X


Saturday night live: un successo inspiegabile

Scritto da , il 30 Marzo, 2011 , in Programmi Tv

text-align: center;”>Saturday Night Live Italia Cast Foto

E’ purtroppo ricominciata una nuova serie del Saturday night livela quarta edizione – che va in onda stasera (e tutti i mercoledì) intorno mezzanotte su Italia 1. Il format americano che ha lanciato numerosi comici e personaggi della tv nel paese d’origine qui in Italia ha fatto flop nelle prime due edizioni, raccogliendo invece quest’anno il successo che finora gli era mancato. La struttura è sempre la stessa: ogni puntata ospita un personaggio diverso che fa da collante per alcuni sketch e per dei live in studio. A condurre la nuova edizione – cominciata in verità la scorsa settimana con il comico Giovanni Cacioppo a cui segue oggi Pino Campagna -, c’è sempre Elenoire Casalegno, accompagnata stavolta da Beppe Braida, “eliminato” dalla conduzione di Colorado e piombato in uno dei programmi più inutili della storia della televisione. Scrissi già a suo tempo un articolo sul Saturday night liv, sottolineandone soprattutto la poca comicità e la troppa volgarità.

E anche stavolta nulla è cambiato. Una specie di Drive in dei giorni nostri dove le donne sono sempre più nude e gli attori sempre più scarsi. A Tommy Vee, Francesca Fioretti, Gigi Garretta, Ainett Stephens, Demo Mura, Michela Coppa, Pierluigi Oddi, Ludovica Leoni, Angela Sozio e altri presunti vip e comparse improvvisati per l’occasione, si è aggiunto – udite udite – un grande attore dei nostri tempi: Fabio Fulco. Annunciato come la frizzante novità di questa nuova edizione, Fabio Fulco ce lo ricordiamo soprattutto per aver recitato in alcune note fiction, come Incantesimo e Orgoglio e nella soap Vivere. Questo nel panorama prettamente lavorativo. Se invece andiamo a sfogliare le pagine dei settimanali rosa veniamo a sapere che il bel trentunenne napoletano nel 2007 ha partecipato al reality Ballando con le stelle e lì è scoppiato l’amore con Cristina Chiabotto.

Cosa fa Fabio Fulco al Saturday night live? Personalmente vorrei non facesse nulla, ma ahimè anche lui, come chiunque salga sul palco del programma, fa il comico con dei risultati alquanto penosi. Certo non si può dire che sia il peggiore tra tutti, ma viene da chiedersi se i produttori del format abbiano avuto un improvviso colpo di sole che li ha storditi proprio nel momento di decidere come mettere su questo baraccone infernale. Il Saturday night live italiano – diciamocelo – è un programma senza senso, senza costruzione, e purtroppo senza la benchè minima coscienza di essere tale. Secondo quanto si legge nelle varie presentazioni, dovrebbe essere un contenitore che analizza la nostra società e ne da un’immagine satirica e irriverente passando dall’attualità alla cronaca e alla politica. C’è persino una specie di telegiornale che grida vendetta tant’è che gli storici tg del trio Marchesini-Solenghi-Lopez e dei Broncovitz si sono probabilmente rivoltati nella tomba. Per fortuna c’è YouTube che ancora ci permette a distanza di tutto questo tempo di rivederli e farci fare veramente tante risate. Neanche gli intermezzi della Vittorio Gucci Band sembrano svegliare dal torpore di noia e dalla piattezza del programma, che per mantenere il pubblico sveglio all’una di notte – una parte del pubblico, ovviamente – è costretto a ricorrere alla soluzione più semplice di tutte: culi e tette a volontà. Se negli anni ’80 potevano risultare una novità oggi ormai sono così inflazionati che non ce ne stupiamo più.

Ogni programma ormai ha la sua giusta dose, a qualunque ora della giornata e in qualunque forma. L’aspetto più demoralizzante della questione resta comunque il pubblico. 963.000 spettatori pari al 13,07% di share (dato della prima puntata del 23 marzo) a quell’ora mi fanno davvero cadere le braccia. Devo ancora scoprire cosa succede a questo Paese che fino a due anni fa ha costretto l’interruzione del programma e oggi invece ci costringe a sorbirci una quarta nuova serie. Non posso credere che questo successo dipenda dai conduttori, nè dalle “gag” che sono sempre uguali e non strappano sorrisi. Forse il mercoledì è il giorno dedicato all’idiozia? Non mi pare. Vorrei dunque che qualche fan mi spieghi cosa c’è di divertente al Saturday night live!