Archivio tag: cesare prandelli

nazionale-italia

Italia-Danimarca: gli Azzurri in campo a San Siro per la qualificazione ai mondiali 2014. Buffon non ci sarà

text-align: center”>Italia-Danimarca: stasera su Rai1 dalle 20.35

Italia-Danimarca è il match che può segnare la volata degli Azzurri nel girone di qualificazione ai Mondiali di Brasile 2014: la squadra di Prandelli è già in testa nel Gruppo B, ma una vittoria netta di questo incontro milanese sarebbe l’ideale per consolidare il risultato. La partita con i danesi allenati da Morten Olsen (lo stesso ct della nazionale danese protagonista del biscotto con la Svezia il 22 giugno del 2004, agli Europei del Portogallo) si giocherà a San Siro, con il ritorno in campo nel suo vecchio stadio di Mario Balotelli, che quasi certamente sarà l’uomo di punta di questa Nazionale. Ma la prudenza è d’obbligo, perchè per la prima volta in queste qualificazioni, Prandelli non ha ufficializzato la formazione. Il motivo? Nessun vantaggio deve essere dato agli avversari, bisogna sorprenderli e vincere. L’obiettivo è andare a segno anche a scapito della qualità del gioco, perchè stavolta conta il risultato:  “Voglio i tre punti, dobbiamo dare un passo importante in classifica – ha dichiarato il c.t. azzurro in conferenza stampa – Anche perchè si rigiocherà a marzo, quindi vorremmo passare tutti un bel Natale“. Dunque l’auspicio è quello di dominare la partita come nell’ultima trasferta in Armenia (un 3-1 in buona parte giallorosso, con i gol di Pirlo, De Rossi e Osvaldo).

Italia-Danimarca, in diretta su Rai1 alle ore 20,45, vedrà in campo per gli Azzurri una squadra tutta offensiva per dare uno scossone ad un girone equilibrato. Notizia dell’ultim’ora è che non ci sarà Gigi Buffon: il protierone della Juventus e della Nazionale da giorni soffre di un affaticamento muscolare all’adduttore sinistro. Fino all’ultimo si è auspicato un suo recupero e lo stesso giocatore si è detto desideroso di scendere in campo, ma il provino di questa mattina ha dato esito negativo. Dopo il salto, la probabile formazione dell’Italia nel match di stasera con la Danimarca. Continua a leggere

osvaldo-contro-la-bulgaria

Italia-Malta: Probabili Formazioni e Diretta Tv

text-align: center”>Italia-Malta alle 20.45 su Rai1

Dopo il deludente pareggio, per 2 a 2, contro la Bulgaria, la Nazionale guidata da Cesare Prandelli prova subito il riscatto.  Al “Braglia” di Modena l’Italia affronterà stasera Malta, un avversario sicuramente alla portata degli azzurri ma che merita rispetto e non va sottovalutato. La partita, valevole per la qualificazione ai Mondiali del 2014 in Brasile, dovrà essere vinta dagli azzurri che necessitano dei tre punti. Le prime novità rispetto alla gara di venerdì riguardano il modulo. Prandelli abbandona, almeno momentaneamente, il 3-5-2: “La formazione ve la darò dopo l’allenamento. Per quanto riguarda il modulo – ha rivelato – visti anche i filmati su Malta che giocherà con una punta, torneremo a una difesa a quattro”. Domenica gli azzurri hanno fatto visita, come avevano promesso, ai terremoti di Medolla dove c’è stato un vero e proprio bagno di folla mentre nella giornata di ieri l’allenamento allo stadio “Braglia” di Modena è stato seguito da quasi 3.000 persone. Grande entusiasmo per Prandelli e i suoi ragazzi. I precedenti dicono Italia, nei quattro incontri disputati in passato ha sempre battuto Malta. Passiamo alle probabili formazioni.

