X


Anna Tatangelo: ma cosa ci hai fatto di male?

Scritto da , il 26 Novembre, 2010 , in Personaggi Tv

Classe ’87, oggettivamente bellissima e un compagno (s)comodo. Di chi sto parlando? Di lei, la vera ed unica protagonista (in)discussa di questa quarta edizione, appena conclusa, di “X Factor”: Anna Tatangelo. Battezzata da Francesco Facchinetti Lady Tata, la sua esperienza nella trasmissione inizia nel peggiore dei modi: fin da subito, la più giovane tra i giudici, si scontra con un clima decisamente ostile. In merito alla sua partecipazione al talent show, Anna confessa “Sapevo di buttarmi in una gabbia di leoni”. I “leoni” sono pubblico e media che, da quando hanno reso noto i nomi dei giudici, hanno cominciato ad accerchiarla, a girare intorno alla preda, mostrandole i denti aguzzi, per poi prenderla in pasto e sbranarla dalla prima fino alla 9° puntata. E non hanno smesso per clemenza ma semplicemente perchè Anna è rimasta con zero cantanti in gara, senza però abbandonare il suo ruolo di giudice.

Come se non bastasse, si aggiungono i problemi con Dorina, la cantante albanese, triestina di adozione, diplomata al conservatorio in canto lirico e pianoforte, ma dall’anima totalmente rock. Il rapporto tra Anna e Dorina non è stato facile poichè l’aspirante cantante ha manifestato fin da subito le sue perplessità nei confronti del suo giudice, mostrandosi così ribelle e scontrosa. Un rapporto che sembra irrecuperabile quando durante una puntata Anna le chiede “Ti fidi di me?” e Dorina risponde “Imparerò a fidarmi”.

Cos’è che ci da più fastidio della Tatangelo? La sua giovane età? L’indubbia bellezza? Il fatto che il suo compagno si chiami Gigi D’Alessio? Ma soprattutto, perchè se sei giovane, bella e fortunata, sei di default antipatica allo spietato universo femminile (e non solo)? E come darle torto quando dice “I pregiudizi mi accompagnano da una vita” : mai osannata, sempre criticata, giudicata, condannata da pubblico e media. Negli ultimi anni la bella cantante di Sora si è vista piovere addosso di tutto e di più: attaccata per gli abiti che indossa, per gli anni che dimostra, per quel compagno troppo famoso per essere vero, che guarda caso fa il suo stesso mestiere. Gli italiani non sembrano ancora averle perdonato di essersi innamorata del famoso collega napoletano (allora sposato con famiglia, almeno sulle carte) e non sembrano nemmeno aver mandato giù quel “Gigi ti amo” dichiarato a sorpresa sul palco dell’Ariston durante la sua ultima partecipazione alla kermesse sanremese. E qual miglior vetrina, se non la presenza settimanale al “seguitissimo” talent show di Rai2 per levarsi di dosso i pregiudizi e per farsi conoscere realmente al pubblico sovrano un tantino bacchettone e bigotto? Ed invece il pubblico che fa? Gioca sporco, si ribella alla sua presenza e per colpirla utilizza l’arma del televoto, eliminando così una ad una le sue cantanti. Un vero e proprio sterminio alla sua categoria. Per la serie “Non posso eliminarti, allora i tuoi (cantanti) pagheranno per te”. Non è tipico dei mafiosi? Col senno del poi, riguardando la sua esperienza ad X Factor, la Tatangelo ha ammesso “Mi è servito a farmi conoscere meglio con tutti i miei difetti e qualche pregio” e aggiunge “Sono contenta perchè la gente ha visto un lato di me diverso, e credo di essere stata un giudice sincero che ha sempre espresso i suoi giudizi, senza offendere nessuno”.

E va bene, non avrà l’esperienza di Enrico Ruggeri, nè gli strumenti di giudizio di Zia Mara e neppure la cultura musicale di Elio, ma non dimentichiamoci che Lady Tata, nonostante la giovane età, ha quasi 10 anni di carriera e tra gli innumerevoli premi e riconoscimenti ricevuti vanta un bis di vittorie al Festival di Sanremo. Basta fare un giro sul sito”Wikipedia” per leggere il suo ricco curriculum; è troppo facile insinuare che i meriti della sua carriera artistica siano legati alla sua vita privata. In fin dei conti Lady Tata, il suo primo Festival lo ha vinto a soli 15 anni, ed il buon Gigi di sicuro ancora non c’era.

Non vi ho convinti? Ad ogni modo per me merita. Per me è Sì! (X)