X


Che tempo che fa: Nanni Moretti presenta Habemus Papam

Scritto da , il 16 Aprile, 2011 , in Programmi Tv
nanni moretti a che tempo che fa

text-align: center”>nanni moretti a che tempo che fa Foto

Domenica 17 aprile alle 20.10 Nanni Moretti sarà ospite di Fabio Fazio a ”Che tempo che fa”. Su Rai Tre, il regista rilascia la prima intervista realizzata in uno studio televisivo sul suo nuovo e attesissimo film, ”Habemus Papam”. La pellicola è già stata presentata in conferenza stampa e da ieri viene proiettata nella sale cinematografiche . Assieme a ”This must be the place” diretto da Paolo Sorrentino, ”Habemus Papam” rappresenterà il nostra Paese nella prossima edizione del Festival di Cannes, che avrà luogo a partire dall’11 maggio.

La pellicola di Nanni Moretti sta facendo molto discutere tra gli addetti ai lavori. Raramente, d’altronde, accade il contrario quando il regista è lui. Veniamo al film. I cardinali riuniti in Conclave nella Cappella Sistina sono occupati nella scelta del nuovo Papa. Molto a sorpresa, a essere nominato è il cardinale Melville. Costui accetta con molta inquietudine interiore l’elezione. Però, quando si tratta di presentarsi alla folla dal balcone centrale della di San Pietro, fa un passo indietro.I fedeli restano attoniti. Più di loro i cardinali, che hanno l’arduo compito di rimediare a una situazione tragicomica. Viene deciso, tra mille perplessità, di fare ricorso a uno psicanalista. Il dottore dovrebbe portare alla luce i motivi profondi che hanno spinto Melville a rifiutare la poltrona papale. La situazione, invece di migliorare, peggiora. Il Papa, infatti, approfitta di un momento di distrazione generale e se ne va in fuga per le strade della Capitale.

“Habemus Papam” è un film che fa sorridere. I chierici vengono presentati nelle loro debolezze, nella loro umanità, ma non non ridicolizzati. “E’ il film di un Autore che ha messo la testa a posto – scrive Federico Pontiggia sul sito de Il Fatto. – Lasciati nel fuoricampo vezzi, frizzi e narcisismi, rimane il Moretti autarchico per immagini e suoni, capace di dare carta Bianca al nostro immaginario, con un’idea inaudita: un Papa non ancora Papa, una non presa del potere che metterebbe d’accordo Fellini e Rossellini per una superba sintesi del nostro cinema. Si ride, e si sorride, di un’ironia che mai deturpa il paesaggio antropologico, che fa spirito con Spirito, che fa professione di fede nel riempimento creativo e poetico di quel “deficit d’accudimento” che Moretti e Margherita Buy vogliono per refrain”.

La pellicola sta avendo un buon successo tra la critica, come dimostra anche la recensione di Pontiggia. Sono in molti a considerare il film sul papa il migliore in assoluto di Nanni Moretti.