X


Emma Marrone a Sanremo con “un brano impegnato”… E Stefano De Martino? “Meglio lui che i trentenni falliti di oggi”

Scritto da , il Gennaio 31, 2012 , in Festival di Sanremo Tag:, ,
Emma Marrone Stefano De Martino

Cerchiamo di capire cosa possiamo fare. L’Italia siamo tutti noi, che poi ci sia un governo a darci delle direttive è giusto, se no saremmo nell’anarchia, come le scimmie sugli alberi. Noi italiani tendiamo a essere esterofili. Ma andate un mese in America o in Francia a vedere come si vive. Perché dobbiamo sempre sminuirci rispetto all’Europa e al mondo? Abbiamo superato la fame, le guerre: supereremo anche questa crisi“: è una Emma Marrone sempre più “impegnata” e “agguerrita” quella che si racconta e racconta del suo secondo Festival al settimanale A, in edicola da domani 1° Febbraio (sopra la copertina, ndr). Il brano che la giovane artista salentina porterà sul palco dell’Ariston, dal titolo Non è l’inferno, è stato scritto da Kekko Silvestre, leader della rock band dei Modà, e, tra l’altro non parlerà -strano a dirsi- di storie d’amore finite male e amori tormentati, tutt’altro. Non è l’inferno, infatti, sarà uno dei pochi -se non l’unico- brani del Festival a tematica sociale: “Quello che voglio dire -spiega la cantante- è che dobbiamo sentirci tutti colpevoli e artefici del nostro destino. Forse da me si aspettano una canzone d’amore, invece mi presento con un testo impegnativo, sui temi sociali“. E, siamo sicuri, potrà pertanto contare sul supporto della critica, già straordinariamente entusiasta, durante lo scorso Festival, per Arriverà, brano secondo classificato.

Molti maliziosi rumors, l’anno scorso, avevano anche parlato di una liaison tra la Marrone e Silvestre, categoricamente smentita dai due in quanto entrambi impegnati: parla anche del “suoStefano De Martino, concorrente ad Amici 9 ed ora ballerino professionista nel talent show di Maria, e sulle critiche ricevute per via del tradimento di lui: “Conviviamo da un anno e non ci siamo ancora scannati. Lui mi fa ridere, mi fa stare bene e poi ci bilanciamo: io ho l’ansia della precisione e lui mi ha insegnato a vivere con più leggerezza“. E non solo…

[imagebrowser id=338]

I trentenni di oggi?Sono dei falliti, per questo ho scelto un toy boy“. A dirlo è la stessa cantante 27enne, sempre innamoratissima del 22enne ballerino campano che, checché se ne dica e nonostante gli “elogi” di lei, non è certo un modello di virtù. Come vivranno, allora, questa volta, la “separazione forzata” duranti i giorni del 62° Festival di Sanremo? Raggiungerà il “toy boy” la sua ragazza? Vorrà anche lui, dopo Fabrizio Corona, proprio come nella migliore della tradizioni, il suo bel posto in prima fila?