Continua a leggere

foto-azzurri-presidente-napolitano

Euro 2012. Gli Azzurri al Quirinale da Napolitano: “Bravo Prandelli!”

text-align: justify”>Euro 2012, Napolitano riceve gli Azzurri, Prandelli ringrazia

Speciale Europei di calcio 2012 de LaNostraTv – Gli Europei di calcio si sono appena conclusi e ora è il momento dei bilanci ma soprattutto dei ringraziamenti per le emozioni che gli Azzurri sono stati in grado di regalare ai tifosi italiani. Ringraziamenti che non sono arrivati in modo molto caloroso all’approdo della Nazionale all’aeroporto di Fiumicino (erano pochi i tifosi ad attendere la squadra), ma che sono poi arrivati, a nome di tutti gli italiani, da parte di Giorgio Napolitano. Il Presidente della Repubblica, infatti, ha invitato tutta la Nazionale azzurra al Palazzo del Quirinale per dedicare alla squadra una cerimonia di ringraziamento per il secondo posto conquistato agli Europei. Ad aprire la celebrazione è stato il Presidente della Figc Giancarlo Abete: “Siamo qui per dirle grazie per l’invito che ci ha rivolto e per averci accompagnato - ha dichiarato rivolgendosi al Capo dello StatoCi ha dato fiducia dal primo giorno, abbiamo avuto l’onore di averla con noi a Danzica nella prima gara con la Spagna” ricorda Abete, rievocando la partita d’apertura del girone dopo la quale Napolitano si complimentò con gli Azzurri raggiungendoli nello spogliatoio. “Siamo soddisfatti, sereni, un po’ delusi ma pensiamo di aver fatto tutti il proprio dovere, di aver onorato il nostro Paese, non solo nel gioco ma anche nel modo di porgersi nei confronti di due Paesi come Polonia e Ucraina che ci hanno dimostrato attenzione e simpatia“.

Abete lascia poi la parola a Cesare Prandelli, che dopo aver espresso la sua gratitudine per l’invito, sostiene la necessità di “riconoscere a una squadra il valore al di là del risultato. Siamo soddisfatti, contenti e orgogliosi di avere rappresentato l’Italia con quei valori che lei ha descritto nella lettera commovente che ci ha inviato, in cui lei ha descritto esattamente i valori in cui crediamo. Ci ha dimostrato con i fatti di essere il nostro primo tifoso“. Il c.t. azzurro ha consegnato poi al Presidente una delle medaglie d’argento ricevute dalla Nazionale al termine della finale di Kiev, per poi lasciare al capitano Buffon l’onore di presentare a Napolitano, uno per uno, tutti i suoi compagni di squadra (dopo il salto, tutte le foto della festa al Quirinale). Continua a leggere

foto-cesare-prandelli

Euro 2012. Cesare Prandelli non lascia la guida della Nazionale: “Il nostro progetto va avanti”

text-align: justify”>Euro 2012. Prandelli non lascia l'Italia

Speciale Europei di calcio 2012 de LaNostraTv – C’è tanto rammarico tra i tifosi azzurri per il mancato trionfo nella finale di Euro 2012 giocata contro la Spagna, terminata con un 4-0 messo a segno dalle travolgenti furie rosse di Del Bosque. E c’è rammarico soprattutto tra i giocatori della nostra Nazionale, che hanno dimostrato la propria delusione con le lacrime a fine partita, e anche per il c.t. Cesare Prandelli, che ha guidato i suoi ragazzi in questa storica traversata sperando che giungessero fino al traguardo. Ma purtroppo ad arrivare per primi sulla linea del finish sono stati ancora una volta gli spagnoli, che hanno ostentato la propria superiorità sul campo di Kiev: superiorità non solo indubbiamente tecnica, ma anche di muscoli, in quanto gli Azzurri sono scesi in campo fisicamente provati, avendo avuto troppo poco tempo a disposizione per recuperare dalle difficili sfide contro Inghilterra e Germania. E forse mister Prandelli in questo aspetto ha qualche responsabilità: ha confermato in finale ancora una volta coloro che erano scesi in campo appena qualche giorno prima e ha inserito nella gara, con una scelta contestata da molti, un centrocampista già  in dubbia forma come Thiago Motta, invece magari di far entrare qualcuno che potesse dare una spinta più offensiva alla squadra in un secondo tempo che ci vedeva sotto di due goal.

