X


Vasco Rossi non è depresso ma dipendente da Facebook: “I giornalisti sono comari del paesino”

Scritto da , il Agosto 9, 2011 , in Personaggi Tv Tag:
Vasco Rossi depresso

Dopo la cancellazione ingiustificata del concerto di Vasco Rossi in Siciliail re della musica torna a far parlare di sè, del suo ricovero in ospedale e della sua pseudo-depressione. E’ depresso titolano i giornali, non è depresso ribatte lui; sta male ed usa psicofarmaci dicono i giornali, non fa più uso di anti-depressivi ribatte lui; ha attaccato Ligabue dicono i giornali, non è vero ribatte lui. Se il Secolo XIX titola “Femate Vasco. Un senso non ce l’ha. Ha paura del declino”, Vasco – supportato da più di 8500 commenti – commenta “Non ho paura del declino perchè non ci sarà. Ho un sacco di progetti e ancora tanto da dire”. “Molti mi dicono di smettere di usare Facebook ma io sono convalescente, non un adolescente, non invadente e neanche prepotente” scrive Vasco Rossi in delirio. Poi attacca ferocemente la stampa.

“È divertente vedere come i giornali interpretano, estrapolano e traggono conclusioni opposte su tutto quello che dico. Io scrivo: ‘Dichiaro conclusa felicemente la mia straordinaria, trentennale esperienza di Rockstar ma continuerò a scrivere canzoni, cantarle e fare concerti in un modo diverso cercando nuove strade e nuovi modi di farlo’. Loro scrivono: Vasco si dimette, si ritira e va in pensione e poi – continua la rockstar – “Io scrivo: ‘Nel 2001 ho avuto una profonda depressione che ho superato grazie a un calcolato insieme di farmaci  studiato da un gruppo di medici seri e professionisti di grande competenza. Questo significa che oggi sto bene, non sono depresso. La stampa scrive: Vasco è depresso. Sta male. È finito“. E su Ligabue commenta: “Ligabue è un bicchiere di talento in un mare di presunzione”.

“Ho provato il gusto di mettere i panni fuori. Questo non per dare aria alla bocca delle comari del paesino, i cosiddetti organi di stampa, ma per godere della condivisione dell’esperienza e della sensazioni. Non ho paura di parlare delle mie debolezze, visto che, paradossalmente, sono la mia forza. Ho capito comunque che la stampa è veloce nell’informare ma dannatamente ritardata nel comprendere ribatte Vasco Rossi.

“Un velo opaco, grigio, ero di cattivo umore sempre, dalla mattina alla sera, dalla sera alla mattina. Ogni giorno, ogni momento. Per settimane, mesi. Sempre” così commenta la depressione che lo colpì nel “lontano” 2001 e da cui oggi dice di essere guarito.

Per i lettori de “LaNostraTv” alcune foto di Vasco Rossi in tour:

Vasco Rossi concerto

Vasco Rossi depresso