X


Il Festival di Sanremo deve essere CHIUSO!

Scritto da , il 13 Febbraio, 2011 , in Festival di Sanremo

Costantino Della Gherardesca autore, conduttore radiofonico, opinionista di MTV e giornalista, ma soprattutto esperto di musica, attacca, senza mezzi termini, il 61° Festival della Canzone Italiana. In realtà sembra che non dica nulla di nuovo, anzi, tutti lo abbiamo pensato, pure qualcuno ha osato sussurralo e Costantino lo sta urlando a gran voce ai quattro venti: il Festival di Sanremo deve essere chiuso! Così a prima lettura potrebbe sembrare l’ennesima polemica, che come tutte le polemiche invece, fa solo parlare un po’ di più dell’evento. Già il nostro Blog ha dato spazio ai vari mormorii sulle presunte litigate Rodriguez  – Canalis, sulle presunte maternità, sullo sciopero del sesso, a mo’ di Lisistrata, per la sfortuna del povero e “incompreso” Corona, di Gianni invece, poco si dice, ma forse è quello che condurrà il programma. Ora pure Costantino ci mette il naso; forse per richiamarsi un po’ di attenzione o forse perché ha ragione?

Della Gherardesca Sanremo 2011Tutto è cominciato con la creazione del sito: www.sanremochiuso.com , in cui lo stesso link, non lascia tante interpretazione. Poi ha comprato spazi pubblicitari in radio, dove con voce perentoria e determinata proclama una petizione, affinchè la TV di Stato si decida a sopprimere questo teatrino, che tutto fa, tranne che presentarci buona musica. Alla luce di ciò, però, per la Rai non è la prima  petizione, già Feltri ci aveva provato per abolire il Canone, ma  nonostante l’enorme adesione, il Canone l’abbiamo pagato pure quest’anno. Quale sarà quindi, il destino del Festival sanremese?Festival della Canzone Italiana logo

L’accusa è per tutti: si parte dalle enormi somme di denaro investiste per una prodotto che genera più polemiche che artisti, agli esperti musicali,  che sono sempre i soliti, ovviamente italiani e non internazionali, ma soprattutto non in grado di un giudizio imparziale e pertinente alla professionalità delle proposte dei cantanti, ma semplicemente un compromesso sorto dalla collusione che questi “giornalisti” hanno con le case discografiche. Tutto ciò è ben descritto nel suo  sito con espressioni molto più variopinte ed esplicite, ma probabilmente  non a vanvera.

Tuttavia secondo voi, veramente il Festival di Sanremo è: “un evento televisivo che non ha nulla che vedere con la musica e tutto a che vedere con una valanga di soldi che si spartisce un branco di incompetenti in barba alla presunta funzione di servizio pubblico della televisione di stato …” ?

A Costantino la sua opinione e a Voi, la vostra scelta: il Festival della Canzone Italiana lo guarderete alla TV o no?