X


Luciana Littizzetto resta in Rai: “Maria De Filippi fa programmi schifosi, Bonolis non può parlare di qualità in Tv”

Scritto da , il 14 Luglio, 2011 , in Interviste
luciana-littizzetto-giffoni-film-festival-2011

text-align: center;”>Luciana Littizzetto Foto

Anche Luciana Littizzetto, dopo Paolo Bonolis, ha partecipato al Giffoni Film Festival 2011, la rassegna stampa italiana dedicata ai film per ragazzi. Durante la conferenza di apertura, l’irriverente comica di Che tempo che fa e storica spalla di Fabio Fazio nelle domeniche di Rai 3, ha confessato di voler rimanere in Rai (qualcuno dovrà pur restare…): “E’ una bella televisione ma preferisco la Rai. Voglio rimanere in Rai perchè c’è un pubblico normale, la gente non è ancora abituata a schiacciare il tasto 7.

Il vero “problema” della rete del gruppo Telecom, dunque, sarebbe la poca visibilità e un target poco generalizzato: “Mi piace andare al mercato e incontrare la signora che si è divertita a vedermi e ascoltarmi la sera prima. Se lavoro in Rai sono certa che accade. Il pubblico può vedere cose importanti, non solo le solite boiate. Io sono un saltimbanco, porto leggerezza, è vero, ma sono all’interno di un contenitore che boiata non è“.

Di tutt’altro tipo, però, sono le dichiarazioni di oggi rilasciate al settimanale Leggo in merito alle recenti affermazioni di Paolo Bonolis sulla precaria situazione televisiva attuale (“Paolo Bonolis parla di qualità in tv? Suona strano, detto da uno che ha fatto un programma come Peter Pan: gente travestita da Ape Maia che va a schiantarsi contro i pali della strada“) e sui programmi di Maria De Filippi (“Non ho problemi a dire per esempio che Maria De Filippi, donna intelligentissima, fa dei programmi schifosi“). Peccato però che Paolo Bonolis abbia proposto anche Il senso della vita, bocciato dallo stesso pubblico di Ciao Darwin e Chi ha incastrato Peter Pan? ma pur sempre un ottimo programma, e che la stessa Littizzetto sia stata più volte ospite a C’è Posta per te… Ma poi, i volgarissimi siparietti con Fazio a Che tempo che fa, benchè spassosissimi, erano così “di qualità“?