X


Baila! è andato in onda nonostante la diffida del giudice

Scritto da , il 27 Settembre, 2011 , in Programmi Tv
baila

text-align: justify”>bailaNessun passo indietro da parte di Baila! nonostante la decisione di ieri mattina del Tribunale Civile di Roma, che di fatto aveva stabilito come il format fosse una sorta di plagio di Ballando con le stelle. I dirigenti di Mediaset avevano subito fatto sapere che sarebbero andati in onda, come previsto, dopo Striscia la Notizia, anche se sarebbero state apportate delle modifiche dell’ultimora. “Evviva, siamo in onda. Ce l’abbiamo fatta”, ha esordito la conduttrice di Baila!, Barbara D’Urso. “Peggio di quello che è accaduto in queste settimane non può succedere: abbiamo inventato questa trasmissione in due ore oggi pomeriggio. Siamo in onda e chi se ne frega. Siamo sereni – ha aggiunto ancora la D’Urso – vogliamo divertirci e fare divertire la gente che è a casa“.

La parte del programma che non ha certamente subito modifiche riguarda la partecipazione di persone comuni e vip. C’erano Marcella Bella e Max Laudadio; Gianmarco Pozzecco e Raffaella Fico; Paolo Seganti e Marianna De Micheli; Costantino Vitagliano ed Elisabetta Gregoracci. La giuria era invece composta da Rossella Brescia, Arianna Bergamaschi, Al Bano, Simona Fancello e Caterina Arzenton.

Come hanno scritto anche altri siti, il programma sembra una sorta di remix tra Ballando con le stelle, C’è posta per te e tanta altra roba trita e ritrita. Non ci interessa entrare nel merito della vicenda giudiziaria, visto che tocca ad altri decidere. Però è innegabile che da troppi anni a questa parte la televisione non riesca a proporre nulla di veramente nuovo. Sarebbe dunque semplicistico, oltre che molto ipocrita, ridurre il problema alla querelle tra Baila! e Ballando con le stelle.

Il pubblico, comunque, non ha disprezzato. Iera il programma condotto da Barbara D’Urso ha raccolto una media di 4.013.000 telespettatori. Lo share è stato del 18,79%. Si è trattato della tramissione più seguita. E questo dato, probabilmente, non farà che aumentare le polemiche.