X


Mistery Story: I soldi danno la felicità?

Scritto da , il 1 Dicembre, 2010 , in Interviste

Chi nella vita non ha dovuto cedere a qualche compromesso, di qualunque natura esso sia? C’è quello scolastico: <<Oggi niente serata con gli amici, perchè domani ho compito di matematica>>, ma tu sei un asserito sostenitore che la matematica sia un’opinione e che se due più due diviso due facesse sei, saresti molto più felice e la vita sarebbe più semplice; c’è quello amoroso: <<se vuoi che esca con te, devi portarmi a ballare>> e tu non sei altro che un tronco, che a stento riesce a vibrare in piena tormenta e in mezzo ai lupi. Non può mancare quello lavorativo: sveglio alle sei, per correre come un allegro giullare tra le peripezie burocratiche per arrivare a notte, accorgendosi di non aver concluso nulla,  ma soddisfatto per averci almeno provato.

Ebbene, se il compromesso dovesse investire interamente la vostra vita, negando quello che siete, per vivere in ciò che gli altri vi indicano di fare, dire, mangiare e soprattutto con chi fare sesso. Quanto siete disposti a compromettervi? Si parla di cifre di milioni di dollari, soddisfazioni  inimmaginabili, finchè non vengono provate; ciò che tutti sognano, ma pochissimi realizzano. Ma sareste veramente disposti a negare voi stessi? E’ lo strano caso di Mr. Robbie Williams..

Gli ultimi mesi di Robbie sono stati alquanto movimentati: il 14 Novembre 2010 Robbie Williams riappare come quinto componente della Boy Band più amata degli ultimi decenni: i Take That, l’esibizione si è tenuta al “X Factor” UK e, circa una settimana dopo l’edizione italiana, ma non meno di due mesi prima, il 13 Agosto 2010, si è sposato in gran segreto con la sua bella Aida Field, dopo tre anni di fidanzamento. Un matrimonio annunciato, smentito, posticipato e alla fine realizzato per quel che riguarda l’aspetto del Gossip, ma che non convince proprio tanto. Tutt’altro, richiama molto un altro notissimo fidanzamento, più nostrano, ma sempre più chiacchiericchiato: quello della cara Elisabetta Canalis e Geoge Clooney (senza citare il contratto milionario che ci sta alla base, ndr), brava Elly hai fatto tombola! Ma, per la novella coppia Williams (non le pere...) sarà verò amore o un’abile strategia di marketing per vendere alla meglio il prodotto? O forse per mettere nella tomba il sempre più incombente vociare, che rischierebbe di portare ad un calo dei profitti del nostro Rob? Insomma la cosa del matrimonio sarebbe stata la soluzione meno peggio?

Tutto ciò perchè non si è ancora capito se Robert Peter Williams sia Gay o no? La notizia non è nuova anzi, ogni tanto, riappare come scheletro nell’armadio, se così può identificarsi; tuttavia per i produttori e manager di Robbie non c’è dubbio: Robbie non può essere gay! Ma lui che ne pensa? E voi che ne dite?

Indaghiamo i fatti:

Considerando l’ultima strofa-ritornello della nuova Hit di Robbie “Shame“, in cui duetta con l’amico e collega Gary Barlow, oltre al video molto friendly, la traduzione stessa sembra una vera e propria dichiarazione d’outing, ma rimane pur sempre una canzone: “What a shame we never listened, I told you through the television , And all that went away was the price we paid, People spend a lifetime this way, And that’s how they stay, Oh what a shame. People spend a lifetime this way, Oh what a shame, Such a shame, what a shame” (Che peccato che non abbiamo mai ascoltato, Te l’ho detto attraverso la televisione, E tutto ciò che abbiamo perso è stato il prezzo che abbiamo pagato, La gente passa una vita in questo modo, Ecco come vivono, Oh, che vergogna. La gente passa una vita in questo modo, Oh, che vergogna). Visto la moda del momento dove vivere borderline è trendy, potrebbe essere strategia, dopo tutto ora è sposato. E se invece fosse un tentativo di scappare dalla sua prigione dorata?

Chi è Max Beesley? Un amico, un collega, un amante? Non è molto chiaro, comunque ha vissuto nella dimora Williams per tempo e in letto non precisato, è stato un confidente per Robbie e Robbie un sostegno per il noto attore; in realtà una storia tra “amici… che dite? Ma la coppia d’oro e diamanti è proprio quella di Robbie Williams e David Beckham, reale finzione nel sogno dell’ideatore gay di Desperate Housewives, Marc Cherry (povera Victoria, ora oltre alle donne deve stare attenta anche agli uomini). Le notizie continuano in un susseguirsi di chi per primo lancia lo scoop, persino l‘ex manager di Rob, ha fatto la sua dichiarazione, ammettendo che le varie relazioni amorose con Nicole Appleton e le altre starlett del Jet set, sono in realtà una copertura. E dunque il matrimonio: non può che essere una trapuntona!

Ma tutto si spiega con una recente dichiarazione, fatta dal ritrovato Take That, al programma radiofonicvo australiano Kyle and Jackie O Show: <<Voglio un figlio, Gay>>, in cui afferma pure di essere favorevole alla fecondazione in vitro… forse, per avere un Gay D.O.C.? Si dice che spesso i genitori riversino le proprie irrealizzate aspettative sui figli, perchè Robbie dovrebbe essere da meno?

La nostra macchina per fare soldi, o meglio la nostra gallina dalle uova d’oro, non può dichiarare la vera identità (alla faccia dei super-eroi mascherati), perchè proprio il suo oro dipende dalle milioni di ragazzine che lo amano e lo venerano, dichiarare la sua omossessualità, oltre al suicidio di massa, porterebbe l’Artista ad affacciarsi in un mercato completamente diverso, ma forse molto meno ricco di quello attuale. Ma non sarebbe solo, potrebbe chiedere consiglio al nostro Tiziano Ferro che, forse, dopo aver odorato che la sua brillante carriera non era più così sfavillate, lanciandosi con un libro rivelazione, ha ammesso il suo cambio di riva, gettando nel baratro milioni di fans, tranne Mara Maionchi… ma Vaffan…, e risollevando il suo conto corrente.

Citando la Material Girl più famosa del pianeta, intervistata dopo il suo duetto con Justin Timberlake, e in relazione alla domanda di come Justin avesse accettato la proposta di Ms. Ciccone, rispose: <<A tutto c’è un prezzo..>>,  lo pensate anche voi?