spostiamo in America e Ida conosce il suo promesso sposo Pasquale e il resto della famiglia, Ruggero, Nicolino e Felicita. Agnese intuisce che qualcosa in Ida non è come sembra: nella lettera a Gabriella, infatti, le aveva parlato della mano monca del figlio e ora la donna ha avuto una reazione inaspettata a quella vista…

La seconda puntata di Baciamo le mani Palermo – New York 1958 andrà in onda giovedì 5 settembre alle 21,15 su Canale 5.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>