Ma quello che i critici non ricordano a sufficienza è che Prandelli, in questi Europei, ha ridato finalmente uno stampo a questa Nazionale, reduce da due tornei fallimentari, e l’ha resa in grado di regalare ai tifosi uno spettacolo e un agonismo che non si vedevano da tempo. Ha compiuto un mezzo miracolo, Prandelli, portando la squadra in finale contro avversari di altissimo livello, e vincendo anche scommesse coraggiose come quelle di puntare su Balotelli e Cassano (due scelte rischiose che magari altri allenatori avrebbero evitato), i cui goal sono stati determinanti. Ed è infatti un Prandelli molto soddisfatto quello che si presenta alla stampa al termine del match con la Spagna, riconoscendo la supremazia dell’avversario ma mostrandosi comunque orgoglioso del risulato raggiunto dai suoi ragazzi: “Si è visto da subito che loro avevano più freschezza fisica. Loro stavano meglio, noi siamo arrivati stanchissimi dopo le due partite dell’ultima settimana. Non abbiamo interpretato male la partita (…) dovevamo contenere perché fisicamente non c’eravamo. Forse potevamo rimettere in piedi la partita in avvio di ripresa, ma poi c’è stato l’infortunio di Thiago Motta e questo ci ha tagliato le gambe definitivamente. Non avevamo più forze“. Una conclusione amara per gli azzurri, ma c’è tanto su cui lavorare per il futuro. Continua a leggere

napolitano-prandelli-foto

Euro 2012. Prandelli ringrazia Napolitano per l’invito al Quirinale e si prepara a battere la Spagna

text-align: justify”>Euro 2012, Napolitano scrive agli Azzurri, Prandelli ringrazia

Speciale Europei di calcio 2012 de LaNostraTv – Ormai ci siamo. La finale di Euro 2012 è alle porte e a Kiev il c.t. della Nazionale Cesare Prandelli parla dell’ultima difficile impresa di questa storica traversata continentale. Il mister azzurro apre la sua conferenza stampa della vigilia con un ringraziamento ad un tifoso molto particolare, Giorgio Napolitano, che ha speso parole di incoraggiamento per tutto il team azzurro.  Il Presidente della Repubblica, infatti, ha inviato una lettera alla Nazionale italiana in cui ha mostrato tutta la sua gratitudine e il suo orgoglio per il cammino svolto finora dalla squadra e ha fatto i suoi auguri per la sfida con la Spagna. Inoltre il Capo dello Stato ha invitato l’intera formazione azzurra al Palazzo del Quirinale all’indomani della finale, ovviamente a prescindere dall’esito più o meno felice dell’incontro con la Spagna, per congratularsi di persona con loro.

Caro Prandelli – recita il testo della lettera – (…) Quello che ho trovato molto bello in tutte le vostre prestazioni agli Europei è stato l’affiatamento tra “vecchi e nuovi”, lo spirito di squadra, la comune determinazione e generosità. (…) E aver creato quel clima, aver saldato quella compagine è stato atto meritorio. Ho nello stesso tempo molto apprezzato la sobrietà e serietà dei suoi commenti: consapevolezza dell’importanza dei risultati, senza retorica, senza trionfalismi, sapendo quanta strada resti da percorrere. (…) Le esprimo la mia vicinanza e le trasmetto il mio incitamentoa tutti i ragazziper la prova conclusiva di domani. (…) Vi accoglierò in Quirinale con grande piacere al vostro ritorno a Roma lunedì“. Un invito accolto dal mister e dai ragazzi con grande emozione. Continua a leggere

Prandelli: "Troveremo i punti deboli della Spagna"

Euro 2012. Prandelli, orgoglioso della vittoria azzurra, pensa già a Italia-Spagna

text-align: center”>Euro 2012. Prandelli: "Troveremo i punti deboli della Spagna"

