X


Stasera in tv c’è Italialand remixata

Scritto da , il 6 Gennaio, 2012 , in Programmi Tv
Maurizio Crozza

text-align: justify”>Maurizio CrozzaStasera alle 20,30 su la7 c’è un nuovo appuntamento con Italialand remixata. La rete di Telecom Italia Media propone ai telespettatori il meglio del programma di Maurizio Crozza. Per il comico genovese quello appena trascorso è stato un anno da incorniciare. Italialand – Nuove attrazioni è stato in assoluto uno dei programmi più seguiti di la7 nel 2011. La trasmissione si è ormai stabilizzata intorno ai 2 milioni e mezzo di telespettatori e a uno share a doppia cifra. Crozza non ha risparmiato nessuno. Nemmeno il presidente Giorgio Napolitano (nella foto), sempre indaffarato a preparare discorsi all’insegna della “viva e vibrante soddisfazione”. Gli altri bersagli preferiti sono stati Matteo Renzi, Pierluigi Bersani, Umberto Bossi, Roberto Giacobbo, Vasco Rossi, Angela Merkel, Sergio Marchionne, Luca di Montezemolo e tanti altri. Insomma, chi sostiene che in Italia la satira funziona solo se si fa su Berlusconi dice un’idiozia. Da quando al governo c’è il nuovo esecutivo guidato da Mario, Crozza non ha perso la voglia e la capacità di graffiare.

Il comico genovese ha avuto grande successo col suo tour anche in teatro, dove ha sempre fatto registrare il “tutto esaurito”. Un tour, quello di Crozza, che presto ripartirà per essere replicato sul piccolo schermo. Dal 2012 l’apripista di Ballarò non sarà l’unico a fare satira su la7. La rete di Telecom Italia Media si è notevolmente rafforzata su questo fronte. Ha appena ‘acquistato’ Serena Dandini e Sabina Guzzanti. The show must go off prenderà il via il prossimo 14 gennaio. Lo spettacolo della Guzzanti qualche settimana più tardi.

L’ex conduttrice di Rai Tre, che come spalla avrà sempre Dario Vergassola, ha spiegato che la sua sarà una trasmissione nuova rispetto a quella precedente e che l’intento è anche quello di dare spazio ai talenti emergenti. Una missione assolutamente nobile, visto che nella nostra tv ci sono troppi giullari di corte, mentre per gli autori e gli attori satirici le opportunità per emergere sono ridotte al minimo.