X


Le veline di Striscia sono inutili, parola di Vanessa Incontrada

Scritto da , il 19 Giugno, 2011 , in Personaggi Tv
elisabetta canalis

Elisabetta Canalis (nella foto tratta da Kataweb), Maddalena Corvaglia, Melissa Satta, Giorgia Palmas, Veridiana Mallmann, Alessia Merz, ecc.: quando facevate le veline a Striscia la Notizia eravate  totalmente inutili! Non ve lo dice un terribile quotidiano comunista, né Michele Santoro, né qualche altro “nemico” del presidente del consiglio e fondatore di Mediaset, Silvio Berlusconi. Ad affermarlo è una che per il gruppo televisivo di Cologno Monzese lavora e da molto tempo ormai: Vanessa Incontrada.

La presentatrice, che in questo periodo sta recitando in teatro, ha detto al quotidiano La Stampa che continuerà a fare l’attrice per film tv e che Zelig le manca molto: “Mi mancherà sempre, è come quando ti separi dopo vent’anni di matrimonio – ha spiegato Vanessa. – Professionalmente è come vedere il mio ex marito con un’altra, per questo non mi permetto di giudicare né Claudio Bisio, né Paola Cortellesi, che fra l’altro sono pure miei amici. Volete sapere se tornerò a condurre Zelig? Non so dirlo, ma può darsi che non torni più“.

Ma la parte più interessante dell’intervista, quella destinata a fare discutere, è relativa alla tv italiana e alla funzione delle veline. Chi l’avrebbe mai detto che una punta di diamante di Mediaset osasse criticare i “colleghi”? Nessuno. Eppure è accaduto. Leggete un po’ che bordate. “Io non guardo la televisione, sono anni che non l’accendo – ha spiegato l’attrice. – Rispetto alla tv spagnola, che ha pure un lato gossipparo allucinante, in Italia usano le donne come oggetto in maniera spudorata. Qual è il senso delle due veline che ballano a Striscia la notizia?

Già, quale è? Per Antonio Ricci è un modo per prendere in giro la tv stessa. Insomma, le veline avrebbero una “funzione ironica”. “A me non sembra – dice l’ex presentrice di Zelig – sono due belle ragazze che fanno un ballettino, ma cosa vuol dire? I format sono sempre gli stessi e Striscia la notizia c’è anche in Spagna, però lì non vedi tutte queste ragazze, per il varietà c’è un conduttore e basta. Non ne vedo l’utilità, e non è una questione di femminismo: non critico il ruolo né l’esibizionismo delle persone, nessuno può giudicare perché non sai mai cosa farai tu in futuro. Però così che razza di messaggio è…

Il messaggio è? “Il punto è questo: vuoi cantare? Canta. Vuoi ballare? Balla. Ma cos’è far la velina? – si chiede ancora una inedita Vanessa Incontrada. – E non mi venite a raccontare che Cristo è morto dal sonno: qui l’ironia non c’entra nulla“. C’è da attendersi la risposta di Antonio Ricci, patron di Striscia? L’autore ha portato avanti per mesi una battaglia con laRepubblica, proprio sulle funzione delle veline, ma forse qualche frecciatina la tirerà anche alla Incontrada. A meno che ordini di scuderia non impongano il silenzio.