Speciale Europei di calcio 2012 de LaNostraTv – Un raggiante Cesare Prandelli si è presentato a Cracovia in conferenza stampa, accolto dagli applausi e dai complimenti dei giornalisti, all’indomani della vittoria nella semifinale di Euro 2012 contro la Germania. La Nazionale si è dimostrata  all’altezza della competizione e il merito è tutto dei ragazzi che hanno profuso grande impegno in queste settimane e del mister che li ha guidati e sostenuti dando loro tutte le motivazioni di cui avevano bisogno. E i risultati in campo sono arrivati: il nostro c.t. si sente “molto orgoglioso di questa squadra, che ha capito l’importanza di rappresentare un Paese all’estero“. Riguardo all’incontro con la Germania, Prandelli può essere soddisfatto: “è stata una partita molto ben preparata, l’interpretazione dei ragazzi è stata straordinaria, abbiamo avuto poco tempo per lavorarci ma l’abbiamo sfruttato bene. Sono orgoglioso di allenare questi ragazzi“.

Ma ora c’è giusto il tempo di pensare alla finale di domenica con le superfavorite Furie Rosse: “Spero di poter preparare bene la finale contro la Spagna, anche se abbiamo un solo giorno cercheremo di capire e trovare i loro punti deboli come abbiamo fatto contro la Germania – assicura Prandelli – Non sarà facile perché quella iberica è una squadra che ha vinto Europei e Mondiali negli ultimi 4 anni, è un punto di riferimento sotto tutti i punti di vista. Però ci siamo anche noi“. Ormai il c.t. azzurro mostra piena fiducia nei suoi ragazzi, sperando di averli tutti a disposizione per la partitissima: il punto della situazione sugli infortunati sarà stilato dopo l’allenamento defatigante del post Italia-Germania. Continua a leggere

Prandelli: "Il calendario ci penalizza"

Euro 2012. Prandelli su Italia-Germania: “Penalizzati dal calendario, ma siamo carichi”

text-align: justify”>Giovedì Italia-Germania. Prandelli: "Geniale il cucchiaio di Pirlo"

Speciale Europei di calcio 2012 de LaNostraTv – E’ un Cesare Prandelli evidentemente felice e soddisfatto dei suoi ragazzi quello che si è presentato a Cracovia in conferenza stampa il giorno dopo la schiacciante (seppur difficoltosa) vittoria degli Azzurri contro la temuta Inghilterra. L’Italia è riuscita ad esprimere finalmente il bel gioco tanto cercato dal nostro c.t., con qualche problema, però, che resta evidente in fase di finalizzazione. Il tabellino della partita, fanno notare i giornalisti, va tutto a favore degli azzurri, che durante il match sono andati al tiro il quadruplo  delle volte rispetto all’Inghilterra. Insomma, dati che parlano da soli, ma ciò nonostante la vittoria è arrivata solo ai calci di rigore. Prandelli se lo spiega così: “Dovremmo avere più consapevolezza nel chiudere l’azione. Se giocassimo sempre in questo modo vinceremmo 9 volte su 10. Ma il calcio è un gioco, bastava un episodio e ora saremmo qui a fare altri discorsi“. Un leggero rammarico per non aver chiuso prima la partita, dunque, ma Prandelli è comunque sereno in merito alle proprie  decisioni: “In attacco le scelte che ho fatto sono state all’insegna della continuità del progetto tattico. La partita di ieri è stata la più difficile per Antonio che alla quarta partita ha pagato il ritmo gara, e anche per Mario, che doveva tenere lontani i due centrali dalla nostra metà campo - sostiene il mister, riferendosi ai suoi attaccanti Cassano e Balotelli - Ad averne giocatori di qualità così

