29/01/2013

il blog del gossip
Sei qui: Home » Archives for silvio berlusconi

silvio berlusconi Archivi

0

Elezioni 2013, confronto tv tra i candidati: Bersani disponibile “ma con tutti”

Confronto tv tra candidati premier

Il confronto televisivo tra i candidati alle prossime elezioni sta animando la discussione politica. In attesa di scoperire cosa deciderà la Commissione di Vigilanza Rai, interrogata dai vertici aziendali in merito alle regole da applicare ad un eventuale duello televisivo in tempo di par condicio, le posizioni dei leader in campo si fanno sempre più variegate. Silvio Berlusconi, qualche settimana fa, si era detto disponibile ad un confronto con Pierluigi Bersani, perchè il vero avversario della coalizione di centrodestra, secondo il Cavaliere, è il Pd e solo il Pd. Fuori dunque sia il “centrino” di Monti che gli altri partiti/movimenti: Berlusconi vorrebbe un confronto a due, forse convinto di poter dominare Bersani con facilità dal punto di vista comunicativo. Proprio dal segretario del Pd, intanto, è arrivata la disponibiltà a partecipare ad un talk elettorale, ma a condizioni nettamente opposte a quelle di Berlusconi.

Pierluigi Bersani ha annunciato via Twitter la sua intenzione di confrontarsi con gli altri candidati premier alle prossime elezioni, ma a patto che non si facciano distinzioni tra gradi e piccoli partiti o coalizioni. Se confronto deve essere, che siano presenti almeno le formazioni politiche più significative. Certo sarebbe impossibile pensare di riunire in uno steso studio i rappresentanti delle circa venti liste ammesse al voto, ma il candidato del centrosinistra reputa necessaria perlomeno la presenza di Berlusconi, Monti, Grillo, Giannino e Ingroia.

In campagna elettorale poco spazio a problemi italiani. Pronto a confronto tv con tutti i candidati se serve a discuterne

0

Emilio Fede non sarà candidato al Senato: Selvaggia Lucarelli spiega perchè Berlusconi lo ha scaricato

Emilio Fede scaricato da Silvio Berlusconi alle elezioni

Emilio Fede non sarà in Parlamento nella prossima legislatura. Tra i tanti giornalisti che corrono per un seggio e quasi certamente, viste le posizioni in lista, saranno eletti alla Camera o al Senato, l’ex direttore del Tg4 non sarà della partita. Sembra che la sua esperienza politica, dopo il lancio fallimentare del suo movimento Vogliamo Vivere (presentato a novembre a Milano in un teatro semivuoto), sia finita ancor prima di cominciare. Il giornalista è stato “scarcato” da Silvio Berlusconi, dopo presunte promesse di un posto in lista per il Senato con il Pdl alle prossime elezioni. A conti fatti, il Cavaliere deve aver pensato che l’ennesimo inquisito nelle sue liste non lo avrebbe favorito nei sondaggi e nelle urne.

Emilio Fede escluso quindi al pari di nomi ben più altisonanti come quelli di Nicola Cosentino e Marcello Dell’Utri: anche lui ha i suoi guai giudiziari da risolvere, visto che è imputato insieme a Nicole Minetti e Lele Mora a Milano per favoreggiamento della prostituzione nel secondo filone del processo Ruby. Eppure fino all’ultimo sembrava che la candidatura a Palazzo Madama fosse cosa fatta. Poi le polemiche sui cosiddetti “impresentabili” e l’operazione “pulizia” sulle liste elettorali avvenuta in extremis prima che scadessero i tempi per la presentazione, hanno fatto il resto. I retroscena di questa vicenda, li ha spiegati su Facebook la sempre informatissima Selvaggia Lucarelli

0

Silvio Berlusconi o Angelino Alfano: è giallo su chi andrà a Ballarò

Silvio Berlusconi e Angelino Alfano a Ballarò

Silvio Berlusconi è convinto che la sua offensiva mediatica stia facendo bene al suo partito e i sondaggi sembrano dargli ragione: anche se il presidente del Pdl non è il candidato premier della coalizione di centrodestra, il protagonista indiscusso della rimonta in atto è certamente lui. E anche se sarà il segretario Angelino Alfano, in caso di vittoria, ad essere indicato come Capo del governo, le prossime settimane di campagna elettorale saranno certamente affidate all’abilità persuasiva del Cavaliere. Per questo, secondo Repubblica, nel Pdl sarebbe in corso uno scontro tra il segretario del partito e il capo della coalizione di centrodestra: il nodo da sciogliere, neanche a dirlo, riguarda la tv. Chi tra Angelino Alfano e Silvio Berlusconi sarà ospite di Ballarò?

