X


Report, Milena Gabanelli vs l’autorità per le comunicazioni: il video

Scritto da , il Novembre 21, 2011 , in Programmi Tv Tag:,
Milena Gabanelli

text-align: justify”>Milena GabanelliIeri sera è andato in onda Report. Il programma di Milena Gabanelli (nella foto) si è occupato di politica, affari e corruzioni, ma anche di smaltimento di rifiuti. Nell’ultima parte della trasmissione, la conduttrice è stata costretta a leggere una nota. La Gabanelli ci ha ironizzato sopra: “Abbiamo ricevuto un ordine dell’Autorità Garante per le Comunicazioni. Si riferisce a una nostra puntata trasmessa il maggio scorso. Tema: le concessioni legate ai giochi e il ruolo dei monopoli. L’ex direttore dei monopoli si è lamentato…” Viene mandato in onda il servizio della scorsa primavera: i monopoli hanno prorogato per altri 5 anni la concessione per il gioco del Superenalotto e questo nonostante il parere contrario dell’Antitrust. In pratica sarebbe stata violata la normativa sulla concorrenza. Il servizio sotto accusa parlava anche della vendita di un immobile.

La Gabanelli ha dovuto leggere il seguente chiarimento: Era stato il dottor Giorgio Tino a richiedere la risoluzione giudiziale della promessa di vendita di un immobile”. Poi il commento (polemico) della giornalista: “Signor presidente dell’Autorità per le comunicazioni, io eseguo perché non ho scelta. Però non mi può impedire di chiedermi se è questo il vostro lavoro. Mi chiedo cioè se un organo di nomina politica può ordinare quello che voi definite integrazione di una rettifica, quando per altro quello che è stato detto corrisponde al vero. Lei che è anche un poeta, se vuole può anche riflettere sul fatto che di fronte a una decisione illegittima per il consiglio di stato e per l’antitrust di prorogare una concessione anziché fare una gara, avvantaggiando pochi soggetti e determinando la possibilità di una richiesta di risarcimento danno a carico dei cittadini: ecco, di fronte a tutto questo – dice la Gabanelli – il problema, per voi, sono io. E ora che farà l’Autorità per le Comunicazioni? Ordinerà alla giornalista di chiedere umilmente scusa per le sue affermazioni? Tutto è possibile in uno stranissimo paese, il nostro, il cui il problema non è il marciume e i giochi di potere, ma chi le denuncia.

http://www.youtube.com/watch?v=fv_4UYNzczI