X


Quelli che il calcio punta sulla comicità: torna in tv il baronetto Jean-Claude

Scritto da , il 9 Gennaio, 2012 , in Programmi Tv

E’ ritornato col nuovo anno e con la ripresa del campionato, l’appuntamento domenicale di Rai2 con Quelli che il calcio, nella versione orfana della Ventura e targata Victoria Cabello (in foto, ndr). Dopo qualche tentennamento provocato dai bassi ascolti e qualche critica di troppo all’algida conduttrice (il popolo della domenica sembra non aver dimenticato la più caciarona SuperSimo), il programma sembra aver acquistato un inaspettato brio. Merito delle numerose modifiche arrivate con l’anno nuovo: in primis la scenografia, più semplice e funzionale, con le due postazioni laterali a fare da cornice al palco: una dedicata al calcio, con Massimo Caputi e il suo commento sportivo, l’arbitro Rosetti e un ospite d’eccezione, Bruno Pizzul; l’altra presidiata del sagace Trio Medusa. Al centro lei, la padrona di casa, Victoria Cabello, che adesso sembra molto più a suo agio rispetto alla macchinosa e, aggiungeremmo noi, anche pericolosa, scenografia precedente (ricordate il suo ruzzolone in diretta di qualche settimana fa?). Il tutto valorizzato da una fotografia più luminosa e una distribuzione più omogenea degli ospiti in studio.

A proposito, è scompraso l’odioso divanetto scavato nel palco in cui la Cabello accoglieva i malcapitati per le interviste, tanto che perfino l’ospite d’onore, quel Marco Travaglio che è tornatoin pompa magna in Rai dopo averla abbandonata insieme a Santoro&Co., si ritrova ad essere intervistato sui gradini del palcoscenico. L’intervista al giornalista è il momento più interessante della puntata: il racconto del suo capodanno musica e danze, l’immancabile domanda su Berlusconi, e infine il gioco del Celo-Manca in coppia con la compagna d’asilo e di teatro (in gioventù si esibivano negli spettacoli della stessa parrocchia) Alba Parietti. Ma il tocco in più al restyling del programma lo danno i comici: la conferma più gradita è quella di Virginia Raffaele, esilarane nei panni di Ornella Vanoni che twitta dai bagni della Rai, così come azzeccatissimo è il nuovo personaggio di Ubaldo Pantani, stavolta nei panni del perfido patron di Dagospia, Roberto D’Agostino. La novità però è un’altra e porta il nome di Jean-Claude.

Il surreale baronetto interpretato da Marcello Cesena e accompagnato dall’immancabile “Madre“, è tornato sugli schermi di Rai2 con la saga di Sensualità a Corte, la parodia che lo vedeva protagonista ai tempi di Mai dire… con la Gialappa’s Band. Nelle vesti di un improbalile esperto di calcio (“Il calcio è quello sport acquatico, dove nuotatori in bikini si contendono una boa. E Fabio Cannavaro è uno stilista di lingerie maschile. Emporio Cannavaro, Just Cannavaro“), Jean Claude da consigli a Madre su come conquistare un calciatore, di fronte allo sguardo divertito di Travaglio, anche lui oggetto delle attenzioni del baronetto: “Guarda che fisico asciutto, deve essere un calciatore…“. La puntata si conclude con un siparietto niente male tra Luca Giurato e Marco Travaglio: il primo riceve dal secondo il testimone simboleggiato dall’agendina con i suoi articoli. La voce rilanciata in trasmissione dalla Cabello, infatti, vuole che Massimo Giletti sia l’erede del giovedì sera di Rai2 che un tempo occupava Michele Santoro: quale spalla migliore dunque, per lui, di Luca Giurato, che erediterebbe così il ruolo di Travaglio. Ecco, nell’immagine del passaggio di consegne tra i due, c’è il ritratto perfetto della Rai di oggi, con buona pace dei telespettatori.