X


Annozero trasmette la nuova barzelletta di Berlusconi

Scritto da , il 22 Aprile, 2011 , in Personaggi Tv
annozero berlusconi

Ieri sera Annozero, il programma condotto da Michele Santoro, ha trasmesso l’ennesimo scoop, realizzato grazie a il contributo determinante di un ‘infedele’. La ‘vittima’ è il presidente del consiglio, che delle barzellette, più che delle donne, non riesce più a fare a meno. Berlusconi è appoggiato allo stipite di un cancello. Vicino al premier ci sono molti giornalisti, uno dei quali gli chiede cosa pensi dell’attuale allenatore del Milan: “Presidente, Allegri è come Capello?” Il presidente del consiglio, che è anche il numero uno del club rossonero, non ha evidentemente molta voglia di parlare di calcio. Piuttosto vuole scherzare: “Sono vecchio, sto perdendo la memoria”. E’ solo l’incipit della barzelletta, che prosegue: “Questa mattina stavo inseguendo la mia segretaria per farmela sul tavolo e mi ha detto: ‘Presidente, lo abbiamo fatto due ore fa’. Le ho detto: ‘Vedi, è la memoria che mi fa difetto’”.

La battuta, di certo, non merita di entrare nella storia della comicità. Ma diventa un caso perché a raccontarla è stato il presidente del consiglio. Per Michele Santoro è grave il fatto che dei cronisti abbiano promesso al primo ministro che non avrebbero parlato della sua barzelletta un po’ volgare. Della battuta, infatti, non si è saputo nulla fino a ieri sera. grazie alla compiacenza degli ascoltatori. Chissà se anche questa volta scoppierà un polverone. E’ spesso così quando Berlusconi si mette a fare battute poco eleganti e fuori contesto.

La vittima preferita dal presidente del consiglio è indubbiamente l’esponente del Pd Rosy Bindi, definita in un’occasione (era una diretta televisiva) “più bella che intelligente”. Qualche giorno fa Berlusconi aveva preso in giro un giovane laureato per… il suo senso estetico, invitando poi le ragazze più carine all’ormai mitico Bunga Bunga. Non c’è più dubbio. Se Berlusconi deciderà di non fare più il presidente del consiglio (ma non ditelo all’opposizione, che cadrebbe nel panico), un lavoro da cabarettista non gliene toglierebbe nessuno. Probabilmente non farebbe ridere, ma il successo di ascolti sarebbe garantito!