X


Barbara Berlusconi: il Milan è esposto ai media, non io

Scritto da , il Maggio 9, 2011 , in Personaggi Tv Tag:,
barbara berlusconi e pato

Avere una laurea in Filosofia e trovare anche lavoro. Migliaia di dottori non ci riescono. Ma se ti chiami Barbara Berlusconi (nella foto insieme ad Alexandre Pato) allora diventa leggermente più facile.La filosofa è oggi una dirigente del Milan, fresco vincitore di scudetto. Una bella soddisfazione, per Barbara, che grazie all’amore per Pato può gioire due volte. Intervistata dal Corriere della Sera, la figlia del premier ha spiegato il perché della sua carriera in rossonero. “Da un po’ di tempo si discuteva con mio padre di questa possibilità e, quando ho terminato gli studi, ho pensato alle parole che spesso mi diceva: Se riesci a comprendere come si gestisce una società di calcio, allora sarai in grado di operare in qualsiasi altro settore. Allora ho creduto che il Milan potesse essere una realtà stimolante in cui formarsi“.

Barbara si fa ormai vedere spessissimo allo stadio. Lei, che fino a pochi mesi fa non sarebbe nemmeno stata riconosciuta per strada, ora è continuamente inquadrata dalle telecamere e riempie i giornali di gossip per la storia d’amore con Alexandre Pato. La dirigente rossonera, però, non si sente sotto pressione e spiega perché: “Ho grande visibilità da quando lavoro per il club? L’esposizione mediatica è del Milan e della squadra, che è al centro dell’interesse dei tifosi. Il Milan mi ha sempre appassionata prima come tifosa e oggi da un punto di vista professionale. Questa è una realtà di rilievo per Fininvest ed è importante che ci sia la volontà di interessarsi in modo diretto al suo sviluppo“.

Sulla storia d’amore con Pato, Barbara Berlusconi non si è per nulla sbilanciata. “Siamo solo all’inizio. Se sono serena con lui? Sì, lo sono“, ha spiegato la dottoressa in Filosofia al Corriere della Sera. Anche il calciatore brasiliano sembra molto sereno con Barbara. Chissà se i fotografi faranno loro perdere la tranquillità durante la prossima estate.