Anche quel Mario Balotelli su cui erano puntati tutti i riflettori della stampa internazionale, ha dato ottima prova di sè: “mi è piaciuto tanto, ha fatto quello che gli ho chiesto, gli è mancata solo un po’ di lucidità e di fortuna in qualche occasionespiega Prandelli - Detto questo, bisogna capire come stare in campo contro la Germania, poi farò le mie scelte“. Già, perchè il prossimo ostacolo saranno i rivali tedeschi: una sfida dal sapore storico particolare, che evoca grandi vittorie ma anche timori del tutto giustificati. “Non ci sono squadre invincibilidichiara fiducioso il c.t. – dobbiamo mettere in campo una squadra atleticamente viva. Possiamo fare la nostra partita, dobbiamo rischiare, altrimenti prima o poi un goal lo prendiamo. Preferisco prendere goal in contropiede che stare 20 minuti ad aspettare e soffrire“. Bisogna quindi essere audaci e realizzare quanto di grande sia stato fatto finora: “in questo momento la differenza la fanno le squadre che hanno il coraggio di giocare. Alcuni di questi ragazzi si stanno rendendo conto per la prima volta di avere capacità straordinarie“. Continua a leggere

Prandelli: "Sono molto sereno"

Euro 2012. Prandelli su Italia-Inghilterra: “Andremo oltre il cuore”

=”adv-box” style=”text-align: center”>Euro 2012 Prandelli su Italia-Inghilterra: "Sono molto sereno"

Adesso viene il bello, sarà una grande partita“: ne è sicuro il c.t. della Nazionale Cesare Prandelli, che stasera a Kiev manderà in campo i suoi ragazzi contro la temibile Inghilterra. Stavolta non ci sono vie di mezzo. O si è dentro, o si è fuori. E Prandelli lo sa, ma non è spaventato dal delicato match di stasera: microfoni di Rai Sport, a poche ore dall’attesissimo quarto di finale di Euro 2012, rivela di essere “molto sereno, non ho avvertito alcun tipo di pressione“. Che è già un buon punto di partenza, poichè “in queste partite l’aspetto psicologico è decisivo, un episodio può determinare l’andamento dell’intera gara“. Le difficoltà ci saranno, è inutile negarlo, ma Prandelli ha fiducia nei suoi ragazzi. Tra questi, c’è colui che sembra diventato il suo pupillo, l'”universaleDe Rossi: “Daniele è un centrocampista, nell’emergenza ha fatto il difensore ma adesso torna nel suo reparto, dove c’è bisogno di qualità“. E lui certamente ne ha da vendere.

Ma il reparto decisivo contro l’Iralnda è stato l’attacco, e chissà che questa sera non possano essere di nuovo i due ragazzacci Cassano e Balotelli a trascinare gli Azzurri in semifinale: “Antonio voleva essere all’Europeo a tutti i costi e ha fatto tanti sacrifici per riuscirci, ha dimostrato un grande carattere. Mario – ha detto il c.t. riferendosi a Balotelli e alla sua discussa conferenza stampa di ierise l’è cavata benissimo; gli abbiamo chiesto di venire perchè sapevamo che sarebbe stato al centro dell’attenzione, e lui ha accettato molto volentieri. I ragazzi non devono mai aver paura dei propri sentimenti, e devono sempre proporsi per quello che sono“. Ad ogni modo le attenzioni sono puntate tutte sul match di stasera: stando alla storia, l’Italia sarebbe favorita, ma meglio non affidarsi troppo ai numeri. Continua a leggere

foto-cesare-prandelli

Euro 2012: l’Italia passa ai quarti. Soddisfatto Prandelli: “Mai sofferto così tanto”

