X


Mille luci su… Milleluci: il nuovo album di Paola e Chiara

Scritto da , il Novembre 17, 2010 , in Personaggi Tv Tag:

Le regole della natura sono matematiche: in inverno fa freddo e, se porti le converse, ti vanno in cancrena le dita del piede; in primavera sbocciano i fiori, gli amori e ti affretti ad armarti di shampo “para la caspa” (antiforfora, ndr); d’estate verifichi il centimetraggio del tuo corpo: quanto ne hai eliminato in palestra e quanto, di conseguenza, ne puoi mostrare sotto il sole; infine, in autunno, cadono le foglie, si fa la vendemmia e, in genere, escono i dischi.

Il 9 novembre è uscito Milleluci, il nuovo, attesissimo (?) album delle sorelle più camaleontiche dello showbiz italiano: Paola e Chiara. Ve ne eravate accorti? No, perché il battage mediatico che le ha viste protagoniste ha dell’incredibile. Da metà Ottobre le potevi trovare ovunque, nel loro nuovo fiammante stile so sixties, con le capigliature cotonate che rendono Chiara una specie di Cotton Fiok lievemente macrocefalo e Paola una sorta di ultracorpo irriconoscibile: se non fosse per la voce non proprio splendida che l’ha sempre caratterizzata, uno spettatore che, cambiando canale  all’improvviso, l’avesse vista con il nuovo trucco avrebbe di sicuro pensato ad un alter ego piazzato lì dagli alieni (e forse li avrebbe anche ringraziati per la generosa sostituzione, ndr). O magari, semplicemente, la vera Paola si è ritirata dalle scene e c’è una terza sorella ricicliata in extremis per ricomporre il team, come in Streghe.

Ma torniamo a noi. L’album in questione, Milleluci, è stato anticipato la scorsa estate dalla hit Pioggia d’estate (che originale piazzamento, eh?), e dal rispettivo video: un incrocio tra Thelma e Louise e Le colline hanno gli occhi. In questi giorni , all’uscita del cd e del singolo omonimo è stato dedicato un lungo articolo su Vanity Fair, in cui le due abruzzesi inurbate a Milano sono conciate come il circo Barnum e, in uno scatto singolo, Chiara è vestita come Madonna (ma va?) dopo una notte a farsi picchiare dall’idraulico. Ma soprattutto il capolavoro è stato reclamizzato a Top of the Pops, Io canto, Verissimo e, dulcis in fundo, a Pomeriggio sul Due.

L’intervista delle due divine nel salotto della Balivo è stata a dir poco scoppiettante: un originalissimo quiz in cui le sorelle, munite di cuffie insonorizzanti, hanno verificato la reciproca conoscenza; un intervento a sorpresa di Umberto Smaila che le ha lasciate totalmente indifferenti; e tutta una serie di interessantissime rivelazioni sulla loro vita personale. Mmm, che spettacolo!

Ora, dopo la fase “solidarietà con l’integralismo religioso irlandese” (così, preso per intero), dopo la fase “dance spagnoleggiante”, dopo l’invisibile avventura solista di Paola e quella di Chiara in salsa urban chic, l’ennesima trasformazione di quelle che la Balivo osa definire due “artiste internazionali”: un cd con tanto di copertina 3D e occhialini inclusi, arricchito per giunta da un cortometraggio annesso nell’edizione delux. Bene, benissimo signorine Iezzi regine della tv, anzi, della multimedialità, a questo punto consentiteci una domanda che la conduttrice sbadatamente ha dimenticato di porvi: in tutto ciò, la musica dov’è? Magari la Balivo lo sa già.