Lady Gaga vittima del bullismo: Mi hanno gettato in un bidone della spazzatura

Lady Gaga senza trucco

La Lady Gaga che non ti aspetti. Non quella dei costumi stravaganti, dei primi posti in classifica, dei pettegolezzi a sfondo erotico. Ma una Lady Gaga più sofferente, più vera. “Sono stata vittima de bulli” questa la confessione che ha fatto davanti agli studenti dell’Università di Haward. L’artista italo-americana si è recata lì per promuovere la sua campagna di sensibilizzazione contro il bullismo e le violenze tra adolescenti (è anche fondatrice di una fondazione apposita, “Born this way”). Ha parlato nientemeno che dalla cattedra dell’aula magna, ma la sua non è stata una lezione, piuttosto un intenso outing che ha toccato ricordi della sua adolescenza.

Da ragazza Lady Gaga è stata una studentessa modello. Volti altissimi, media ottima, ciononostante i compagni la vezzeggiavano, la insultavano e la escludevano. Non la chiamavano alle feste intenzionalmente, per farle dispetto. Insomma, era presa di mira, a tal punto da pensare più volta di abbandonare la scuola. “Mi chiamavano in modo orribile davanti a tutti, al punto che non volevo piu’ recarmi a lezione perche’ mi vergognavo, nonostante avessi ottimi voti“. Sua madre ha confermato tutto, ricordando quanto ci rimanesse male la figlia ogni volta che la classe organizzava una festa e non la chiamava. 

Lady Gaga

Picture 1 of 5

Picture 1 of 5

Tra i ricordi di Lady Gaga non ci sono solo insulti o momenti di solitudini. E’ stata vittima di un episodio davvero spiacevole, ben oltre i limiti dell’umiliazione personale: “Mi hanno persino gettata nel bidone della spazzatura“.

Lady Gaga (ora alle prese con un nuovo singolo) non è l’unica vip ad aver rivelato un passato da vittima del bullismo. Ultimamente lo hanno fatto altre star anglosassoni quali: Kristen Stewart, che ha addirittura abbandonato la scuola per questo motivo, Rihanna, presa in giro per il colore della pelle, Selena Gomez, presa di mira per i suoi voti alti a scuola.

Ricevi i nostri articoli direttamente nella tua email

 

Commenta quest'articolo

Post correlati:

About Giuseppe Briganti