X


Dal 2 Maggio su RaiUno “Il mio canto libero” condotto da Vittorio Sgarbi

Scritto da , il Aprile 14, 2011 , in Programmi Tv Tag:

text-align: center;”>Vittorio Sgarbi Foto

Per tutti coloro che aspettavano da tempo quest’evento, è finalmente in dirittura d’arrivo il tanto chiacchierato programma condotto da Vittorio Sgarbi che prenderà il via il prossimo 2 Maggio su RaiUno. Dopo svariate voci sul titolo, lo stesso controverso personaggio a metà tra cirtico d’arte e opinionista ha annunciato che si intitolerà Il mio canto libero. A presentare la sua creatura è lo stesso Sgarbi, che a causa della par condicio dovrà dimettersi da sindaco di Salemi. In un “divertente” siparietto tra lui e i conduttori di Un giorno da pecora su RadioDue ha raccontato: “Prima gli hanno dato tutti i titoli del mondo: Fahrenheit, per esempio. Ma il più divertente era Hannibal, al di quà del bene e del male, con Sgarbi che appare con una maschera e dice ‘capra’, ma non è piaciuto”. Ora bisogna vedere quali saranno i temi toccati dal programma. La prima puntata sarà davvero da non perdere: si parlerà di Dio, “e ci saranno come ospiti Lech Walesa, il Vescovo di Noto e Matthew Fox, il teologo delle 95 tesi”.

Insomma Sgarbi vuole partire forte, anche se ha smentito gli articoli de Il fatto quotidiano in cui si insinuava che la sua compagna avrebbe fatto parte del programma percependo circa 40mila euro. “Non è vero – ha precisato – il Fatto dovrebbe chiamarsi La menzogna. Io ho chiamato ieri sera la mia ragazza e lei per l’ennesima volta ha detto no, perchè non le piace la televisione e non vuole dare soddisfazione al Fatto”. Contenta lei. Chissà invece se saranno contenti i presupposti ospiti che si avvicenderanno nelle altre puntate, dedicate nell’ordine alle donne, a libertà e giustizia, al vero e al falso, a follia e bellezza, e alla Biennale di Venezia: si è parlato di Patty Pravo, Ligabue, Alessandro Baricco, Sabrina Ferilli e Roberto Baggio. “Mai invitati. C’è una lista di nomi che delle spie dentro la Rai passano al Fatto”. Ma con Sgarbi non si è mai troppo sicuri di nulla.