Archimede Italia 1 foto

Archimede – La scienza secondo Italia1, prima puntata

text-align: center”>

Italia1 è la rete Mediaset dedicata ai giovani, e ultimamente sta sperimentando molti programmi nuovi pensati proprio per loro: l’ultimo di questi è “Archimede – La scienza secondo Italia1”, partito ieri sera alle 21.30 e incentrato su argomenti scientifici rielaborati in chiave televisivo-ironica. La trasmissione – che prende il nome da uno dei più celebri inventori di tutti i tempi (nato a Siracusa) – ha portato alla luce vari temi spiegandoli in maniera divertente ma pur sempre precisa e ogni dato è stato accompagnato da precise dimostrazioni ad opera di esperti del settore.

Il vero scienziato è colui che sperimenta la scienza sulla propria pelle”, è proprio questo il presupposto su cui si basa “Archimede – La scienza secondo Italia 1”, condotto dalla Iena Niccolò Torielli. Partendo da qui sono stati affrontati i più svariati argomenti, cercando di far appassionare anche i ragazzi e le loro famiglie a fenomeni naturali che spesso a scuola risultano difficili o incomprensibili: Terra e Venere messi a confronto, asteroidi e altri oggetti che si schiantano sulla Terra, la vita dopo la morte, i pericoli domestici ovvero ciò che in casa non si dovrebbe mai fare, le tecniche di combattimento di cavalieri e pirati o ancora i robot e le sofisticate tecniche sviluppate per riprodurre copie di esseri umani.

archimede-italia-1-niccolo-torielli

Tra i servizi trasmessi sono risultati particolarmente interessanti quelli realizzati da Greg Foot, divulgatore scientifico per la televisione, che tra le altre cose ha sperimentato la veridicità di alcune leggende metropolitane avvalendosi dell’aiuto di manichini e stuntman. Anche la “Teoria della cecità al cambiamento”, ovvero le priorità stabilite dal nostro cervello che impediscono di notare cambiamenti evidenti che accadono intorno a noi se si è concentrati su qualcos’altro, è stata dimostrata attraverso alcuni esempi. Infine, uno degli esperimenti documentati con maggior cura, è stato quello realizzato da due scienziati americani: cosa succederebbe se lasciassimo del cibo sigillato in una casa per due mesi, senza che nessuno lo mangi? La ‘cucina degli orrori’ tenuta sotto osservazione da una equipe di esperti ha mostrato i vari passaggi della decomposizione che colpisce ogni essere vivente; batteri, muffe e insetti si contendono gli alimenti portando avanti il processo di decomposizione, riciclo e rinascita.

Lo stile di conduzione dell’improvvisato scienziato Torielli, accompagnato dalla simpatica gallina Berta, è molto simile a quello che lo stesso utilizza durante i servizi de ‘Le Iene’: divertente e diretto, il linguaggio utilizzato dal conduttore non sarà certo disdegnato dai più giovani.

Il programma, sebbene in alcuni punti risulti un po’ macchinoso, è utile e piacevole: anche i meno avvezzi allo studio della scienza potranno comprendere ciò che succede sulla Terra grazie a calcoli, ipotesi e dimostrazioni.

Italia 1 ha deciso di dedicare ad ‘Archimede’ altre tre puntate, e se il programma darà i risultati attesi potrebbe essere riproposto anche il prossimo autunno.

Per ora l’appuntamento è sugli schermi di Italia 1 per domenica 3 giugno, sempre alle 21.30.

Questo articolo è stato pubblicato in Programmi Tv e taggato come , il da

Informazioni su Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

7 pensieri su “Archimede – La scienza secondo Italia1, prima puntata

  1. Federico Altani

    Un’idiozia di programma sulla scia di altre cialtornate,purtroppo di moda in questo squallido periodo e che puntano sul sensazionalismo.
    Dovrebbero proibire a questi cialtroni di utilizzare la parola “scienza” nelle loro minchiate.
    Il conduttore poi,con quella faccia da idiota,vorrei che facesse DAVVERO il “conduttore”,folgorato da una saetta.

    Replica
  2. irq

    Mah, quanta acredine… certo non avrà il rigore o la serietà di una lezione universitaria, ma diamine, appunto è un PROGRAMMA TELEVISIVO, il cui scopo primario è quindi INTRATTENERE.
    Pertanto gli si può perdonare qualche “imprecisione” (poche) o “semplificazione” (comunque ben fatte), se comunque risulta piacevole, curioso e istruttivo.

    Lamentarsi di “Archimede” dopo che ci siamo dovuti subire per ANNI “Voyager”, “Mistero” e “Wild” vuol dire proprio essere incontentabili.

    Replica
    1. kun

      menomale che c’è ancora qualcuno che non rompe i coglioni per qualsiasi cosa e cerca di cogliere il lato divertente ed allo stesso tempo curioso del programma invece di concentrarsi su stronzate tipo il taglio di capelli del conduttore

      Replica
  3. rossana

    nella puntata del 17-6-2012 avete spaventato a morte un giovane.
    Ritengo che Non si debba spaventare la gente, perche’ gli spaventi fanno invecchiare rapidamente, e possono far venire infarti o causare cancro.

    Replica
    1. L'indignato

      Farà ben schifo come programma, ma che gli spaventi facciano venire il cancro non si può sentire!
      Perché mai la gente non lascia la scienza a chi compete e non continua a vivere nel suo cialtrume, senza pretendere di sapere cose che non conosce?

      Replica

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>