Il programma di Rai3 ha già ospitato Pierluigi Bersani, mentre Mario Monti è atteso nella puntata di martedì 22 gennaio. Non si tratta del solito intervento nel talk show, ma di interviste di venti minuti circa proposte a fine puntata, dove il conduttore Giovanni Floris pone delle domande al candidato premier di turno su programmi, alleanze e liste. E qui, secondo il quotidiano Repubblica, sarebbe scattato il problema: se Alfano è designato come premier, ma è Berlusconi il leader della coalizione, nonchè grande mattatore della campagna elettorale in corso, chi dei due risponderà all’invito di Floris a rappresentare il centrodestra?

0

Processo Mediaset, nessun rinvio per Silvio Berlusconi

L'ex premier Silvio BerlusconiIL PROCESSO MEDIASET VA AVANTI NONOSTANTE LE ELEZIONI. Il processo Mediaset non si ferma. Lo hanno deciso i giudici della Corte d’Appello di Milano, respingendo la richiesta della difesa di Silvio Berlusconi di sospendere il processo a dopo le elezioni, attraverso un rinvio per legittimo impedimento. Pugno di ferro anche stavolta nei confronti dell’ex premier, il quale aveva già ricevuto un rifiuto per la sospensione del processo sul caso Ruby, sempre per motivi elettorali. I pm hanno assicurato che la sentenza arriverà solo dopo le elezioni, perciò non vi è alcuni rischio di scandalo in grado di squilibrare la competizione elettorale. La non concomitanza con le elezioni rappresenterebbe quindi uno dei motivi che ha spinto la Corte d’Appello a rifiutare la richiesta della difesa del cavaliere. I giudici ieri hanno inoltre definito “generiche” le ragioni degli avvocati di Berlusconi. Il processo andrà quindi avanti regolarmente per cinque udienze fino ai primi di marzo.

8

Italia Domanda floppa con Silvio Berlusconi: ascolti bassissimi e “video-scandalo”

Italia Domanda Floppa

ITALIA DOMANDA FLOPPA CON SILVIO BERLUSCONI - Disastrosa, la seconda puntata di Italia Domanda: non solo perché Silvio Berlusconi, l’ospite della serata, non fa altro che ripetere la stessa solfa da tempo immemore, ormai, ma soprattutto per degli ascolti bassi, anzi bassissimi! 3.196.000 telespettatori (contro i 2.115.000 che hanno seguito Pierluigi Bersani) hanno seguito attentamente ogni parola del carismatico politico sempre sorridente, che ha vestito, per l’occasione – e non solamente per questa – i panni di salvatore dell’Italia: rendendo più sopportabili le tasse, cancellando definitivamente l’IMU, e attaccando duramente Mario Monti, Berlusconi ha affermato che sarà l’unico a salvare dalla crisi il nostro paese. Ma si sa, e questo detto vale molto di più per i politici: tra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare! Il Cavaliere, poi, oltre ad aver distrutto verbalmente Monti e dopo essersi autoelogiato, ha avuto anche una mano dalla giornalista Barbara Parodi Delfino, la quale ha elaborato un panegirico davvero niente male: una lode, questa, che agli italiani non è piaciuta affatto e che forse è stato uno dei motivi principali dei pochissimi telespettatori che hanno seguito il programma.

