X


Medium: storia di una vera sensitiva

Scritto da , il Marzo 24, 2011 , in Serie & Film Tv
Medium patricia arquette

text-align: center;”>Medium sensitiva Foto

Dal 3 Febbraio su Rai 3 sono ricominciati gli episodi di “Medium”, serial made in USA che racconta le vicende di Allison Dubois, donna dotata di particolari poteri che le consentono di prevedere il futuro ed avere apparizioni soprannaturali. Grazie a questa dote la donna partecipare alle indagini su crimini e delitti della sua città. Allison sogna eventi accaduti o che stanno per accadere, parla con i morti e vive un grande conflitto interiore quando deve decidere se utilizzare o meno i suoi poteri sul lavoro.

Quanta fantasia, questi americani. E invece no. Le esperienze della medium sono ispirate a quelle della vera sensitiva Allison DuBois. Sembra però che la serie abbia perso lo smalto iniziale, tanto che la CBS ha deciso di interrompere la serie che si è conclusa così alla settima stagione.

Gli appassionati avranno ancora poco tempo per godersi le avventure dell’avvocatessa Allison (Patricia Arquette) accompagnata dal marito Joe e dalle tre figlie. Ma gestire poteri soprannaturali, si sa, non è cosa facile, soprattutto se sei un avvocato abituato a spiegare ogni cosa con razionalità. Non è facile nemmeno gestire questi misteriosi super poteri e contemporaneamente educare tre figlie, essere una buona moglie e, non so, stirare le camicie e preparare le lasagne.

Un peccato che il serial sia stato cancellato così brutalmente, dopo una longevità durata ben sette anni. L’interprete di Allison, Patricia Arquette ha ricevuto per questo ruolo l’Emmy Award e tutto il cast si compone di ottimi attori: Jake Weber nel ruolo del marito Joe, Sofia Vassilieva e Maria Lark nel ruolo di Ariel e Bridget, le figlie di Allison; il Procuratore Distrettuale Manuel Devalos è interpretato da Miguel Sandoval.

Il serial andrà in onda fino al 7 aprile, e verrà sostituito dalla sesta stagione di Desperate Housewives. La terza rete Rai cerca in questo modo di svecchiare la propria immagine tentando la conquista di un pubblico giovane e affezionato ai numerosi telefilm d’oltreoceano.