X


Caso Ruby, Emilio Fede: innocente. Vendola? Un poveretto

Scritto da , il Settembre 22, 2011 , in Personaggi Tv Tag:,
emilio fede

Ieri ospite de Lanzara, su Radio 24, era Emilio Fede (nella foto). Intervistato da Cruciani e Parenzo, il direttore del Tg4 ha parlato degli scandali sessuali che coinvolgono il premier, del caso Ruby e di Nichi Vendola. Il governatore della Puglia, nei giorni scorsi, lo aveva attaccato usando queste parole: “Emilio Fede, Lele Mora, Valter Lavitola, Gianpi Tarantini: questi eroi del nostro tempo, procacciatori di eroina e di escort. E’ l’antropologia che gira attorno al premier, all’esercizio di onnipotenza che questo vecchio maschio pensa di poter imporre come stile della politica. Ci fa vergognare l’idea che quattro vecchi maschi un po’ rimbecilliti possano con la loro volgarità entrare nella politica e sporcarla tutti i giorni.

Pepata la replica di Fede: “Un poveretto. Ma era Vendola questo? No, perché io so che a lui piacciono gli uomini…non perdo nemmeno tempo a querelarlo. Io la droga neanche so cosa è. Mai fatta una tirata in vita mia. Vendola va capito, davanti e di dietro. Quello che dice Vendola non m’importa: dica quel che gli pare. Io procacciatore di escort? Macché…però se finisco in cella e viene Vendola mi paro il culo! Ad ogni modo, non ho niente contro Vendola, mi era anche simpatico. Lo consideravo intelligente, ora no. Ha ragione D’Alema: gira e gira l’antiberlusconismo farà bene solo al premier“.

Sul caso Ruby: “Cosa risulta dalle intercettazioni? Il mio nome non c’è. Però c’è la conferma che Ruby Rubacuori non l’ha portata Fede”. Sugli scandali sessuali di Berlusconi, che per il direttore del Tg4 però tali non sono: “Berlusconi, se c’era la patonza, non l’ha fatta girare dalla mia parte. Come si capisce dalle intercettazioni, non sono mai coinvolto in questioni sessuali. Faccio solo autoerotismo. Non tira più, da parecchio. Provo a convincerlo che c’è qualcosa da fare, ma niente. Mia moglie? E’ stata la fortuna della mia vita. Lo stesso Berlusconi dice che è la parte migliore della mia famiglia“.