0

Silvio Berlusconi ospite a Italia Domanda in diretta su LaNostraTv.it

Italia Domanda in onda stasera su Canale 5ITALIA DOMANDA, DIRETTA DEL 18 GENNAIO SU CANALE 5. Dopo un primo appuntamento che ha avuto come protagonista il leader del centro-sinistra Pierluigi Bersani, stasera è il turno del padrone di casa, Silvio Berlusconi. Gli ascolti registrati mercoledì sera sono stati alquanto deludenti, racimolando solo 2.115.000 spettatori e il 7.59% di share, ma si auspica che il secondo appuntamento registri più successo, complice l’inconfondibile verve del cavaliere, sempre disinvolto di fronte alle telecamere. Italia Domanda rappresenta la soluzione, trovata dalla rete Mediaset, per colmare il vuoto presente da tempo sull’ambito politico. Un programma, ideato da Clemente Mimun e Andrea Pucci, interamente dedicato ai protagonisti della campagna elettorale ormai alle porte, rispettando perfettamente la par condicio. Il leader del centro-destra dovrà rispondere al meglio alle domande del conduttore Alberto Bilà, e non solo. Infatti saranno presenti in studio Claudio Sardo, (direttore de L’Unità) Franco Bechis (vice direttore di Libero) e Giovanni Morandi (direttore del Quotidiano Nazionale).

ore 21, 15: Un piccolo intro sulle precedenti apparizioni di Silvio Berlusconi in televisione: l’intervista di Giletti al programma L’Arena, l’accesa di scussione con Santoro a Servizio Pubblico e la partecipazione al programma Omnibus

ore 21,20: Silvio Berlusconi esordisce con una battuta, invitando il conduttore “a restare ad una distanza di sicurezza”. Il conduttore Alberto Bilà presenta i vari ospiti: Claudio Sardo, (direttore de L’Unità) Franco Bechis (vice direttore di Libero) e Giovanni Morandi (direttore del Quotidiano Nazionale).

0

Michele Santoro a Servizio pubblico attacca Corriere, Repubblica e Beppe Grillo

Santoro si difende a Servizio pubblico

Michele Santoro continua a macinare grandi ascolti dopo il record segnato la scorsa settimana, quando a Servizio pubblico ha ospitato Silvio Berlusconi: anche ieri il programma ha portato a casa un ottimo risultato, attestandosi il secondo programma più visto con 3.496.000 telespettatori, 15,41% di share (cifre impensabili per La7). Stavolta l’attesa del pubblico era certamente per le parole del conduttore che, in questa settimana di critiche arrivate un po’ da ogni parte, ha preferito tenersi in disparte ed aspettare la consueta anteprima del suo programma per difendersi e rilanciare.

Michele Santoro ha risposto a tutti quelli che a vario titolo, negli ultimi giorni, hanno proclamato Berlusconi grande mattatore dello show della scorsa settimana, esaltando la capacità del leader Pdl di tenere la scena e demolendo il “tribuno Santoro” che non è stato abbastanza efficace da metterlo in seria difficoltà. A partire da Beppe Grillo, che lo ha accusato molto duramente di perseguire solo i suoi interessi personali: “Mi guarda come se fossi se stesso allo specchio, lui che non è mai stato San Francesco ma ora è Gesù, e mi imputa di tutto e pretende che io mi debba liberare dei soldi che lui stesso ha guadagnato con l’orribile televisione, non con il teatro, che si sa, è cosa onesta“. Poi ha smontato uno ad uno i sondaggi che danno il Pdl in rimonta per il cosiddetto effetto-Santoro, facendo semplicemente notare come le rilevazioni fossero o antecedenti a Servizio pubblico o addirittura tarate su periodi molto lunghi (fino anche ad un mese prima della fatidica puntata), citando invece quello di Nando Pagnoncelli che ha chiesto agli italiani cosa pensassero di Berlusconi a Servizio pubblico (il 53% lo ha definito “solo bravo in tv”). E ancora, gli attacchi dei giornali, che hanno insinuato di tutto un po’…

0

Enrico Mentana filma il siparietto Berlusconi-Ingroia con il gesto delle manette (video)

Silvio Berlusconi a La7 con Ingroia

Enrico Mentana non se ne perde una. Stavolta ha tenuto a battesimo il primo incontro di Silvio Berlusconi ed Antonio Ingroia dopo l’annuncio della candidatura del magistrato: per la prima volta faccia a faccia non da magistrato a testimone/indagato, ma da politico a politico. D’altronde Mentana era in casa propria: i due si sono incorciati nei corridoi di La7, mentre Berlusconi usciva dagli studi di omnibus dopo l’ennesimo show e Ingroia si apprestava ad essere ospite di Coffee break. La vena cabarettistica del Cavaliere è venuta fuori ancora una volta, visto che ha salutato l’ex pm di Palermo con il gesto delle manette.