text-align: center”>Conferenza stampa Prandelli: soddisfatto di Italia Irlanda

Speciale Europei di calcio 2012 de Lanostratv – L’Italia ha trovato la sua prima vittoria in campo in questi Europei 2012 battendo per 2 a 0 l’Irlanda di Trapattoni. Vittoria netta e di “biscotto” neanche l’ombra: l’avventura europea continua, anche grazie alla contemporanea vittoria della Spagna sulla Croazia. Gli azzurri non potevano sperare in una conclusione più felice della decisiva giornata di ieri e finalmente il c.t. Cesare Prandelli può tirare un sospiro di sollievo: “Ci giocavamo la qualificazione, è stata la serata in cui ho sofferto di più nella mia carriera – ha dichiarato a caldo il mister – Fino al 75′ sono rimasto in partita, poi ho iniziato a chiedere il risultato dell’altro campo. Gli ultimi 15′ sono stati molto forti“. E il batticuore dev’essere stato ancor più forte durante quel minuto di scarto tra la conclusione del match di Poznan e quello di Danzica, dove si sfidavano Spagna e Croazia, perchè a dispetto del tanto vituperato 2 a 2, anche un pareggio sul risultato di 1 a 1 avrebbe decretato la fine del percorso della nostra Nazionale.

Anche se il primo tempo è risultato confusionario e poco incisivo, Prandelli si è detto soddisfatto per la prestazione dei suoi ragazzi: “Questa sera non abbiamo avuto cali fisici (…) Piuttosto dobbiamo dire che abbiano avuto quelle azioni da gol in apertura del secondo tempo che potevano chiudere prima la partita“. Tra i migliori in campo, certamente Claudio Marchisio e Daniele De Rossi, e senza dubbio ottime le performance di Cassano e Balotelli che hanno portato l’Italia ai quarti di finale: “Quando ci sono tante aspettative devi fare conto delle pressioni che puoi avere – ha detto Prandelli dell’attaccante azzurro – L’Europeo di Mario non comincia stasera perché lui ha fatto prestazioni importanti fino ad ora“. Stempera la tensione anche Gigi Buffon, che nei giorni scorsi si era lanciato in pungenti invettive sul tema del biscotto via Facebook.

Continua a leggere

Cesare-Prandelli

Europei 2012. Prandelli deluso per Italia-Croazia: “Dovevamo chiudere la partita”

text-align: center”>Prandelli deluso dopo Italia-Croazia

Speciale Europei di calcio 2012 de Lanostratv – Pareggiare una partita strategica quando si era in vantaggio lascia sempre l’amaro in bocca: l’Italia non riesce a mantenere il risultato con la Croazia e finisce col portare a casa un altro 1-1 dopo quello rimediato con la Spagna. Anche stavolta, dopo un primo tempo incoraggiante, c’è stato il solito calo nella ripresa, con l’evidente difficoltà degli azzurri a contenere la velocità e la tenacia degli avversari. Il c.t. Cesare Prandelli si è detto comunque soddisfatto della prestazione, ma non ha nascosto il rammarico per un match che poteva essere vinto: “Dovevamo chiudere prima la partita. Ci sono mancate cattiveria ed energia. Abbiamo avuto buone opportunità nel primo tempo, potevamo fare meglio” ha dichiarato a caldo il c.t. davanti alle telecamere Rai.

Salvo precisare poi, in sala stampa, che per quanto riguarda il gioco e la personalità mostrati in campo non ha rimproveri da fare ai suoi ragazzi: “La Croazia ha dimostrato una grande forza e vitalità. Ma le siamo stati superiori dal punto di vista della manovra e delle occasioni da rete“. Nè tantomeno può dirsi arrabbiato, ma la sensazione di aver mancato l’obiettivo è palpabile: “Arrabbiato no, amareggiato sìha dichiarato Prandelli – Dovevamo chiudere la partita: ribadisco. Ma siamo vivi e convinti di passare il turno, non c’è ancora nulla di matematico. Abbiamo perso un’occasione, questo è chiaro“. Quello che è emerso, per il c.t., dall’analisi delle due partite giocate sinora è la difficoltà di mantenere alto il ritmo della partita: “al 60’ abbiamo un calo fisico” ha ammesso Prandelli, annunciando che nella sfida decisiva, quella di lunedì con l’Irlanda di Trapattoni, ci saranno dei cambi in favore delle risorse più fresche a disposizione, ma senza stravolgere ruoli e modulo. Continua a leggere