Forse dovrei salutarti così” ha scherzato Silvio Berlusconi incrociando i polsi davanti ad Ingroia, suscitando le risate dei presenti e un sorriso dello stesso magistrato, spiazzato dall’esuberanza del leader Pdl (non sono mancate critiche allo scarso aplomb di Ingroia). A commentare la scena fuori campo c’era il direttore del Tg La7 Enrico Mentana, che non si è lasciato sfuggire il gustoso siparietto riprendendolo con il suo cellulare. E subito dopo pubblicando al sequenza di immagini sul suo profilo Twitter con questo commento (dopo il salto, il video dell’incontro Berlusconi-Ingroia negli studi di La7):

Incontro ravvicinato alle 10 di mattina negli studi La7… “Dove ci siamo già visti?

0

Berlusconi a Sky Tg24 con Ilaria D’amico: ” Sono qui per fare campagna elettorale non per corteggiarla. Complimenti, è stata sufficientemente cattiva” (video)

foto di ilaria d'amico e silvio berlusconiSILVIO BERLUSCONI OSPITE DELLA D’AMICO A SKYTG24.Noi non abbiamo avuto alcun tipo di contatto precedente, al contrario di quello che è capitato altrove”. Con queste parole Ilaria D’amico inaugura la sua nuova trasmissione, Lo Spoglio che andrà in onda tutti i lunedì e mercoledì alle 20.30 su SkyTg24, fino alle prossime elezioni. Ospite della puntata di ieri, la prima, Silvio Berlusconi, che orami ce lo ritroviamo dappertutto. La D’amico è stata la prima giornalista fino a questo momento a tener testa alla dialettica berlusconiana, riuscendo ad interromperlo quando stra parlava, a chiedergli quello che voleva sapere e soprattutto a non trasformare l’intervista in uno show di cabaret, come tutti gli interventi nelle varie trasmissione di Berlusconi (citofonare Santoro), non cedendo alla vena ironica del Cavaliere. Considerata la lunghezza delle risposte a cui Berlusconi ci ha abituati la D’amico ha detto al termine di una di queste: “ sei minuti di spot elettorale”. Da canto suo Berlusconi ha replicato: “io sono venuto qui per fare spot elettorale.  Pensa che sia venuto qui a farle la corte?“.

0

Silvio Berlusconi ad Antenna Sicilia: “Qui c’è bisogno di una vittoria 61 a 0″

Silvio Berlusconi attacca Monti e Ingroia

La campagna elettorale per le prossime elezioni, breve e tutta giocata in tv, si sta rivelando su misura per Silvio Berlusconi: dopo aver raggiunto il suo scopo (ottenere visibilità presso un grande pubblico) con l’ospitata nel “contesto nemico” di Servizio pubblico di Michele Santoro, il Cavaliere è tornato in tv giocando in casa, o perlomeno in territorio neutro. Così stamattina ha parteciparto alla “Telefonata di Maurizio Belpietro” su Canale5, durante la quale ha confermato che preferirebbe fare il ministro dell’Economia e dello Sviluppo perchè “è lì che si deve operare sulla grande macchina dello Stato“. Poi ha iniziato il suo tour sulle tv regionali, già annunciato una settimana fa, con due interventi alla tivù fiorentina Italia 7 e all’emittente Antenna Sicilia.

Berlusconi si mostra ottimista sulla possibilità di recuperare lo svantaggio nei confronti del Pd (circa dieci punti stando all’ultimo sondaggio Ewg per TgLa7) con la sua campagna elettorale fino al 24 febbraio. Una convinzione cresciuta con l’esito dell’ospitata a Servizio pubblico: “Dopo Santoro hanno cominciato a crederci un po’ tutti. E da quelle parti la sinistra ha cominciato davvero a preoccuparsi” ha dichiarato a Belpietro. Ad Antenna Sicilia, intervistato dal direttore Martina Giuffrida, Berlusconi ha puntato tutte le sue speranze di successo proprio sul voto nell’isola, storico fortino del centrodestra e oggi teatro dell’exploit del Movimento 5 Stelle, che alle scorse regionali è risultato il partito più votato: “In Sicilia c’é bisogno di un voto che ricordi quel 61 a 0 di qualche anno fa” ha dichiarato Berlusconi (dopo il salto, il video dell’intervista).

Pagina 5 di 17« Prima...34567...10...Ultima »